Seguici su:

Cronaca

Pd: “teatrino idiosincratico”

Pubblicato

il

La situazione sanitaria della nostra città continua, a buon ragione, ad essere oggetto di osservazioni locali e regionali.
La cosa che però sempre meno ci convince è la gestione schizofrenica che ha caratterizzato
soprattutto questa ultima fase della questione.
Sui rimpalli di responsabilità abbiamo ampiamente criticato l’amministrazione cittadina e i vertici manageriali del locale nosocomio, ma d’altra parte pare essersi aperto un ulteriore e sconcertante
teatrino idiosincratico, dove ciascuno sembra volersi rendere protagonista di considerazioni
svincolate dalla realtà politica ed amministrativa, ergendosi ora a paladino ora ad inquisitore dei risultati ottenuti senza una visione di prospettiva.
C’è addirittura chi definisce la città di Gela “covid free” ,e duole sentir pronunciare queste parole proprio dai vertici amministrativi locali, i quali hanno dimostrato oggettivamente inefficienza nella gestione del controllo del territorio, costringendo una intera città, numerosissime attività
commerciali e intere famiglie ad un perdurare asfissiante della zona rossa mentre il resto d’Italia cominciava ad assaporare il ritorno, a piccoli passi, della normalità.
L’ultima in ordine di tempo poi è la beffa del prolungamento proprio della zona rossa per la nostra città, salvo poi smentite regionali che in tempi mai visti prima hanno con solerzia restituito un conteggio “accettabile” o forse ( solo col tempo riusciremo a scoprirlo) semplicemente più realistico.
Ci chiediamo se i vertici regionali, quelli locali e quelli amministrativi ( che ricordiamolo proprio
dalla politica vengono nominati), abbiano in coraggio di parlare la stessa lingua,visto che -almeno in apparenza-sembrerebbero essere uniti da un unico filone politico.
Altra questione a dir poco imbarazzante è poi la gestione degli ultimi screening scolastici, che
hanno il sapore del “contentino”,effettuati con tampone molecolare al quale non segue alcuna
effettiva quarantena, se non un invito a permanere presso la propria abitazione dopo l’effettuazione
dello stesso, rendendolo di fatto poco se non addirittura assolutamente inattendibile in termini di
sicurezza al rientro nelle classi, dispendioso in termini economici e gravoso per la complessa e già
ingolfata macchina della sanità .
Pare quindi ovvio che davanti ad uno sperpero di denaro e risorse professionali, senza una reale
forza incisiva nel contrasto alla diffusione del virus, queste palesano una sconfitta senza mezzi
termini della politica al governo locale e regionale, che pare prendersi gioco della stessa intelligenza
dei cittadini con i soliti proclama ridondanti che risuonano nelle piazze,proclama assolutamente
vuoti nella loro efficacia pratica e di buon senso di cui tanto avremmo avuto bisogno.
Farebbero bene a correre ai ripari consentendo l’apertura ( ad un anno e mezzo dall’inizio della
pandemia) dell’ormai famoso Hub vaccinale,tanto fotografato e promesso nelle dirette social ,
ma ad oggi ancora miseramente chiuso, magari affiancandolo al rilancio e promozione della
campagna vaccinale in maniera capillare , senza lo scippo delle oltre 100mila dosi di vaccino
deviate su altre realtà regionali probabilmente più capaci di essere empatiche e autorevoli delle
nostre nei confronti dei propri cittadini.
La Segreteria

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

La Guardia costiera salva un bagnante

Pubblicato

il

Ieri sera, intorno alle ore 20, la Guardia Costiera di Gela è intervenuta per soccorrere un bagnante in difficoltà nelle acque antistanti il Club Nautico. Un uomo di 60 anni, è stato salvato dal gommone GC B112 della Guardia Costiera.

L’intervento è stato reso possibile grazie alla tempestività e alla professionalità del personale a bordo che ha risposto alla chiamata di emergenza. Giunti sul posto in pochi minuti, gli operatori della Guardia Costiera hanno trovato l’uomo ormai esausto e in stato di evidente difficoltà. Il rapido intervento è stato cruciale: pochi minuti in più e il bagnante non avrebbe avuto la forza di restare a galla.

Dopo averlo recuperato in condizioni di estrema stanchezza, il personale della Guardia Costiera ha portato l’uomo al porto rifugio di Gela, dove ad attenderli sulla banchina vi era una pattuglia della Capitaneria di Porto, pronta a fornire ulteriore assistenza. Un’ambulanza del 118 ha immediatamente preso in carico il soggetto per trasportarlo con urgenza all’ospedale.

Le condizioni del bagnante sono state valutate come serie, ma grazie alla prontezza del soccorso e alla successiva assistenza medica, le sue possibilità di recupero sono aumentate significativamente. Stamane i medici dell’ospedale riferiscono che l’uomo, seppur ancora sotto osservazione, è fuori pericolo di vita.

Il Comandante della Guardia Costiera di Gela ha espresso grande soddisfazione per l’esito positivo dell’intervento. Desidero esprimere con orgoglio il mio sentito ringraziamento all’equipaggio intervenuto per la prontezza e la professionalità dimostrate durante questo salvataggio. Colgo l’occasione per ricordare alla popolazione l’importanza di monitorare attentamente le condizioni del mare prima di avventurarsi in acqua e di rispettare le norme di cui all’ordinanza di sicurezza balneare n. 10/2024 della Capitaneria di Porto di Gela. È fondamentale avvisare tempestivamente i soccorsi al realizzarsi di ogni situazione di pericolo chiamando il numero unico delle emergenze 112 o il numero blu 1530 per le emergenze in mare. La tempestività nell’intervento è fondamentale.”

Questo episodio mette in luce l’importanza della presenza della Guardia Costiera e degli altri servizi di emergenza nelle aree costiere, pronti a intervenire per garantire la sicurezza di tutti i cittadini.

La Guardia Costiera di Gela continuerà a operare con dedizione e professionalità per garantire la sicurezza delle nostre acque e delle persone che le frequentano. L’episodio di oggi è un chiaro esempio del valore del lavoro quotidiano svolto dagli uomini e dalle donne della Guardia Costiera, sempre pronti a intervenire in caso di necessità.

Continua a leggere

Cronaca

Incendio a ridosso delle Mura Timoleontee

Pubblicato

il

Un vasto incendio sta divampando a ridosso delle Mira timoleontee del parco archeologico di Caposoprano.

I vigili del fuoco, allertati per tempo, sono arrivati tempestivamente ma hanno trovato i cancelli dell’area archeologica, chiusa come sempre per mancanza di personale.

Nonostante ciò sono riusciti ad aprire il cancello principale ed un questo momento, alle 17,50 stanno operando per domare le fiamme, senza aspettare che qualche custode aprisse, perdendo tempo prezioso. Sul posto anche i Vigili urbani.

Si ripropone il tema della sorveglianza. I pochi custodia in servizio sono concentrati al Museo storico chiuso per lavori.

Ed il parco di Caposoprano resta chiuso alla pubblica fruizione anche in estate, quando arrivano i pochi turisti di passaggio.

Continua a leggere

Cronaca

Al Lungomare i topi ballano e i turisti scappano

Pubblicato

il

La Ztl del Lungomare vale per le auto ma purtroppo non per i topi che passeggiano indisturbati e a gruppi.

È diventato virale un video pubblicato oggi sui social che immortala una colonia di topi al Lungomare a pochi metri dalla passeggiata dei cittadini e dei locali pubblici. La foto che pubblichiamo è tratta da quel video.

Servono un’attenzione maggiore, una pulizia maggiore ma anche un comportamento più corretto dei cittadini evitando di gettare a terra resti di rosticceria consumati poco prima. Serve comunque la derattizzazione e non solo al Lungomare dove i turisti scappano ma in tutta la città perché fa qualche settimana segnalazioni e video con la presenza di grossi roditori arrivano da più parti della città, dal centro come dalla periferia.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852