Seguici su:

Lo Scrivo a Il Gazzettino di Gela

Mulè: proposta per la creazione di un sito di archeologia industriale

Pubblicato

il

Pregiat.mi Sigg.ri Dirigenti ENI, con la presente, mi si permetta di scriverVi riguardosa-
mente le seguenti considerazioni.

Al di là di determinati impianti dell’ex petrolchimico di Gela, di cui prossimamente è prevista la demolizione, ne esistono sicuramente altri che, se salvaguardati e opportunamente messi in sicurezza, possono rappresentare un esempio di archeologia industriale e quindi
passibili di fruizione turistica e scolastica, in particolare per gli istituti tecnici industriali. Di tale esempio si ha il conforto della normativa vigente la quale, con il D.Lgs. n.62 del 26
marzo 2008, prevede che i beni del patrimonio industriale vengano considerati a pieno titolo
come beni culturali. Non fosse altro per le attività dell’uomo, trasformatesi ed evolutesi nel tempo, che hanno avuto un notevole impatto sull’ambiente e sulla società stessa e fra queste attività, senza nessuna piaggeria, sono da annoverare quelle precedenti di codesta azienda e, in questo momento, proprio le Vostre nel contesto del management.

Ciò che si propone con la presente è quello che, tramite le SS.VV. e con chi di competenza di codesta azienda, si possa rivalutare il patrimonio “archeologico industriale” di cui questo territorio dispone e, attraverso mirate azioni di “elaborazione delle politiche urbane”, rifunzionalizzare gli spazi anche per la comprensione della storia economica e sociale del territorio di Gela, ma anche della Sicilia e forse di tutto il Meridione. Lo sguardo al passato, allo stesso tempo proiettato verso il futuro, diverrebbe la linea di condotta da intraprendere al fine di rielaborare i “vuoti” industriali e trasformarli in “pieni”, e dove possano emergere la tradizione e la memoria storica.

L’archeologia industriale spesso viene definita come disciplina vera e propria, un metodo di
studio e uno strumento di indagine dell’identità territoriale delle comunità; diversi Paesi come
l’Inghilterra, gli USA, la Francia e il Portogallo, ne fanno tesoro al punto tale che l’archeologia
industriale è materia di insegnamento universitario. Inoltre, oggi il patrimonio industriale è
diventato un tema d’interesse anche per il turismo, infatti, sono nati ovunque percorsi locali e regionali, reti di musei con progetti sistemici di promozione del territorio. E il nostro Paese è in prima linea nella valorizzazione di questa grande risorsa che comprende sia l’archeologia industriale (fabbriche obsolete dismesse che sono state musealizzate e riconvertite a nuove funzioni, vedi “Le Ciminiere” a Catania), sia la cosiddetta cultura d’impresa, che include i musei e gli
archivi aziendali e le visite all’interno di impianti industriali ancora attivi e non; visite che qualche
anno fa, organizzate in modo efficiente dal Presidente Franchi e dall’ex A.D. Arces, sono state realizzate a Gela all’interno della raffineria con una partecipazione cittadina notevole e interessata di cui lo scrivente è stato testimone.

Molti siti industriali oggi nel mondo e in Italia vengono riconvertiti a luoghi di cultura fruibili per
mostre di arte contemporanea, eventi, spettacoli e molto altro, vedi ad esempio il Villaggio ENI a Borca di Cadore, la “Fondazione Pirelli”, l’avveniristica “MAST – Manifattura di Arti, Sperimentazione e Tecnologia” di Bologna e la mostra “Lingotto VIVE & RIVIVE. Quand’era una fabbrica” di Torino. A tutti coloro che sono posizionati ai livelli apicali di dirigenza in codesta azienda multinazionale che è l’ENI, prestigiosa e assai rilevante per il futuro energetico nel mondo, si vuole sottolineare e riaffermare, senza tema di essere smentito, il convincimento che la fabbrica e i luoghi di produzione di ogni tipo sono contenitori di scienza, di tecnologia, di capacità imprenditoriale, di competenze intellettuali e di lavoro.
Pertanto, con la presente si ribadisce di coinvolgere le SS. VV. a progettare, laddove risulta possibile e prevedibilmente assieme ad altri enti del territorio, degli interventi mirati sugli impianti risparmiati dalla demolizione nell’ex petrolchimico di Gela con la conservazione e valorizzazione di tutte le caratteristiche che li compongono, siano esse culturali, storiche, tecnologiche e ambientali in modo tale da creare “l’isola di archeologia industriale” ovvero un bene culturale pregnante e di spessore che si aggiungerebbe al patrimonio storico e materiale della nostra comunità gelese di ben 2700 anni; un patrimonio del passato di Gela che inizia dalla protostoria e attraverso, le epoche greca, romana, medievale, i periodi risorgimentali e l’Unità d’Italia, arriva all’evento dello sbarco Alleato della Seconda Guerra Mondiale (che allora fece di Gela la prima città libera d’Europa) e, oggi, alla musealizzazione del relitto dell’antica nave greca, unica al mondo per la peculiarità delle sue caratteristiche costruttive e per la sua datazione.

Nel rimanere in attesa di un benaccetto riscontro, le SS.VV. Vogliano gradire i miei più distinti ossequi.

Prof. Nuccio Mulè

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Scrivo a Il Gazzettino di Gela

Lo ‘strano caso’ dei tirocinanti senza portafoglio

Pubblicato

il

Oreste Lauria,portavoce dei tirocinanti dell’avviso 22 della regione siciliana, non le manda a dire.

“Siamo stati formati tramite un tirocinio con la durata da 6 a 12 mesi, proposto da un bando della regione siciliana 22/2018 lavorando per poi alla fine essere rimandati a casa senza nessuna proposta di lavoro.

È palese che chi di dovere faccia chiarezza sul perché tutti i tirocinanti dopo 3 anni non siano stati ancora pagati.

Qualora si riscontrassero delle responsabilità oggettive, gli organi competenti della Regione siciliana dovranno adottare i provvedimenti necessari, in alternativa di trovare una soluzione per i pagamenti.

Invito inoltre tutto il nuovo Parlamento regionale ad intervenire sulla vicenda.

Ad oggi dei 1.741 tirocinanti dell’Avviso 22, 800 sono stati pagati a saldo dopo una lunga attesa e, dopo ben 3 anni, la restante parte ha ricevuto solo degli acconti bimestrali, ed addirittura 300 di questi sono rimasti senza nessun pagamento.

L’Avviso 22 prevedeva tre formule legate all’età: Misura A dai 18 ai 36, Misura B dai 37 ai 62 e Misura C che prevedeva il coinvolgimento delle fasce della categoria protetta, cioè diversamente abili e persone economicamente svantaggiate.

Sono trascorsi 3 anni ed ancora oggi 300 tirocinanti non hanno ricevuto nessun pagamento, sono gli invisibili dell’avviso 22, trattati come i figli di nessuno! Altri tirocinanti attualmente si sono dovuti accontentare di acconti bimestrali.

Abbiamo chiesto pubblicamente che il Parlamento regionale istituisca una commissione parlamentare d’inchiesta sui “disastri” dell’avviso 22 ed accettare eventuali responsabilità.

Invito il neo Presidente della regione siciliana Renato Schifani di aprire un eventuale dialogo con noi tirocinanti ed interessarsi in prima persona su questa vicenda insieme alla sua giunta regionale e di trovarne soluzione, altrimenti prenda provvedimenti necessari perché alcuni enti promotori nonché agenzia per il lavoro a quanto sembrerebbe non riescono a sanare le pratiche ai tirocinanti. Gli stessi sono stati scelti a concorrere a questa bando e sono accreditati con la regione siciliana.

Come ex lavoratori della Regione siciliana ci sentiamo umiliati, siamo in una condizione di disagio dopo essere stati usati solo per favorire un lavoro sottopagato. È giunto il momento che le istituzioni della politica regionale siciliana della nuova giunta del presidente della regione siciliana Renato Schifani, trovino una soluzione risolutiva del caso dei pagamenti, affrontando la realtà.

Pratiche del 2019 e del 2020 in attesa delle istruttorie, altre già sono state fatte ma presentano delle criticità in attesa che gli enti promotori e le agenzie per il lavoro riescano a sanare la pratica al tirocinante, altre pratiche non risulterebbero ancora nel sistema informatico dell’assessorato al lavoro, e pratiche in attesa che vengano date le assegnazioni agli uffici preposti per fare le istruttorie.

Alcuni tirocinanti hanno ricevuto l’email da mesi dall’assessorato al lavoro perché il proprio ente a quanto pare non riesce a sanare la pratica al tirocinante, e non si sa se vengono pagati, purché si trovi una soluzione per inserirli nei decreti di pagamento.

La vicenda ha varcato il valico della Sicilia ed è diventato un caso nazionale.

Dovrebbe andare andare in onda alle ore 20:40 su canale 5 venerdì il servizio su striscia la notizia.

La giunta regionale metta in atto misure che favoriscano realmente l’occupazione.

Vogliamo che si rafforzino le politiche attive del lavoro creando nuovi strumenti efficaci, ponendo fine alle vecchie formule degli Avvisi regionali nati solo per venire incontro alle richieste delle aziende pubbliche e private che abusano di manodopera a costo zero.

Alla fine del tirocinio siamo stati sfruttati come lavoratori e mandati a casa da disoccupati, noi vogliamo lavorare, purtroppo siamo costretti, almeno chi può, a percepire il reddito di cittadinanza per mandare avanti la famiglia, gli altri non possono neanche percepirlo nonostante disoccupati, non avendo i requisiti.

L’avviso 22 della regione siciliana è stato un flop nel suo intento primario, cioè il futuro inserimento lavorativo. Tra 1.741 tirocinanti, solamente 170 sono stati assunti con varie tipologie di contratto e sono andati sprecati 30 milioni di Euro predisposti dalla Comunità europea per le politiche del lavoro.

Oltre perciò al danno di esser stati sfruttati rimanendo alla fine disoccupati, si aggiunge la beffa della Regione siciliana che continua ad istituire nuovi Avvisi pubblici di partecipazione come Garanzia giovani 2 o Avviso 33, ed altri avvisi che nei prossimi mesi verranno pubblicati, creeranno solo altri tirocinanti da prendere in giro. Grazie a queste misure si favoriranno solo le imprese che beneficeranno di manodopera sottopagata dalla Regione siciliana senza prevedere una sicura e stabile occupazione futura.

Gli unici che si sono fatti sentire attualmente sono stati i deputati del movimento 5 stelle Nuccio di Paola vice presidente dell’assemblea regionale siciliana e Roberta Schillaci membro della 5′ commissione lavoro, formazione e cultura all’Ars, richiedendo un’audizione urgente per chiedere di trovarne soluzione migliore che si potrebbe adottare ai pagamenti.

Dopo diverse denunce in varie testate giornalistiche siciliane, finalmente sono arrivate le richieste di udienze al Parlamento siciliano.

Anche a livello nazionale si sta dando il giusto risalto ad una situazione che ha ormai davvero dei risvolti assurdi ed inquietanti”.

Continua a leggere

Lo Scrivo a Il Gazzettino di Gela

Morte Garotto: il ricordo di Sonia Aloisi

Pubblicato

il

Ha ridato la vita a migliaia di persone. La voglia di rimettersi in gioco, di guardare con piacere la propria immagine, di farsi guardare con occhio limpido. Di accettarsi. Adesso Alfio Garrotto, chirurgo molto noto nel mondo medico, è morto in un incidente stradale avvenuto nella parte bassa di via Etnea di Gravina di Catania, nei pressi dello svincolo della tangenziale a bordo della sua moto. Aveva 66 anni. La nota fotografa gelese Sonia Aloisio, proiettata su un piano internazionale, ha scelto la nostra redazione per esprimere i suoi sentimenti verso chi le ha regalato una seconda vita. Ecco il suo ricordo.

“Un eroe. Quello sei stato per migliaia di persone, perché dire Dott. Garrotto voleva dire resurrezione, a una nuova vita, al recupero della salute, dell’autostima, della fiducia. E hai sconvolto tutti, ma questa volta con la peggiore delle notizie. Centinaia di gelesi sono stati operati da te, persone a cui hai ridato una seconda opportunità di vita migliore. Se tentavi di diventare immortale, adesso ci sei riuscito, perché’ migliaia di persone ti saranno grate per la vita. Me inclusa. Siamo tutti vicini alla moglie la dott.sa Astuto, al suo staff e alla dottoressa Valentina Turco, sua assistente. Parlava col linguaggio del popolo per farsi capire da tutti ed ha salvato migliaia di vite di persone in fin di vita per obesità. Un dolore immenso”.

Continua a leggere

Lo Scrivo a Il Gazzettino di Gela

La storia di un Natale triste, di un uomo abbandonato dalle istituzioni

Pubblicato

il

Da agente di commercio, impegnato, dinamico, sempre in giro per la provincia di Caltanissetta ed oltre, alla vita sedentaria ed all’indifferenza delle Istituzioni pubbliche e sanitarie. E’ la storia di Giuseppe Pasqualetto di origine nissena ma inserito in provincia ed anche a Gela per motivi di lavoro per quasi 30 anni, come agente di commercio delle più note aziende di telecomunicazione della zona. Oggi isolato, dimenticato. Solo. Si è rivolto alla nostra redazione per lanciare il suo grido di aiuto e tentare l’ ennesima carta per essere ascoltato. Prima era un uomo abile al lavoro.

La sua storia clinica nasce nel 2009 quando è diventato disabile a causa di emorragia cerebrale. È stato colpito al tronco: 3 estrema unzione, 2 tracheotomia, blocco renale, sindrome di Lyell, 782 giorni di ricovero e tre mesi in coma vegetativo. Adesso ha quasi 60 anni e vive con una sorella che lo accudisce in tutto: “non posso lavarmi da solo – racconta Pasqualetto – per fare la doccia, a causa del mio equilibrio precario, ho bisogno di lei, per vestirmi ho bisogno del suo aiuto e per farmi la barba, a causa del tremore che ho agli arti superiori, mi faccio aiutare da una terza persona, per bere uso la cannuccia. L’Inps pero’, tramite i suoi medici, certifica il contrario, ha deciso che 650 euro al mese mi possano bastare, non mi è stata assegnata l’indennità di accompagnamento. In questi 13 anni di malattia mi sono state fatte, esclusivamente, angherie e l’ultima è la seguente: il 26 Novembre 2020 (non ho sbagliato, duemilaventi), al Comune di Caltanissetta ed all’ASP n. 2 provinciale, tramite mail/PEC, ho richiesto il mio progetto individuale di vita. Oggi nessuno mi ha contattato. Ho inviato il 1 settembre 2022, al sindaco, Roberto Gambino, tramite Facebook, un sollecito. Mi ha risposto che si sarebbe interessato ma non mi ha più dato alcun riscontro” .

Il progetto individuale di vita prevede che per ottenere piena integrazione scolastica, lavorativa, sociale e familiare della persona con disabilità, venga predisposto un progetto individuale per ogni singola persona con disabilità fisica, psichica e/o sensoriale, stabilizzata o progressiva. La sua finalità è creare percorsi personalizzati in cui gli eterogenei interventi siano coordinati in maniera mirata, al fine di rispondere adeguatamente ai bisogni ed alle aspirazioni del beneficiario.

All’art. 14 della legge 328 si specifica che per realizzare la piena integrazione delle persone disabili di cui all’articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, nell’ambito della vita familiare e sociale, nonché nei percorsi dell’istruzione scolastica o professionale e del lavoro, i comuni, d’intesa con le aziende unità sanitarie locali, predispongono, su   richiesta dell’interessato, un progetto individuale… Il progetto individuale comprende, oltre alla valutazione diagnostico-funzionale, le prestazioni di cura e di riabilitazione a carico del Servizio sanitario nazionale, i servizi alla persona a cui provvede il comune in forma diretta o accreditata, con particolare riferimento al recupero e all’integrazione sociale, nonché le misure economiche necessarie per il superamento di condizioni di povertà, emarginazione ed esclusione sociale. Nel progetto individuale sono definiti le potenzialità e gli eventuali sostegni per il nucleo familiare.

Il Progetto Individuale
Il Comune d’intesa con la A.S.L, deve predisporre un Progetto Individuale, indicando i vari interventi sanitari, socio-sanitari e socio-assistenziali di cui necessita la persona con disabilità, nonché le modalità di una loro interazione. Si tratta di un approccio che guarda alla persona con disabilità non come ad un utente di diversi servizi, ma come ad una persona con le sue esigenze, i suoi interessi e le sue potenzialità. Si tratta perciò di un progetto che si articola nel tempo ed ha la finalità di creare le condizioni affinché i servizi e gli interventi si possano realmente attuare e concretizzare in piena sinergia.

Tale progetto si inquadra come diritto soggettivo esigibile e può essere identificato come strumento per l’esercizio del diritto alla vita indipendente ed all’inclusione nella comunità per tutte le persone con disabilità,

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852