Seguici su:

Cronaca

Giornata dei ‘carusi’ delle miniere

Pubblicato

il

 12 novembre sono esattamente 140 anni dalla sciagura della miniera Gessolungo, la più grave nella storia mineraria nissena che gettò nel lutto e nello sconforto la nostra città e la nostra provincia, scrivendo una pagina purtroppo indimenticabile nella tormentata epopea dello zolfo in Sicilia.

Quella mattina, per uno scoppio di grisou, il micidiale gas, nella miniera in contrada Juncio morirono all’istante 49 operai, mentre altri 16 si spensero nei giorni seguenti per le gravi ferite riportate, portando così a 65 il bilancio delle vite umane immolate a quell’ennesima sciagura mineraria.

Numerosi gli operai rimasti feriti e scampati fortunosamente alla morte. Parecchi dei minatori deceduti sul colpo, ed estratti dalle viscere della miniera dopo giorni di ricerche, non poterono nemmeno essere riconosciuti dato lo scempio che l’esplosione del gas aveva causato del loro corpo.

I morti, per decisione dell’autorità prefettizia dell’epoca, e non potendo essere trasportati al cimitero cittadino, trovarono sepoltura in un piccolo camposanto appositamente realizzato su uno spezzone di terra di proprietà Calafato, vicino la miniera: ed è proprio quel fazzoletto di terra dove, grazie all’impegno dell’associazione “Amici della Miniera” di Caltanissetta, per anni presieduta dall’indimenticato Mario Zurli, in tempi recenti è stato realizzato, con l’intervento del Comune, l’attuale Memoriale dei “carusi”.

“Abbiamo voluto accendere i riflettori su una delle pagine più vergognose della storia siciliana contemporanea – ha detto il presidente della Regione Nello Musumeci – quella dello sfruttamento di tanti essere umani, giovani e meno giovani. Una pagina sulla quale abbiamo tutti il dovere di promuovere la conoscenza, soprattutto fra i ragazzi della scuola, una pagina che ci insegna ad avere rispetto per gli altri, soprattutto per i più deboli, per gli emarginati, quelli che erano diventati pegno umano nelle mani di pochi, a fronte dell’indifferenza di tutti i governi che si sono alternati e hanno preferito volgere lo sguardo da un’altra parte”.

Questa la cronaca di quel tragico 12 novembre 1881. Sono le 6 e un quarto del mattino, quando si verifica l’esplosione nelle viscere della zolfara, gestita dai fratelli Carmelo e Riccardo Tortorici: poco prima sono scesi in miniera gli operai del turno mattutino. Ci si rende subito conto della gravità del disastro e ci si prodiga al meglio per portare aiuti alla zolfara.

Il consigliere delegato facente funzione di prefetto, Pietro Franco, telegrafa subito al Governo per informarlo dell’accaduto ed invocare soccorsi, e lo stesso giorno della disgrazia istituisce un comitato di soccorso: tale organismo già all’indomani si attiva lanciando un appello a tutti i presidenti delle deputazioni provinciali della Sicilia, ai sindaci dei Comuni della provincia e delle maggiori città dell’Isola, ai proprietari di miniere e soprattutto alle più importanti congregazioni di carità del Regno.

Il comitato annovera alcune delle autorità e dei notabili dell’epoca: oltre al prefetto Franco, ne fanno parte il notaio Michele Leonardi, facente funzione di sindaco, il preposto cav. Giuseppe Cosentino, il presidente della Congregazione della Carità avv. Salvatore Scarlata, il cav. Giuseppe Gaetani con funzioni di cassiere, il cav. Luigi Giordano e il non ancora conte Ignazio
Testasecca; ne è segretario il giornalista e scrittore Giovanni Mulè Bertòlo.

Vengono subito costituiti anche quattro sottocomitati (uno per ognuno dei principali quartieri della città) allo scopo di raccogliere
somme e relazionare sulle condizioni delle famiglie colpite dalla disgrazia. Anche la stampa nazionale rilancia l’eco dell’appello del comitato nisseno e i giornali romani “Gazzetta Nazionale” e “Il Messaggero” offrono il loro contributo in tal senso.

Frattanto il ministro dell’Interno De Pretis dispone l’erogazione di un primo contributo di 500 lire a favore del comitato nisseno, seguito da un successivo di 3.000 lire.

In tale circostanza il Mulè Bertòlo, convinto dell’efficacia e dell’utilità della presenza della stampa come immediato mezzo di informazione e anche come punto di riferimento in occasioni siffatte, pubblica il giornale “Gessolungo”, una specie di bollettino nel quale viene riportata nel dettaglio l’attività del comitato e viene seguito l’evolversi della situazione in città nei giorni successivi al disastro. Il primo numero esce il 20 novembre 1881, gratuitamente stampato – come i successivi – nella tipografia dell’Ospizio di Beneficenza.

Le offerte arrivano da ogni parte d’Italia e finanche da Bruxelles: la somma a disposizione del comitato di soccorso ammonta esattamente a lire 34.915 e 69 centesimi «…delle quali si danno come sussidi – annota il meticoloso Mulè Bertòlo – lire 20.419,69 alle famiglie degli operai morti, L. 2.664 alle famiglie degli operai ammalati. L. 897 rappresentano compenso di medici a prezzo
della compra di medicinali ed altro, e L. 10.500 si destinano a vantaggio dell’istituto Maddalena Calafato, che si obbliga di ricoverare 28 fanciulle colpite dalla sventura del 12 novembre…».

A proposito dell’Istituto “Calafato”, proprio il disastro di Gessolungo farà anticipare l’apertura dell’orfanotrofio, la cui solenne inaugurazione avverrà il 12 marzo 1882.

Sono questi alcuni dei dati contenuti nella “Relazione del comitato di soccorso” sulla sciagura di Gessolungo redatta dallo stesso scrittore e nella quale sono riportati, oltre all’elenco nominale di tutti i morti, le famiglie di appartenenza e il loro domicilio, l’elenco dei feriti e il lunghissimo elenco delle offerte ricevute.

Ritornando alle vittime, da un rapporto dell’ingegnere Conti, responsabile del Distretto minerario di Caltanissetta nel 1881, ne ricaviamo alcuni nomi. Dei 49 minatori deceduti sul colpo fu possibile riconoscerne solo 35, gli altri furono sfigurati dall’esplosione e dalla lunga permanenza nelle viscere dalla zolfara che fu subito chiusa dopo l’incidente che innescò un incendio durato diversi giorni.

I primi cadaveri furono estratti solo 11 giorni dopo lo scoppio del grisou: molti erano di “carusi”, cioè i ragazzini adibiti al trasporto del minerale. Walter Guttadauria

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

È deceduta la quindicenne operata dalle equipe di Taormina e Messina

Pubblicato

il

Era balzato agli onori della cronaca come un caso di buona sanità cioè di lavoro in rete nella gestione delle emergenze pediatriche. Ma alla fine la quindicenne gelese Ginevra Amato non ce l’ha fatta a vincere la sua battaglia contro una severa infezione da H1N1 e mercoledì amici e parenti le daranno l’ultimo saluto alla chiesa di San Sebastiano.

La giovane è deceduta al Policlinico di Messina. Qualche settimana fa era stata sottoposta ad un intervento di ossigenazione extracorporea a membrana realizzato congiuntamente dell’equipe di Cardiochirurgia pediatrica dell’ospedale di Taormina e di Terapia intensiva Pediatrica di quello di Messina. Dopo il rientro a Messina da Taormina il decesso inaspettato. Ora i genitori Salvatore Amato e Nuccia Consiglio hanno incaricato un legale , l’avv.Rosita Giardina per vederci chiaro sulle cause di un decesso avvenuto quando tutto sembrava essersi risolto.

La malattia della quindicenne era iniziata con un’infezione alle vie respiratorie poi aggravatasi.

Continua a leggere

Cronaca

Presentata la nuova discesa a mare

Pubblicato

il

Stazioni di ricarica, nuova pavimentazione e maggiori spazi pedonali, presentata la nuova discesa a mare: l’ amministrazione comunale tira fuori una serie di progetti per la città.

Mantenere tracce della storia, valorizzando l’esistente ma rendendolo a misura d’uomo. E’ stato presentato nei dettagli il secondo progetto già cantierizzato relativo al PinQua, il programma innovativo nazionale per la Qualità dell’Abitare del Pnrr.

Questa mattina in pinacoteca comunale il Sindaco Lucio Greco, il dirigente del Pnrr Antonino Collura, i progettisti Angelo Cannizzaro e Dino Serra hanno illustrato nei dettagli i quattro interventi che stravolgeranno strade e piazze che uniscono il centro storico con il Lungomare, ovvero Via Dalmazia nella sua interezza, compresi i collegamenti con il Lungomare; Via Matteotti e le sue traverse; Via Istria; Via Colombo, compreso il quartiere attorno a Piazza Toselli.

“Ultimando questi lavori il volto della città cambierà veramente – ha detto il primo cittadino – La gente non crede più ai proclami ed alle parole. Comprendo la sfiducia e la mancanza di credibilità perché i progetti non hanno visto quasi mai luce in passato. Qui le gare sono state assegnate ed i contratti con le imprese vicini alla firma. Condivideremo con la cittadinanza attiva tutti i progetti”.

Via Matteotti, ovvero  “a calata do bastiuni” sarà valorizzata e riqualificata per dimostrare attenzione a questa parte di città. La tradizionale pavimentazione sarà mantenuta. Via Dalmazia subirà una leggera variazione e sarà pavimentata con  pietra bianca. Ci sarà un’area pedonale più ampia ed un nuovo impianto di illuminazione. Previste anche una pista ciclabile e cinque stazioni di ricariche elettriche di bici.

Continua a leggere

Cronaca

Tenta una rapina: arrestato

Pubblicato

il

Vittoria – Ha tentato di fare irruzione all’interno di una abitazione armato di lame e coltelli il trentenne tratto in arresto per tentata rapina aggravata, dagli Agenti del Commissariato di Polizia di Vittoria.

E’ stata segnalata alla Sala Operativa una tentata rapina in una abitazione della zona centrale di Vittoria, ai danni di una famiglia, ad opera di un cittadino straniero.

Il personale operante in servizio di controllo del territorio, con l’ausilio di personale del Commissariato di Comiso è intervenuto.

La vittima ha riferito che mentre era intenta a cenare con la propria famiglia ha sentito rumori provenire dall’esterno; guardando verso il portone di ingresso ha notato un cittadino straniero che, dopo aver forzato il cancelletto del cortile dell’abitazione, si scagliava con violenza sul portone di ingresso con violenti calci, cercando di forzarlo con degli arnesi atti allo scasso.

Il malfattore inoltre minacciava l’uomo e la sua famiglia di morte se non gli avessero consegnato tutto il denaro che avevano in casa.

Solo l’ intervento degli operatori di Polizia desistere il cittadino straniero dal suo intento delittuoso, mettendolo in fuga.

Pertanto, le pattuglie giunte sul posto si mettevano con celerità alla ricerca del rapinatore e, grazie ad una precisa descrizione fornita dalla vittima, riuscivano a rintracciare e bloccare l’autore del reato a poche centinaia di metri dall’abitazione in questione.

L’uomo, risultato essere irregolare sul territorio nazionale, veniva trovato con ancora in mano le forbici e le lame con le quali aveva tentato di fare irruzione all’interno dell’appartamento di Via Principe Umberto.

Espletate le formalità di rito, l’arrestato veniva condotto presso la casa circondariale di Ragusa, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria competente.

Continua senza sosta l’attività della polizia di stato volta alla prevenzione  e repressione dei reati predatori, quali furti e rapine nel territorio ipparino.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852