Seguici su:

Attualità

Incinta, la Commissione non fissa una data utile per l’esame da avvocato. Il Tar condanna il Ministero della Giustizia

Pubblicato

il

Una praticante avvocato assistita dagli Avv.ti Girolamo Rubino e Giuseppe Impiduglia, aveva impugnato dinanzi al T.A.R. la decisione con la quale la Commissione Esami Avvocato presso la Corte di Appello di Bologna, pur prendendo atto dello stato di gravidanza a rischio della candidata, ne aveva disposto un breve differimento della seconda prova orale dell’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione forense, incompatibile con il sopravvenuto precario stato di salute della stessa.
Il T.A.R. Bologna, condividendo pienamente i motivi di doglianza fatti valere dagli avv.ti Girolamo Rubino e Giuseppe Impiduglia, ha riconosciuto, già in sede cautelare, l’“assoluta preminenza delle ragioni di tutela della salute della donna in stato di gravidanza e del nascituro” e, per l’effetto, ha ordinato all’Amministrazione di disporre una seduta di esami suppletiva “in una data compatibile con lo stato di salute della ricorrente”. A seguito del provvedimento cautelare reso dal T.AR. Bologna, la Commissione Esami ha fissato lo svolgimento della prova orale ad una data perfettamente compatibile con lo stato di gravidanza. Il T.A.R., pertanto, ha preso atto della intervenuta cessata la materia del contendere, condannando tuttavia il Ministero della Giustizia al pagamento delle spese di giudizio in favore della ricorrente, giacché il differimento dello svolgimento della prova orale è stato disposto solo successivamente alla avvenuta proposizione del ricorso. Per effetto della superiore pronuncia, la giovane candidata G.V. potrà, dunque, sostenere la seconda prova orale dell’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione forense, mentre il Ministero dovrà rifondere alla stessa le spese processuali.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Alla ricerca di fondi per ristrutturare l’ Ipab Aldisio

Pubblicato

il

C’è un bando dell’Assessorato regionale alla famiglia che consente ai Comuni, in forma singola o associata, di partecipare per ottenere fondi utili al restauro di edifici da usare per servizi alle fasce deboli.

Il sindaco Lucio Greco ed il commissario dell’Ipab Antonietta Aldisio Giuseppe Lucisano hanno siglato un protocollo d’intesa per partecipare al bando, con il Comune come ente capofila, e chiedere i fondi per completare i due padiglioni dell’edificio di via Europa inutilizzabili fino ad oggi. Si potrà così creare un centro diurno per anziani ma anche ospitare un numero maggiore di anziani in quella che è l’unica struttura del territorio dedicata a questi soggetti fragili. In caso di finanziamento sarà il Comune a curare l’appalto dei lavori. L’iniziativa punta a rilanciare la struttura ampliando le attività – e di conseguenza i posti di lavoro  – dopo le turbolente vicende che si sono verificate due anni fa.

Continua a leggere

Attualità

Gli uffici di Caltaqua di Gela chiusi per due giorni

Pubblicato

il

Caltaqua ha comunicato che a causa di lavori imprevisti e urgenti da effettuare all’interno degli uffici di Gela, questi rimarranno chiusi al pubblico nelle giornate di domani 20 e dopodomani 21 gennaio. Resta operativo il call center ai numeri 0934-23478 oppure 800 180 204.

E’ possibile, inoltre, trovare tutte le informazioni sul nostro sito ufficiale www.caltaqua.it  

Caltaqua si scusa per il disagio

Continua a leggere

Attualità

“Scusate il disturbo”, il maestro Iudice partecipa al progetto artistico-solidale

Pubblicato

il

Il maestro Giovanni Iudice partecipa con una propria opera, all’asta per Sotheby’s, all’iniziativa solidale “Scusate il disturbo”. Un progetto artistico che abbraccia l’attenzione ai problemi di salute mentale, in favore della onlus “Il volo” di Monticello Brianza: una cooperativa che sostiene giovani con Disturbo borderline della personalità.  

La prima parte dell’iniziativa è prevista online in programma dal 21 gennaio al 4 febbraio, mentre il momento in presenza è fissato per il 7 febbraio al Piccolo teatro Grassi di Milano. Il pittore gelese prende parte a “Scusate il disturbo” con un’opera realizzata lo scorso anno e intitolata “Il mare di Gela”, pastello su base litografica metodo Glicèe (retouche) 41×60 cm.

(Nella foto, l’opera “Il mare di Gela” con cui Giovanni Iudice partecipa all’asta benefica)

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852