Seguici su:

Flash news

Vaccini anti Covid: Musumeci, 76 mila prenotazioni in 24 ore

Pubblicato

il

Circa 76 mila prenotazioni in poco più di 24 ore. Da ieri mattina, quando è stata avviata la campagna sul target over 80, si sono prenotate 76.041 persone: nove su dieci via web, il resto tramite call center.

Palermo, Catania e Messina sono le province in cui si è registrato il maggior numero di soggetti con età superiore a 80 anni. A fornire i dati sono stati oggi pomeriggio il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci e l’assessore alla Salute Ruggero Razza, nel corso di una conferenza a Palazzo Orleans per fare il punto sulla campagna vaccini anti Covid in Sicilia. 


Intanto anche nell’Isola arrivano le prime dosi del vaccino Astra Zeneca (che si aggiungeranno a quelle Pfizer e Moderna già in somministrazione): per il mese di febbraio sono attese 102.900 dosi che, in accordo con il piano del ministero, saranno destinate alla popolazione di età compresa tra i 18 e i 55 anni. In questa prima fase, la priorità sarà data agli appartenenti alle forze dell’ordine e al personale della scuola.

 “Entro l’estate – annuncia Musumeci – contiamo di immunizzare la maggioranza della popolazione. Tutto dipende dalla quantità di vaccino che arriverà nella nostra isola”. 

In Sicilia, al momento, sono state vaccinate 113.467 persone, di cui 97.848 hanno già completato il richiamo, una percentuale quindi dell’86,2 per cento. Numeri destinati ad aumentare quando ai centri di vaccinazione già presenti sul territorio siciliano si aggiungeranno nove nuovi hub provinciali. E il prossimo obiettivo è quello di coinvolgere nella somministrazione del vaccino anche i medici di medicina generale e le farmacie.


Dal Dipartimento attività sanitarie e osservatorio epidemiologico dell’assessorato della Salute, intanto, fanno sapere che «è destituita di fondamento la notizia relativa alla presenza in Sicilia di soggetti affetti da Covid-19 con variante brasiliana. Sono in atto, invece, le sequenziazioni sulla ricerca del gene “S” della variante inglese su alcuni pazienti in cura nell’Isola».

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Il sindaco convoca incontro su come spendere 7 mln di royalties petrolifere

Pubblicato

il

Il Comune ha incassato 7 milioni e mezzo di royalties petrolifere del 2023 e, per legge, vanno destinate ad azioni a favore dell’ambiente. Le somme – e lo ha scritto chiaramente la Corte dei Conti- non possono essere spalmate nel bilancio per tappare i buchi o fare qualsiasi altra spesa a caso. Ne sanno qualcosa i precedenti amministratori che sono finiti sotto processo.

Il neo sindaco Terenziano Di Stefano ha convocato per oggi un incontro con la segretaria generale, la dirigente del bilancio e il dirigente Collura per discutere di come usare i fondi delle royalties.

” Bisogna riflettere bene e programmare- dice il sindaco – ed è importante che la città sia poi informata di come quelle somme saranno spese”.

Continua a leggere

Attualità

Belpasso: ritorna il Mechané Festival, palcoscenico di bellezza e cultura

Pubblicato

il

Ritorna a Belpasso un appuntamento imperdibile: il Mechané Festival, giunto alla sua terza edizione. Il festival si svolgerà dal 27 luglio al 6 agosto con un programma ricco di appuntamenti che trasformerà Belpasso in un palcoscenico di eventi imperdibili. Sarà un’esperienza coinvolgente ed emozionante in cui i partecipanti potranno immergersi in eventi culturali e non solo perché a caratterizzare il Mechané Festival saranno anche le spaccate dei Carri di quattro dei quartieri belpassesi.

Le incantevoli macchine sceniche barocche, infatti, ben rappresentano, contraddistinguono ed esaltano l’identità culturale e creativa di Belpasso. «Un evento che negli anni si è arricchito di appuntamenti collaterali, creando intorno a esso un festival dall’identità culturale e artistico davvero unico: il Mechanè Festival – spiega Carlo Caputo, sindaco di Belpasso -. Ho da sempre creduto nel valore artistico dei carri, sin dalla mia prima sindacatura, lavorando affinché si realizzassero i tre capannoni di Santa Lucia. Oggi credo altrettanto fortemente nel valore di questo festival che ospiterà una serie di eventi imperdibili tra musica, arte e cultura e che darà la possibilità di mostrare, soprattutto ai numerosi turisti che durante i mesi estivi arrivano a Belpasso, la bellezza del lavoro delle maestranze e dei devoti, e non solo».

Saranno dieci giorni straordinari, dove la cultura, l’arte e la musica si fondono per creare un’esperienza unica e indimenticabile. Il Mechané Festival è pronto a sorprendere con emozioni, spettacoli e incontri che rimarranno nel cuore di tutti i partecipanti. L’evento è organizzato dalla Fondazione Carri di Santa Lucia, la Proloco di Belpasso, patrocinato dall’Assessorato Regionale allo Sport, Turismo e Spettacolo, dall’Assemblea Regionale Siciliana e dal Comune di Belpasso.

Continua a leggere

Flash news

Pef e Tari: il M5s contro il populismo insipiente

Pubblicato

il

Sulla vicenda Pef e aumento tariffe il gruppo del Movimento 5 stelle guidato da Francesco Castellana prende atto che le forze politiche rimaste fuori dalla contesa elettorale e che oggi non hanno rappresentanza politica in consiglio comunale, hanno praticato un esercizio di populismo insipiente volto a provocare terrorismo e nel tentativo becero di suggestionare negativamente la cittadinanza gelese .

“Tentativo maldestro non riuscito – sottolinea Castellana – perché i cittadini sono ben documentati e ben si aspettavano tale incremento delle tariffe, come atto necessario per uscire fuori dallo stallo del dissesto. Nessuna provocazione riuscita da tali populisti in salsa destrorsa, o da parte di chi ha invocato in campagna elettorale capacità tecnocratiche per poi scivolare in tale grossolana provocazione, con il solo scopo di impressionare il popolo gelese.Ma nessuno si è impressionato e tali provocazioni non sono state raccolte dai cittadini che, ripeto, sono consapevoli del fatto che un tempo di ristrettezze serve per superare lo stallo del dissesto .

” Ma attenzione! – continua Castellana- Siamo ben consapevoli che una rigida e rigorosa procedura normativa deve essere rispettata. Ad esempio è proprio il testo unico degli enti locali a stabilire che, in caso di dissesto i tributi dovranno aumentarsi al massimo della tariffazione e ciò per non provocare altri debiti fuori bilancio. Ecco allora preferiamo il tecnicismo al populismo insipiente, qiando giocoforza la politica deve chiedere aiuto necessariamente e in modo ieratico alla tecnocrazia. Non convince nemmeno il corollario secondo cui chi paga le tasse e’ costretto a pagare di più anche per colpa degli evasori .Volevo ricordare che siamo in dissesto e la legge impone di conteggiare anche i tributi non riscossi ( nel pef )”

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852