Seguici su:

Sindacale

Incontro fra amministrazione e Rsu Piano triennale dei fabbisogni

Pubblicato

il

La carenza di personale al Comune di Gela è diventata cronica. I dipendenti vanno in pensione e non vengono impinguati con nuovo personale. I concorsi non vengono espletati e tutto resta tremendamente statico con la mole di lavoro insopportabile per chi resta in servizio ed è a due passi dalla pensione. Il problema è uno dei più urgenti ed è stato preso in carico dalle Rappresentanze sindacali unitarie in un incontro sindacale che si è tenuto al Palazzo di Città fra l’amministrazione e le rappresentanza sul tema dell’approvazione del Piano Triennale dei Fabbisogni di Personale per il triennio 2022-2024. Le Rsu hanno constato l’assenza di idonee figure professionali nei Settori centrali e strategici dell’Amministrazione non abbia ancora trovato una soluzione visto che permangono situazioni di grave assenza nei ruoli di Funzionari di istruttori amministrativi. L’amministrazione ha preso l’impegno di rivedere il piano triennale dei fabbisogni per tentare ogni strada al fine di trovare le soluzioni adeguate. Sono previsti incontri periodici per un confronto diuturno con le Rsu

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sindacale

Sit in di 4 ore di Cgil e Uil giovedi davanti alla bioraffineria

Pubblicato

il

Si terrà a Gela, giovedì 11 Aprile dalle 09:00 ale 13:00, presso la Bioraffineria, il sit in di 4 ore organizzato dalla CGIL e dalla Uil di Caltanissetta, in occasione dello sciopero nazionale proclamato da Maurizio Landini Segretario Generale della Cgil e da Pierpaolo Bombardieri Segretario Generale dalla Uil.
Nei giorni scorsi infatti con lo slogan ‘Adesso Basta’, è stato lanciato uno sciopero generale, di quattro ore in tutti i settori privati, otto in quello dell’edilizia. Una mobilitazione indetta a sostegno delle comuni rivendicazioni: zero morti sul lavoro, per una giusta riforma fiscale, per un nuovo modello sociale di fare impresa.
Rosanna Moncada, segretaria generale Cgil Caltanissetta, sottolinea che “si sciopera perché, ancora oggi, non c’è un tavolo di confronto a livello nazionale e regionale. Le proposte del ministro Calderone, oltre al fatto che non sono state condivise dai sindacati, non vanno nella direzione da noi auspicata. E’ tempo di agire con investimenti, a partire dalle assunzioni di migliaia di ispettori”.


“Da oltre due anni – spiega il Coordinatore della Uil di Caltanissetta – Salvatore Guttulla ,abbiamo lanciato la campagna Zero Morti sul Lavoro per denunciare gli inaccettabili bollettini di guerra che siamo costretti a subire ogni giorno. Non è degno di un paese civile andare al lavoro e non sapere se si riuscirà a tornare a casa ed è per questo che chiediamo leggi più rigorose, lotta alla precarietà, formazione continua per tutti e controlli intensificati sulle norme di sicurezza”.


Moncada e Guttilla affermano che bisogna dire “Basta con una politica che non guarda al lavoro e alla sicurezza in un Paese che produce tre decessi al giorno; basta ad una devastazione del sistema Fiscale che premia gli evasori e Tar-Tassa Lavoratori dipendenti e Pensionati con una delega al governo che esautora il parlamento; basta ai contratti pirata degli amici del governo, senza rinnovare i Contratti Nazionali non c’è giustizia sociale; basta con riforme che spaccano il Paese e stracciano la Carta costituzionale,obiettivi importanti e fondamentali che declinati nel nostro territorio rappresentano elementi fondanti per affermare una nuova idea di sviluppo per la nostra Provincia.Il nostro è un territorio che lamenta diverse criticità non è un caso se ci ritroviamo relegati agli ultimi posti delle classifiche ed è per questo che è importante e necessario portare avanti iniziative che parlino di lavoro sicuro che contrastino leggi che hanno reso il lavoro precario e frammentato”

Continua a leggere

Flash news

Incontro sindacale sulle problematiche degli addetti alle pulizie nei locali ospedalieri

Pubblicato

il

Si è svolto su richiesta della Filcams Cgil e la Uiltucs di Caltanissetta guidate da Nuccio Corallo e Salvatore Bello un incontro presso la prefettura di Caltanissetta in merito alle problematiche relative al personale addetto alle pulizie ospedaliere.
All’incontro erano pure presenti un rappresentante dell’ASP e la Rekeep l’ azienda erogatrice del servizio di pulizia, sanificazione e ausiliariati
Le Organizzazione Sindacali hanno chiesto l’ adeguamento del parametro orario per tutte le maestranze interessate considerato che fin dal subentro della Rekeep
gran parte delle lavoratrici e dei lavoratori del pulimento svolgono un numero sproporzionato di ore di lavoro supplementare, spesso più del doppio delle ore ordinarie contrattualizzate perché gli ambiti, ovvero i metri quadrati delle sedi ASP nel territorio Caltanissetta risultano maggiori rispetto ai dati in possesso dalla committente.
L’Asp nel riscontrare le richieste sindacali si è impegnata a ncontrare la ditta nel giro di 15 /20 giorni al fine di poter adeguare il servizio di pulizia alle reali esigenze dei locali .
Ciò sara determinante per un successivo tavolo sindacale per effettuare quell adeguamento orario per tutte le lavoratrici ai lavoratori che da agosto 2022 ad oggi svolgono lavoro supplementare in tutti i siti ASP di Caltanissetta
“Da quanto emerso dall’incontro – dicono i 2 sindacalisti – ci auguriamo che non vengano riviste le aree di rischio per ridurre i costi perché ciò comporterebbe un serio rischio per gli ambienti e al contempo per la salubrità dell’utenza, spesso rappresentata da soggetti fragili da anziani, bambini oltre che per la salute dei dipendenti tutti, medici, infermieri, dirigenti, addetti alle pulizie, ausiliari.Naturalmente ciò comporterebbe un abbassamento delle ore ai lavoratori interessati che si sentirebbero in questa maniera letteralmente presi in giro”
“Non potremmo permettere che se da una parte si dà dall” altra si toglie
per non cambiare assolutamente nulla
Il lavoro di questi lavoratori va rispettato va tutelato e garantito in maniera legittima e trasparente come deve essere garantita la sicurezza dell utenza. A conclusione della riunione abbiamo chiesto anche una verifica per gli Ausiliari che alla stessa stregua svolgono ore supplementari e per i quali abbiamo assunto l’impegno di intraprendere un confronto con la ditta” – concludono

Continua a leggere

Flash news

Enirewind:tensione alta in vista dello sciopero dell’8 aprile

Pubblicato

il

Sale la tensione tra i lavoratori di Enirewind in attesa dello sciopero previsto per il
prossimo 8 aprile.
I lavoratori della società dell’Eni che si occupa della riqualificazione e risanamento
ambientale, ricevono pressioni per proseguire le attività anche fuori dall’orario di lavoro ordinario.
Nel corso delle riunioni intercorse tra i Sindacati e la direzione aziendale, non si è mai chiarito il ruolo della Società nella gestione futura degli impianti biologici che, comeriportato dagli organi di stampa, pare siano destinati al gestore pubblico come previsto dalla normativa vigente, mettendo in apprensione il futuro occupazionale sul territorio gelese.
Le eccessive ore di lavoro straordinario, la carenza di organico, la mancanza di ruoli
definiti nell’organizzazione aziendale, la saltuaria presenza di un riferente HR in loco,hanno fatto deteriorare i rapporti con le organizzazioni sindacali locali che già dallo scorso dicembre hanno denunciato una carenza di relazioni sindacali.

“Quanto previsto dai protocolli sottoscritti tra il gruppo Eni e le segreterie sindacali sembra non essere accettata dalla
società enirewind, che spesso mette la RSU e le stesse segreterie territoriali, davanti
a fatto compiuto. Bisogna avere un ruolo attivo nelle relazioni industriali, al fine di
contribuire alla salvaguardia dei posti di lavoro su questo territorio, così come
previsto dall’accordo del 2014”- denunciano in una nota i segretari dei chimici di Cgil, Cisl e Uil Rosario Catalano, Lorena Di Cristina e Maurizio Castania.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852