Seguici su:

Attualità

Tuona la Consulta : “si sposta l’attenzione su beghe politiche”

Pubblicato

il

La Consulta Gelese per la Disabilità interviene fermamente sulle vicende verificatesi nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale monotematico riguardante il trasporto disabili. Ciò che colpisce è il fatto che nonostante l’invito formulato dalla Consulta Gelese per la Disabilità a non strumentalizzare politicamente le vicende inerenti i gravi problemi della stessa disabilità il Consiglio Comunale ha preferito spostare l’attenzione sulle beghe partitiche piuttosto che concentrare i propri sforzi su una soluzione condivisa delle predette questioni. Lo stesso organismo ha infatti espressamente sottolineato che non esiste differenziazione tra trasporto verso i centri di riabilitazione e quello pubblico, affermazione ampiamente supportata dalle normative e dalla documentazione fornita dalla stessa Consulta ai consiglieri comunali presenti. Nonostante ciò vi sono stati consiglieri che hanno candidamente dichiarato di non aver votato, in favore dell’atto di indirizzo salvo poi astenersi, solo perché l’atto d’indirizzo chiedeva un proficuo confronto con le associazioni e chiedeva altresì l’immediata ripartenza del trasporto c.d. speciale e pubblico. Gli stessi hanno dichiarato di non   aver compreso il collegamento col tema del medesimo consiglio comunale. Vi è di più i consiglieri di opposizione (Alabiso, Spata (Lega), Bennici (FDI), Farruggia(M5S), Scerra(Avanti Gela)) ed alcuni di maggioranza (Ascia e Orlando (PD)) hanno dimostrato ampia sensibilità e  maturità nel raccogliere l’invito formulato dal Presidente della Consulta a differenza dei colleghi di maggioranza (Incardona Salvatore, Caci Valeria, Cascino Vincenzo, Morselli Giuseppe, Giudice Paola, Morselli Romina, Iaglietti Diego, Sincero Davide, Faraci Rosario)  che in maniera “pilatesca” hanno preferito astenersi sulla questione dimostrando di non avere un reale e concreto interesse verso le impellenti e improcrastinabili esigenze dei cittadini con disabilità, problemi ricordiamo che per la stessa natura non dovrebbero avere appartenenze politiche e dovrebbero invece costituire un’ assoluta priorità per tutti i rappresenti presenti in consiglio comunale. A tal proposito, anche alla luce del fatto che non è stato possibile replicare alle dichiarazioni formulate nel corso delle affermazioni fatte dai consiglieri al momento del voto si rappresenta che non corrisponde assolutamente al vero il fatto che tutte le associazioni siano state coinvolte nella vicenda trasporto avendo invece il primo cittadino convocato solo alcune associazioni ed avendo escluso la Consulta dallo stesso confronto. Si rappresenta inoltre che anche la stessa Commissione Servizi Sociali ha preferito convocare la Consulta solo 24 ore prima lo svolgimento della riunione riguardante il trasporto disabili rendendo così difficoltosa se non impossibile la partecipazione. Creano forse disagio le osservazioni critiche sulle gravi carenze rivendicate dalla Consulta??  Crea forse disagio il fatto che il Comune ad oggi costringe alla reclusione forzosa numerosi cittadini con disabilità poiché non garantisce loro il trasporto pubblico? Questi erano infatti i temi indicati all’interno della mozione bocciata dalla maggioranza. Ai posteri l’ardua sentenza. 

Infine fa riflettere anche la scelta operata dal Presidente del Consiglio Comunale dal quale ci saremmo aspettati una diversa sensibilità non solo perché anch’egli portatore di handicap ma anche per l’attività professionale svolta. Così come propugnato in campagna elettorale ci saremmo aspettati un voto favorevole in favore della mozione ed un deciso e fermo intervento sul tema oggetto del consiglio monotematico. Infatti ricordiamo che l’oggetto del consiglio monotematico era il trasporto disabili e non il trasporto AIAS così come asserito da qualche consigliere. 

                                                                        Avv. Livio Rocco Aliotta

(Presidente Consulta Gelese per la Disabilità)

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Palermo ospiterà il Congresso Nazionale dei Geologi

Pubblicato

il

Palermo – Dal 23 al 25 maggio, Palermo ospiterà il Congresso Nazionale dei Geologi, organizzato dal Consiglio Nazionale dei Geologi, intitolato “TERRA! Sfide, Innovazioni e Prospettive”. L’evento mira a mettere in luce le sfide contemporanee che interessano non solo la categoria professionale, ma anche i committenti e la collettività.

Tra i relatori di spicco ci saranno il Vicepremier e Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile, Matteo SALVINI, il Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, Gilberto PICHETTO FRATIN, il Ministro per la Protezione Civile e le Politiche del Mare, Nello MUSUMECI, il Segretario del Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale della Città del Vaticano, Suor Alessandra SMERILLI, il Presidente della Regione Siciliana, Renato SCHIFANI, il Viceministro della Giustizia, Francesco PAOLO SISTO, e il Sottosegretario di Stato Presidenza del Consiglio dei Ministri, ALESSANDRO MORELLI.

Il congresso affronterà temi cruciali come le conseguenze dei cambiamenti climatici e le necessarie azioni di adattamento, la pianificazione e gestione di tutti i rischi naturali, compresi quelli sismico e vulcanico, in fase emergenziale e non solo. Si discuterà anche delle azioni per la valorizzazione e il miglioramento tecnico della figura del geologo, considerando le novità riguardanti le lauree abilitanti.

Un focus particolare sarà dedicato al futuro dell’uso delle materie prime, alla transizione energetica e alla tutela dell’ambiente e del paesaggio. Altri temi centrali includeranno il governo del territorio e delle acque, con un’attenzione speciale alla progettazione di costruzioni e infrastrutture sostenibili.

Il congresso rappresenta un’importante occasione per delineare il futuro della professione geologica, con uno sguardo attento alle innovazioni e alle prospettive necessarie per affrontare le sfide globali in materia di ambiente e sicurezza.

Il tema delle conseguenze dei cambiamenti climatici e delle necessarie azioni di adattamento, sarà trattato ampiamente in specifiche sessioni del Congresso. Partendo da alcuni dati statistici indicativi: In Italia il 2023 è stato segnato da un trend in continua crescita degli eventi metereologici estremi che sono saliti a quota 378, segnando un + 22% rispetto al 2022, con danni miliardari e la morte di 31 persone. Solo i fenomeni alluvionali che si sono abbattuti su Emilia-Romagna, Toscana e Marche, hanno causato circa 10 miliardi di euro di danni. Ma si registrano sempre più frequentemente anche periodi di severa siccità, come l’attuale situazione di emergenza in Sicilia dove il 2023 è stato il quarto anno consecutivo con precipitazioni al di sotto della media storica di lungo periodo, con importanti diminuzioni dell’acqua invasata al 30% della potenzialità, con grandi preoccupazioni per l’approvvigionamento idropotabile e per l’agricoltura con stime di un possibile calo del 70% del raccolto

Continua a leggere

Attualità

“Ué – Eventi urbani”, tante iniziative in programma nei prossimi giorni

Pubblicato

il

Appuntamento domani, giovedì 23 maggio, alle 19 al Civico 111 per la presentazione del programma di iniziative promosso da “Ué – Eventi urbani”. Nei prossimi giorni infatti si terranno numerose attività all’interno della rassegna di rigenerazione urbana attraverso i festival artistici ideata proprio dal Civico 111.

Interverranno i rappresentanti di scuole, associazioni, gruppi e movimenti giovanili che parteciperanno alle varie iniziative. Il Civico 111, inoltre, ospiterà sabato alle 16.30 l’evento TEDx Gela Salon.

Continua a leggere

Attualità

Elipista:ritorna l’ipotesi dell’area limitrofa alla sede ProCivis

Pubblicato

il

Resta acceso il dibattito in città sull’elipista. La morte del carabiniere Basilio Meula ha acceso i riflettori su una situazione molto grave: l’elipista che non può essere utilizzata la sera e la notte perché manca la luce e il paziente gravissimo per essere trasportato in elicottero va trasferito prima in ambulanza a Niscemi. Si perde così tempo preziosissimo per chi lotta tra la vita e la morte. 

Tra le varie ipotesi di elipista attrezzata viene riproposta in questi giorni un’ipotesi già esaminata (si sono fatte in passato prove d’atterraggio con parere positivo dell’Enac) senza andare però a buon fine in questi anni. È l’area della   Pubblica Assistenza Procivis OdV Protezione Civile come elisuperficie. L’area è idonea come ampiezza, è custodita, ha accesso autonomo a qualsiasi ora ha personale antincendio già formato e l’ unico ostacolo sarebbero tre pali della luce che Enel dovrebbe sotterrare

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852