Seguici su:

Attualità

“Trema la notte” al Bosco Littorio

Pubblicato

il

Il terremoto dell’animo umano sconvolto dal sussulto della terra: inaspettato, incontrollabile, funesto. Organizzata dalla libreria Orlando con il patrocinio del Comune di Gela, si è svolta ieri pomeriggio alle 19,00 presso la terrazza di Bosco Littorio, la presentazione del libro “Trema la notte” di Nadia Terranova, pubblicato da Einaudi editore presentato dall’ avv. Paola Greco.

“Esatta è la collocazione storico temporale del romanzo e coincide con il terremoto maremoto che il 28 dicembre del 1908 colse nel sonno le città di Messina e Reggio Calabria, radendole al suolo. – ha detto la relatrice Paola Greco –
Nadia Terranova trae spunto da quell’evento di dimensioni cataclismatiche e ne fa un paradigma di vita.
I suoi protagonisti, volutamente rappresentati con vite difficili, che in una precedente intervista aveva definito “giá piene di scosse”, sono una giovane donna di Messina di nome Barbara, ancora nubile e promessa sposa ad un uomo che disprezza, e un ragazzino di 11 anni, di Reggio Calabria, di nome Nicola, vittima dell’amore malato della propria madre.
Nicola e Barbara rappresentano gli invisibili, i deboli, nella società patriarcale dell’epoca. Soggetti a cui non è concessa la possibilità di scegliere alcunché, eppure intimamente mossi da un forte desiderio e bisogno di libertà, determinati a cambiare la propria sorte.
Ecco, allora, che il terremoto arriva a sparpagliare le carte di quel mazzo di tarocchi che tracciava le loro vite e, seppur gravato di tutto il dolore e la distruzione che la storia ci tramanda, diventa occasione riscatto.
I protagonisti sopravvivono al terremoto, nutriti dall’inconfessabile sentimento di sollievo per ciò che hanno perduto non volendolo trattenere.

Tanti i temi che sono stati sviscerati nel corso della presentazione: dalla famiglia alla maternità, dallo studio dei documenti storici sul terremoto alla cartomanzia”.

Il tutto sotto uno spicchio di luna nascente al tramonto, davanti ad una platea numerosa e attenta.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

La Verga di Caltanissetta prima al concorso di comunicazione

Pubblicato

il

Caltanissetta- Si sono classificati primi nel loro girone con uno spot di comunicazione sociale intitolato «La città di tutti … una città per tutti».

Sono cinque tra alunne e alunni della sezione E del primo anno della scuola media Giovanni Verga dell’Istituto Comprensivo Antonino Caponnetto di Caltanissetta.

Superata la fase interregionale dell’edizione 2024 del Digital Changemaking Contest che si è svolta lo scorso marzo al Real Collegio di Lucca, gli alunni della scuola Verga guidata dal Dirigente Maurizio Lomonaco, ritorneranno nella cittadina toscana il 29 e il 30 maggio prossimo per partecipare alla fase nazionale del contest che decreterà i Best Digital Changemakers 2024.

Continua a leggere

Attualità

A Ragusa lutto cittadino per la morte di Leone

Pubblicato

il

Ragusa – Dalle 15:30 alle 16:30 di domani, venerdì 19 aprile, in concomitanza con la celebrazione dei funerali del maestro Giuseppe Leone che si svolgeranno nella Cattedrale di San Giovanni, Ragusa sarà in lutto cittadino. Ad annunciarlo il sindaco Peppe Cassì.

“In segno di rispetto per le esequie, è stato stabilito di esporre le bandiere a mezz’asta in tutti gli edifici pubblici e di sospendere le manifestazioni pubbliche eventualmente in programma in quell’arco di tempo. Invito inoltre tutti i ragusani, le attività commerciali, le organizzazioni di qualsiasi tipo e le scuole attive a sospendere le proprie attività in quella fascia oraria per unirsi simbolicamente in un piccolo momento di raccoglimento”.

Continua a leggere

Attualità

Comune di Butera mette all’asta borgo Guttadauro

Pubblicato

il

Butera – C’è tempo fino al 26 aprile per presentare l’offerta al Comune per acquistare il borgo fantasma.

L’amministrazione municipale, guidata dal sindaco Giovanni Zuccalà,ha messo all’asta con un prezzo di base di 716 mila euro il borgo Guttadauro dedicato ad un capitano fascista gelese.

Il borgo fu costruito nel 1940 ( con la piazza centrale, la chiesa, la scuola,la caserma dei carabinieri e varie strutture) ma è stato subito abbandonato e tutto è un rudere.

Il Comune di Butera ne ha avuto la proprietà nel 1970 ma non ci sono fondi per un intervento massiccio. La decisione presa è di vendere.

 

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852