Seguici su:

Flash news

La Lega boccia il governo Greco: “città sporca come non mai”

Pubblicato

il

A metà mandato del sindaco Greco il commissario e consigliere della Lega Emanuele Alabiso sottolinea che si continua a costatare la quasi totalità della mancata pulizia della città, cavallo di battaglia ormai di una campagna elettorale e di un programma elettorale che si può definire libro dei sogni. : ” La  città non è mai stata cosi sporca da decenni  – dice Alabiso- non esiste una programmazione ne una calendarizzazione degli interventi da effettuare, e quei pochi interventi che vengono effettuati lasciano strascichi di delusione, vedi potature o meglio strappi di rami di aiuole a Macchitella”
“Non ci sono più giustificazioni- continua Alabiso – riceviamo continue e giornaliere segnalazioni da parte dei cittadini di assoluto degrado e sporcizia che alimenta il proliferarsi di insetti blatte e ratti, come segnalato in questi giorni in zona Giardinelli, Macchitella, settefarine e centro storico.Tutti i marciapiedi, sono pieni di carte, bottiglie, foglie ed erba incolta che veramente rende impossibile poter permettere a chiunque fare una passeggiata.Ruotano i dirigenti al settore ambiente ma la delega rimane in mano al sindaco da oltre 18 mesi, dimostrando la totale inefficienza nel gestire la problematica.La pulizia delle strade, quando viene effettuata, è senza una linea logica, solitamente si mette il divieto di sosta nelle strade dove deve passare la macchina per il lavaggio, con conseguente rimozione, invece mi 
tocca constatare, personalmente, che alle 07 del mattino, il veicolo fa lo slalom oppure continua il suo 
percorso spazzando la carreggiata, d’altronde sono pagati a km e senza nessun tipo di controllo si può fare 
quello che si vuole.
Che fine ha fatto il regolamento approvato dal consiglio comunale sulle adozione delle aiole? Mi risulta che ci sono aziende importanti, che hanno chiesto l’adozione di due aiole all’ingresso della città, ma sono bloccate senza esito .Allora egregi amministratori con in testa il sindaco, la città è stanca di sentire parlare solo di secondo
assessorato, rimpasti, mandati di esplorazione, guerre fratricida all’interno di una maggioranza che è sempre stata spaccata internamente, anche se in ritardo iniziate a lavorare almeno per rendere decoroso la vita dei gelesi, altrimenti prendete atto di un fallimento , da noi sempre denunciato, e fatevi da parte.La lega, che rappresento, trovandosi all’opposizione , ha il dovere di dover denunciare tale inefficienze, cosi come ha fatto in questi 30 mesi in aula e continuerà a farlo costantemente a costo di sembrare un disco rotto, ne vale della salute e sicurezza dei gelesi “

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Il letamaio nei pressi della stazione ferroviaria

Pubblicato

il

Zona della stazione ferroviaria ridotta ad un letamaio. Rifiuti di ogni genere, aree verdi abbandonate al loro destino: quello che dovrebbe essere il biglietto da visita della città per chi arriva da fuori con i treni è una zona che fa venire subito voglia di scappare 

Per fortuna i treni non passano, alla stazione di Gela non scende che un numero sparuto di cittadini. Non c’è da stare allegri ma è così. 

Restano sul tappeto gravi problemi igienici causati in parte da gelesi sporcaccioni ma , ancor di più, dicono i residenti della zona – da famiglie slave che hanno fatto della zona la loro residenza abituale. 

Continua a leggere

Attualità

Vasto incendio sulla SS 626 in territorio di Butera

Pubblicato

il

Traffico rallentato per visibilità zero sullo scorrimento veloce Gela – Caltanissetta. Non si tratta di nebbia ma di un vasto incendio che ha interessato una collinetta in territorio di Butera. Suo posto, oltre ai vigili del fuoco e alle guardie forestali sono arrivati anche gli agenti della polizia municipale. L’incendio si è verificato a metà mattinata .

Continua a leggere

Attualità

Il sindaco sul termoutilizzatore: “voglio vederci chiaro”

Pubblicato

il

Il sindaco prova a rassicurare la città in merito agli spunti e alle perplessità emersi dal consiglio comunale monotematico che si è svolto venerdi e che è stato convocato per discutere della possibilità di realizzare a Gela un termoutilizzatore di ultima generazione.

“Nessuna decisione è stata ancora assunta- dice- io per primo voglio vederci chiaro e per questo, oltre ad ascoltare con attenzione ed interesse i pareri di tutti, ho anche voluto accanto a me dei consulenti molto preparati sull’argomento, provenienti dall’Università Kore di Enna.
Ho trovato il dibattito molto proficuo, e su questa scia mi auguro si possa proseguire in un clima di confronto e collaborazione, al fine di fugare ogni dubbio di natura ambientale e di carattere sanitario”
“E’ una decisione estremamente delicata- continua – dalla quale passa il futuro della nuova Gela, ed è doveroso che sui piatti della bilancia vengano messi tutti gli elementi utili. Ho apprezzato gli interventi dei tecnici e quelli della deputazione, degli ambientalisti, dei sindacati e delle società interessate alla realizzazione dell’impianto, perché tutti insieme, ciascuna con la propria visione, hanno contribuito a rendere il quadro un po’ più chiaro. Legittime le domande poste, che devono avere delle risposte ben precise, in primis le preoccupazioni in merito alle ricadute sul territorio e alla raccolta differenziata spinta.Avrei gradito la presenza della Regione, visto che, se siamo a questo punto, è per via della decisione presa nei tavoli palermitani, e auspico che in futuro non si registri più tale assenza”

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852