Seguici su:

Politica

Riforma dei consorzi di bonifica dopo 24 anni: da 13 a 4 in Sicilia

Pubblicato

il

Palermo – La giunta regionale ha approvato il disegno di legge di riforma dei Consorzi di bonifica e dell’intero sistema dell’irrigazione in Sicilia. La legge nasce da una esigenza di integrazione degli obiettivi della tutela dell’equilibrio idrogeologico del territorio, dell’uso razionale della risorsa idrica e della garanzia di un servizio essenziale per l’agricoltura. Riduce da 13 a 4 enti, revisiona il sistema tariffario e di finanziamento.

“Un risultato storico per la Sicilia – ha detto il presidente della Regione Renato Schifani – rappresenta una svolta importante nella gestione delle risorse idriche per l’irrigazione. Un uso più razionale dell’acqua per l’agricoltura è fondamentale per questo settore di eccellenza, anche in considerazione dei cambiamenti climatici che causano repentini stravolgimenti atmosferici passando in breve tempo dalla siccità alle alluvioni, quindi da un’emergenza all’altra. Il mio governo sta avviando una stagione di riforme con la quale vogliamo cambiare il volto della Sicilia nei prossimi 4 anni”.

La legge interviene nelle competenze di tutti gli attori coinvolti (Regione, agricoltori, Consorzi, altri soggetti pubblici e privati), definendole con chiarezza e allineando la Sicilia al quadro normativo europeo e nazionale in materia. In questo modo sono state superate le criticità che si sono manifestate nell’ultimo trentennio, a partire dalla normativa del 1995 (L.R. 45) e dei tentativi di riforma avviati, ma mai giunti a completa attuazione.

La riforma è stata voluta dal vicepresidente della Regione e assessore all’Agricoltura Luca Sammartino, soddisfatto per il testo di legge predisposto dopo mesi di confronto e dialogo con produttori, agricoltori, associazioni di categoria, sindacati, al termine di un lavoro che ha visto l’ufficio di gabinetto e il dipartimento regionale Agricoltura guidato da Dario Cartabellotta impegnati per esitare il testo in tempi celeri: “La riforma del settore non era più derogabile – dice Sammartino –. La nuova legge, che adesso affidiamo all’Ars con la speranza che si possa addivenire all’approvazione in tempi brevi, è una vera rivoluzione per l’agricoltura siciliana. La dota, infatti, di un sistema di irrigazione e bonifica organizzato sui principi della coerenza dei bacini idrografici e dell’uso razionale della risorsa idrica e – nuovamente, dopo lungo tempo – del coinvolgimento dei produttori”.

L’urgenza e l’inderogabilità della riforma è data dalle sfide poste dal cambiamento climatico, con i correlati rischi di calamità e di siccità, oltre che dall’esplicito impegno sottoscritto dalla Regione con lo Stato alla riorganizzazione del comparto. Il testo di legge prevede che in luogo degli attuali tredici enti (gli undici consorzi “storici” ed i due consorzi della Sicilia occidentale e orientale) si passerà a un assetto basato su quattro organismi corrispondenti a bacini idrografici omogenei: Nord-orientale (province di Catania e Messina, parte delle province di Siracusa e di Enna), Nord-occidentale (province di Palermo e Trapani), Sud-occidentale (provincia di Agrigento, parte delle province di Palermo, Trapani, Caltanisetta ed Enna) e Sud-orientale (provincia di Ragusa, parte delle province di Siracusa e Caltanissetta). Un assetto definito seguendo i confini naturali e non quelli amministrativi, secondo un principio concordato in sede di intesa fra Stato e Regioni fin dal 2008.

“Abbiamo letto l’ultima nota stampa della giunta Schifani in cui annuncia una nuova, l’ennesima, riforma dei consorzi di bonifica. Peccato che a quanto pare Schifani e Sammartino non conoscono neanche quanti siano numericamente…”

A dichiararlo è il deputato regionale del Movimento 5 Stelle Luigi Sunseri a proposito della riforma dei consorzi di bonifica annunciata con nota stampa dal presidente della Regione Siciliana Schifani. 

“Non vediamo l’ora – sottolinea Sunseri – di leggere l’ennesima riforma. Musumeci la annunciò e poi rimase ferma per 5 anni. Schifani la annuncia, ma non sa che i consorzi sono 2 e non 13. E vorrebbe portarli a 4” – chiosa il deputato Ars.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Flash news

Di Stefano propone intese, Alleanza per Gela potrebbe dividersi già stasera

Pubblicato

il

I partiti di Alleanza per Gela attenderanno fino al pomeriggio di oggi che Totò Scerra comunichi l’esito degli incontri bilaterali e quindi se c’è la volontà o meno di avviare trattative per l’apparentamento. Da stasera in poi se l’ipotesi di apparentamento risulterà non percorribile ciascuno dei partiti di Alleanza per Gela sceglierà autonomamente con quale dei due candidati andare a trattare. Ciascuno per la sua strada.

Sono in corso stamattina incontri tra Terenziano Di Stefano e i suoi alleati e la linea che sembra prevalere è quella delle intese politiche non degli apparentamenti. Intese politiche che guardano alla ricostruzione del progetto Agorà con il rientro di Franzone e Donegani e al saldare il progetto Agorà a quello di Alleanza per Gela alla luce del fatto che sono nati entrambi a Gela e hanno obiettivi comuni.Spazio nel governo Di Stefano anche per Alleanza per Gela.

Tutto è in divenire e ogni ora si aspettano novità

Continua a leggere

Flash news

Ricorsi in vista e incontri su improbabili apparentamenti

Pubblicato

il

Le Amministrazioni 2024 passeranno alla storia perché per un lungo periodo non si saprà per un lungo tempo chi ha vinto e chi ha perso.

Non si sa oggi a 5 giorni dalle urne chiuse e non lo si saprà a lungo dopo il ballottaggio. Che darà alla città un sindaco, una giunta ma anche un consiglio comunale che potrebbe cambiare in gran parte nell’arco degli anni a seguito dei tanti ricorsi già annunciati.

L’esito ufficiale dei voti porterà tanti studi legali già da ora al lavoro a formalizzare i ricorsi.

Uno è stato presentato alla commissione elettorale dalla coalizione di Scerra che vuole il riconteggio del voti al sindaco e alle liste.

Intanto senza dati è chiaro che le scelte politiche si fanno per via ipotetica e senza certezze.

Gli incontri all’interno delle coalizioni dei due candidati maggiori ci sono stati e quello che trapela è che in entrambe l’interesse è per stringere intese non per gli apparentamenti. Tutto è legato al calcolo dei seggi che si perdono o si guadagnano con gli apparentamenti. Il resto, cioè i programmi e altre condizioni indicate per apparentarsi, sono solo chiacchiere di facciata

Continua a leggere

Flash news

Il laboratorio PeR guarda avanti con il suo leader Miguel Donegani

Pubblicato

il

Riunione serale del laboratorio politico PeR con Miguel Donegani. Il progetto del laboratorio politico PeR continua.

“Non è scattato il voto libero che auspicavamo- dice Donegani- ma la nostra lista fatta dai giovani del laboratorio prende più voti del M5s che ha deputati e senatori e di Italia viva.E che dire del PD che alle Europee prende qua il 30% e alle Amministrstive si ferma all’8,8% con una lista in cui ci sono infiltrati che domani non saranno più appartenenti al PD.Noi siamo orgogliosi del nostro risultato conquistato con un progetto nato da un anno e che resta solido nelle basi perché creato goccia per goccia ogni giorno”.

Donegani svestiti i panni del candidato si pone come leader di un gruppo politico che vuole incidere nella politica locale. Ora si guarda al ballottaggio.

“Incontreremo chi ci chiamerà – conclude – e potremo i nostri temi irrinunciabili a cominciare da quello della sanità. Poi valuteremo il da farsi”

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852