Seguici su:

Attualità

Il neurologo Vecchio confermato presidente regionale della Società Italiana di Neurologia

Pubblicato

il

E’ nisseno il presidente regionale della Società Italiana di Neurologia: si tratta del primario di Neurologia dell’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta, Michele Vecchio. Il neurologo nisseno, che da poco è anche direttore del Dipartimento di Medicina Ospedaliera dell’Asp di Caltanissetta, ricopre l’incarico di presidente regionale della Sin dal 2019 e continuerà a ricoprirlo per il prossimo biennio.

«Una scelta nel segno della continuità di questo ultimo periodo- ha commentato Vecchio- in cui abbiamo vissuto un cambiamento epocale dovuto alla pandemia da Covid-19. Il congresso regionale della Sin si svolse il 21 febbraio 2020, una data che rimarrà nella storia dell’Italia perché proprio quel giorno fu individuato il primo caso ufficiale di Covid-19, a Codogno. Una malattia che in breve tempo si scoprì avere un impatto, oltre che sull’apparato respiratorio, anche su altri organi. Dopo un po’ iniziammo a parlare di Neurocovid, ossia tutte quelle sindromi cognitive, sensitive, motorie e comportamentali che in molti casi accompagnano la malattia e che oggi rimangono oggetto della nostra attenzione e di numerosi studi».

«Nonostante la pandemia e le sue devastanti conseguenze- continua il presidente regionale della Sin- la Neurologia è andata avanti e non ci siamo mai fermati, anche con l’introduzione di nuovi farmaci che ci consentiranno di trattare al meglio i pazienti affetti da Alzheimer e Sclerosi Multipla. I professionisti della Sin sono chiamati a cercare risposte per i loro pazienti e tra i problemi da affrontare, e in questo saremo da stimolo nei confronti dell’assessorato regionale, ci sarà quello del personale. Sarà fondamentale bandire concorsi a tempo indeterminato che rendano le nostre strutture attrattive per i nuovi specializzati che dovranno essere messi nelle condizioni di operare in un contesto ben organizzato». da insanitas

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Pescatori licatesi temono danni dal progetto Argo e Cassiopea

Pubblicato

il

I pescatori di Licata temono di essere danneggiati dal progetto Argo e Cassiopea e perciò hanno inscenato un sit in silenzioso davanti al municipio, per chiedere di essere ascoltati dal sindaco.

Sostengono.che il lavoro della nave incaricata dall’Eni che sta posando delle tubare sul fondale del mare licatese, finisca per causare seri danni alla marineria.

Su iniziativa del sindaco hanno ottenuto un incontro a Palermo mercoledì alle 14.30 con l’assessore regionale alla pesca , Eni e l’autorità portuale.

Da Licata partiranno due bus con i pescatori.

Continua a leggere

Attualità

“Non è vero, ma ci credo”, ancora attuale….

Pubblicato

il

Niscem – Da che mondo è mondo l’ uomo cerca di leggere il futuro. Chi si affida al mondo di Dio e chi guarda all’ Aldila’ attaverso l’esoterismo. Pirandello ha codificato questa ‘ abitudine’ con il lavoro teatrale ‘a patenti’: il suo potagonista Chiarcaro chiede giustizia, a causa della cattiva fama costruita su di lui.

La sua famiglia s’è rinchiusa in casa, le sue figlie non trovano nessuno che voglia sposarle, lui stesso ha perduto il lavoro e fa la fame. Ma proprio per questo il presunto jettatore vuole che non ci siano più dubbi sulle sue doti di autore di malefici: chi li teme dovrà pagare una piccola somma per evitarli e perché questo non appaia come un’estorsione egli pretende che il giudice gli dia, condannandolo, un attestato, una patente per esercitare legalmente la sua professione di jettatore.

Come il giudice con la sua laurea può esercitare la sua professione così Chiarchiaro potrà scrivere sul suo biglietto da visita: “di professione jettatore” e così, apertamente, potrà far pagare una tassa anti-jella ai superstiziosi

Toto’ ne ha fatto un film di successo.

Il Museo Civico di Niscemi, ieri ha ospitato un convegno per certi versi inconsueto, perché ha toccato il tema di un fenomeno che sembrava archiviato dalla storia. E invece, dai numeri che sono stati presentati, sembra avere ancora un grande seguito.

Sono 13 milioni gli italiani che si recano per un “consulto” dai maghi, che sono ben 155.000, con un giro d’affari annuo stratosferico (circa 8 miliardi di euro). E così l’Unitre di Niscemi, presieduta dall’ins. Mariagrazia D’Agostino, ha pensato bene di organizzare un incontro dal titolo emblematico, Non è vero ma ci credo, nella cui locandina troneggia un indimenticabile Totò vestito da jettatore.

Davanti a una salet addobbata a tema, con ferri di cavallo, aglio, peperoncino, sale in abbondanza, uccelli imbalsamati e altri oggetti “rituali”, il relatore avv. Giuseppe D’Alessandro, oramai un habitué dei convegni, ha illustrato tutti gli aspetti del fenomeno.

Ma non è stato solo un monotono incontro di dissertazioni storiche e sociologiche, perché ci sono stati anche momenti di giochi di prestigio e persino una semiseria “lettura della mano” ad opera di una “chiromante” improvvisata, la prof.ssa Lorena Mangiapane, che ha anche condotto la serata e assieme al prof. Rosario Spina ha realizzato tre momenti musicali. Nel corso dell’incontro, al quale era presente l’assessore Marianna Avila, anche a nome del sindaco, è stato ricordato “u ziu Roccu”, al secolo Rocco Di Stefano, recentemente scomparso, colonna portante del Museo.

Infine il direttore Franco Mongelli ha fatto gli onori di casa, accogliendo un pubblico numeroso e attento, sempre pronto a partecipare ai numerosissimi eventi che si svolgono al Museo Civico e che in pochi anni e nonostante le dure restrizioni del Covid, hanno raggiunto quasi il numer di 200

Continua a leggere

Attualità

Gli alunni musicisti della ‘Quasimodo’

Pubblicato

il

Ottimi risultati conseguiti dagli alunni del corso musicale dell’Istituto Comprensivo “S. Quasimodo” di Gela al concorso Nazionale Musicale “Ghelas Music.”

Gli alunni che, nelle date del 28 e del 29 maggio, hanno partecipato alla settima edizione del Concorso Nazionale Musicale “Ghelas Music” si sono distinti con ottimi piazzamenti qui di seguito elencati:

Brancacci Sofia, di terza H, al flauto traverso primo posto assoluto; Giocolano Beatrice, di seconda H, al pianoforte primo posto assoluto; Rinciani Guido, di terza H, al violino primo posto; Anzalone Elide, di seconda C, al violino primo posto; Bronte Asia, di terza H, al flauto 95/100 secondo posto; Ferrigno Giulia, di seconda H, 97/100 secondo posto; Domicoli Giovanni, di terza C, 93/100 terzo posto;

La Dirigente Prof.ssa Viviana Morello e gli insegnanti di strumento: Francesco Falci, docente di pianoforte, Federica Mosa, docente di violino, Emanuele Smecca, docente di chitarra e Gioia Bonadonna e Simone Marino, docenti di flauto, sono entusiasti per gli ottimi risultati conseguiti dai giovani talenti della scuola.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852