Seguici su:

Attualità

Un aiuto per le persone con handicap: nasce lo sportello disabili

Pubblicato

il

In questo preciso momento storico in cui i diritti dei disabili rappresentano la ‘scusa’ per una crisi politica. Una delle tante, in verità , se si considera il fatto che sul trasporto dei disabili si litiga da oltre 12 anni e si registrano licenziamenti e carte bollate a iosa. Arriva in questo frangente un aiuto che rappresenta la luce della speranza nel buio dei disservizi. L’ Adoces istituisce lo sportello SOS disabili, una goccia nell’oceano della solitudine.

“Accostandomi alla realtà delle persone con disabilità ed anziane si è destato in me il convincimento di avere a che fare con un ambito che dovrebbe farci interrogare – dice il presidente dell’ Adoces Giacomo Giurato – personalmente sul modo di porsi in relazione con questa realtà così complessa.
Ho pensato che sarebbe tornato utile al territorio la creazione di uno Sportello SOS Disabili con la convinzione che molto spesso ci si approccia a questa realtà con atteggiamento rinunciatario e poco “progettuale”.

Ricevo quotidianamente stimoli propositivi da giovani disabili e anziani, i quali, anche se non autosufficienti, reagiscono e ricominciano ad essere protagonisti della loro vita. Da qui, secondo me, traspare la necessità di sviluppare progetti mirati a diffondere un nuovo approccio che faccia si che quando il disabile incomincia ad incontrare le prime difficoltà più o meno accentuate nello svolgere le attività quotidiane, trovi anche i canali che lo aiutino a trovare delle soluzioni propositive, i servizi che può richiedere e a chi rivolgersi per avere dei suggerimenti.

Lo scopo dello Sportello SOS Disabili dovrebbe essere proprio questo: fungere da supporto alla Persona e da strumento di integrazione con il territorio, così da dare una risposta alle sempre più crescenti domande derivanti dai cambiamenti sociali.
Nel corso degli ultimi anni si sono infatti avute, e si stanno tuttora avendo, delle trasformazioni sociodemografiche che vanno ad incidere notevolmente sulla capacità di rete familiare sociale e della rete dei servizi di sostenere ed assistere le persone non autosufficienti.

Per questo e animato da spirito di servizio, Adoces Sicilia OdvO intende attivare lo sportello SOS Disabili all’interno dei locali della Casa del Volontariato, in via Ossidiana n. 27 e nello specifico nella stanza già utilizzata dall’associazione”

Lo sportello sarà curato da Giacomo Giurato e dal Dott. Antonio Ventura in sinergia con i volontari dell’associazione. I giorni programmati sono martedi e giovedì dalle ore 16.00 alle ore 18.00.

Si suggerisce di inviare una mail a adoces.sicilia@gmail.com per prenotare l’appuntamento oppure telefonare ai seguenti numeri:
Dott. Antonio Ventura 391/1011770
Giacomo Giurato 349/8844733

Lo Sportello SOS Disabili, è un aiuto concreto a persone con disabilità e ai loro familiari al fine di promuovere la conoscenza sui diritti e le tutele per una migliore integrazione sociale e vita indipendente.

La consulenza gratuita riguarderà:
IL DIRITTO ALL’ASSISTENZA E ALLA PREVIDENZA (contributi previdenziali, assistenziali, Legge 104, informazioni sulle procedure per il riconoscimento, Contributi, esenzioni e agevolazioni fiscali e tributarie);
IL DIRITTO ALLA SALUTE (carta dei diritti del malato, Carta Europea della disabilità, esenzioni ticket, agevolazioni fiscali sugli ausili);
IL DIRITTO ALLO STUDIO (diritto all’educazione e istruzione, con indicazioni su iscrizione e diritto di frequenza, insegnanti e ore di sostegno, tasse scolastiche);
IL DIRITTO DI UGUAGLIANZA (diritto alla libera circolazione, esenzione bollo auto, rilascio contrassegno invalidi, eliminazione barriere architettoniche negli edifici pubblici e privati, e tutela contro ogni forma di discriminazione)”.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Acqua impura in gran parte del nisseno

Pubblicato

il

La siccità sta portando non pochi danni. Non solo riduzione della erogazione ma anche acqua impura. Siciliacque ha comunicato che a causa della limitata capacità dell’invaso Fanaco, ormai ridotta a poche centinaia di migliaia di metri cubi, si sta registrando un peggioramento delle caratteristiche qualitative dell’acqua grezza, con particolare riferimento alla concentrazione di manganese.

Nonostante i tecnici abbiano proceduto a rafforzare le ordinarie azioni di trattamento, le acque in uscita dal Fanaco continuano a evidenziare – solo per il parametro del manganese – valori fuori soglia.

Considerando che nello scenario di severissima crisi idrica in atto le acque del Fanaco costituiscono l’unica risorsa disponibile a servizio dei comuni di Acquaviva Platani,  Bompensiere, Campofranco, Delia, Milena, Montedoro, Mussomeli, Sommatino e Sutera, il fornitore ha comunicato che proseguirà i trattamenti chiedendo nel contempo alle autorità sanitarie e alle amministrazioni comunali interessate di adottare i provvedimenti che saranno ritenuti più idonei, soprattutto in relazione alla non potabilità delle acque fornite. 

Caltaqua – Acque di Caltanissetta SpA, gestore del servizio idrico integrato, continuerà a distribuire nei territori di Acquaviva Platani,  Bompensiere, Campofranco, Delia, Milena, Montedoro, Mussomeli, Sommatino e Sutera acqua che, sino a nuove disposizioni delle Autorità di riferimento, non potrà essere destinata a scopi alimentari. 

Caltaqua fornirà tempestivamente ogni ulteriore utile aggiornamento man mano che sarà reso disponibile

Continua a leggere

Attualità

Acqua inquinata anche a Delia

Pubblicato

il

Delia – Non solo col contagocce ma anche inquinata ed utilizzabile per usi domestici. La solita storia dell’acqua ed il problema arriva anche a Delia come a Gela.

Il sindaco Gianfilippo Bancheri ha invitato la  Società  Caltaqua e la Società Siciliana Acque S.P.A. a provvedere a monitorare, in collaborazione con il laboratorio di Sanità Pubblica di Caltanissetta ed il Distretto Sanitario di DELIA, lo stato di inquinamento dell’acqua distribuita, facendo obbligo alle stesse società di comunicare tempestivamente al Comune la cessazione delle condizioni di rischio.

Al fine di eliminare le condizioni di potenziale pericolo nell’uso potabile dell’acqua distribuita dal civico acquedotto, è fatto divieto, nell’ambito territoriale del Comune di DELIA, di utilizzare per scopi potabili l’acqua limitandone l’uso per soli scopi domestici e civili fino a nuova analoga disposizione di revoca del presente provvedimento.

Ai titolari di pubblici esercizi ed ai soggetti gestori di servizi di ristorazione di comunità  è vietato di utilizzo per uso potabile limitandone l’uso per soli scopi domestici e civili fino a nuova analoga disposizione di revoca del provvedimento.

Continua a leggere

Attualità

Associazione H: “pedane improbabili e spiagge inaccessibili per i disabili”

Pubblicato

il

L’Associazione H grida allo scandalo. Prima l’abbiamo fatto noi attraverso la voce di Giacomo Giurato che aveva presentato un progetto ad hoc nel bando di Democrazia partecipata che non ha visto la luce.

L’Associazione H ha inviato una nota al Comune di Gela, alla Guardia costiera, alla Procura della Repubblica Gela. Il tema è sempre quello che si affronta ogni anno all’inizio dell’estate: le spiagge accessibili ai diversamente abili non deambulanti ai sensi della normativa vigente. O meglio inaccessibili.

“Richiamo i contenuti della nota della guardia costiera dell’anno scorso, rimasta disattesa tanto dal Comune che dai gestori di lido – scrive il presidente dell’associazione H, Avv Paolo Capici – torniamo a ribadire la necessità e l’urgenza di posizionare le pedane nel litorale nonché imporre ai gestori il rispetto dell’accesso e della visitabilità dando ai lidi quanto alle spiagge l’ingresso in acqua. Giungono notizie che una ditta sta posizionando delle pedane presso i luoghi già stabiliti con un’aggiunta municipale che però a quanto pare, malgrado una spesa di 60.000 euro, si stia semplicemente e insufficientemente preparando a posizionare le pedane in legno che per quanto si sa non hanno nessuna caratteristica di stabilità e sicurezza specialmente per le persone che su bastoni.

Né tantomeno i lidi, almeno in generale, si sono dotati di rendere idonei l’accesso al lido e alla spiaggia compreso l’ingresso in acqua che deve essere assicurato mediante avvicinamento ad un massimo di 5 metri dalla battigia ovvero con la dotazione di speciali Jobs che permettono al disabile di entrare comodamente in acqua. Risulta che gli stessi lidi non hanno dotazioni di personale infermieristico, esattamente il proprio dovere nel rispetto delle norme della guardia costiera. In difetto la documentazione sarà resa nota alla procura competente e si chiederà la revoca delle concessioni di tutti quei lidi che non sono dotati tanto per l’accesso al lido che per la visitabilità e l’accessibilità al mare.

Dunque barriere architettoniche per l’accesso dei disabili a mare puntolini e a capo.
Dopo il fallimento ripetuto degli anni precedenti e dopo che sono stati finanziati 60.000 euro per delle pedane conformi alla legge e cioè sicure ed accessibili a tutti, ecco che ci presentano i bancali di supermercato affinché i disabili accedono al lungomare nelle spiagge libere. Per farla breve e senza accusare il sindaco che di questa storia ne è fuori. Questo capolavoro viene fuori dall’assenza di attenzione dell’assessore uscente ai lavori pubblici che, con tutto il suo staff, non ha voluto ascoltare i consigli della consulta e delle associazioni ha assicurato che tutto andava bene ed invece è tutto un fallimento tanto per quanto riguarda queste pedane che per ciò che riguarda i controlli verso i lidi che sono per quasi più della metà non a norma, perché come ha descritto la Capitaneria di porto, alcuni lidi hanno scivoli pericolosissimi, non consentono l’accesso al mare, non hanno il personale di sicurezza, non hanno i bagni e non hanno nemmeno un job che consenta ai disabili di potere raggiungere l’acqua come vogliono tutte le leggi nazionali e regionali.

Ad opera finita valuterò se mandare gli atti alla Procura e alla Regione per capire se questi soldi sono stati spesi bene oppure c’è l’ennesimo trucchetto a danno dell’utenza. Intanto siamo quasi a luglio e queste specie di passaggio arcaico che dovrebbe essere impiantato ancora risulta buttato qua e là”.

Ecco l’articolo sul progetto bocciato

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852