Seguici su:

Cronaca

Nuovo anno scolastico: gli auguri dell’assessore Gnoffo

Pubblicato

il

Oggi inizia per tutti il nuovo anno scolastico e l’assessore alla Pubblica Istruzione, Nadia Gnoffo, ha voluto rivolgere un pensiero ad alunni ed insegnanti per augurare loro buon anno scolastico.

“Questo che sta per iniziare – dice l’assessore Gnoffo – E’ un anno diverso, di ripartenza e di speranza, senza più il peso delle restrizioni. Un anno da passare finalmente insieme, in classe, tra i compagni e i docenti.

L’augurio che voglio fare a tutti, studenti, genitori, dirigenti, docenti e personale scolastico, è che sia un anno produttivo, sereno e ricco di soddisfazioni e gratificazioni.

In nome dell’ amministrazione posso dire che la giunta si impegna sin da subito affinché ogni servizio necessario venga attivato e perchè tutti siano messi in condizione di godere a pieno del diritto allo studio.

In questi giorni sarò in giro per le scuole per confrontarmi con i dirigenti ed ascoltare la loro voce, affinché questo sia un anno all’altezza delle aspettative.

Buon inizio di anno scolastico a tutti!

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cronaca

Muore dopo aver visto la Madonna in processione

Pubblicato

il

Mazzarino in lutto. Stamani la comunita’ nissena si è svegliata frastornata. Giuseppe Mangione di 42 anni non c’è piu’. Ieri sera era a casa in centro storico, ha visto passare la Madonna Immacolata in processione sotto il suo balcone e quando il fercolo ha raggiunto l’ ospedale, da quel sito è partita l’ ambulanza per soccorrerlo visto che aveva accusato un malore. Inutili i tentativi dei sanitari per rianimarlo: un’ora dopo si è accasciato ed ha reso l’anima a Dio lasciando tutti interdetti. Giuseppe ha vissuto in Svizzera e poi quando i suoi genitori sono andati in pensione è tornato in paese per assisterli. Ha studiato a Milano dove si è laureato in grafica e pubblicità e poi ha deciso di stare vicino ai suoi familiari. I suoi fratelli più grandi di lui hanno continuato a vivere in Svizzera dove lavorano e hanno messo su famiglia. Era caregiver dei suoi genitori: il padre allettato e la mamma ottantenne.

“Giuseppe è stato un figlio esemplare – ha detto la giornalista Concetta Santagati – per una mamma e un papà che nella sofferenza hanno potuto contare nel suo immenso amore e nella sua più totale assistenza. Un papà che gli ha trasmesso l’amore per la natura. Anche nelle grandi preoccupazioni non trascurava le terre di famiglia a cui si dedicava con abilità e grande dedizione. E poi faceva tanto volontariato, in parrocchia, in oratorio, alla Pro Loco di Mazzarino dove dimostrava le sue eccellenti qualità di graficoin questo è stato il mio braccio destro in tutti gli eventi più importanti che abbiamo realizzato per Mazzarino. Quante belle cose abbiamo fatto insieme al gruppo Pro Loco, coinvolgendo le scuole e il territorio.

Ma ciò che lo ha contraddistinto maggiormente è stato il suo modo delicato di coltivare i rapporti umani. Chi lo conosceva bene non può non ricordare il suo essere molto sensibile e contro ogni ingiustizia. Spinto da questi valori che incarnava particolarmente insieme ad un profondo spirito di sacrificio si donava agli altri senza aspettarsi mai nulla in cambio”.

Continua a leggere

Cronaca

Crolla un solaio in vico Pantelleria

Pubblicato

il

È crollato un solaio da un vecchio stabile in vico Pantelleria a pochi passi da via Caltanissetta nel quartiere Ospizio Marino, dove poco prima era passata la processione della Madonna dell’Immacolata. Lo stabile era vicino ad un altro palazzo dove da qualche tempo ci sono lavori in corso. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco con la motoscala proveniente dal comando di Caltanissetta.

Panico fra i residenti della zona . Di paura in paura, dopo un poco la scossa di terremoto.

Continua a leggere

Cronaca

Padre e figlio morti lo stesso giorno

Pubblicato

il

Succede di rado, ma ogni volta sconvolge i cuori. Due anime che volano a distanza di poche ore, sangue dello stesso sangue. E’ accaduto ancora. Un padre ed un figlio si sono riuniti nella morte. Il primo a rendere l’ anima a Dio è stato il padre Francesco Ventura di 81 anni a Gela, sofferente ed anziano. A distanza di 4 ore è morto il figlio Emanuele di 51 anni residente al Nord Italia per motivi di lavoro. Due dolori lancinanti per i familiari che hanno dovuto vivere la mancanza di due componenti fondamentali della loro famiglia. I funerali di Francesco Ventura sono stati celebrati stamattina alle 10.30 nella chiesa del Sacro Cuore di Gesù in concomitanza di pensiero col figlio lontano.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852