Seguici su:

Attualità

Inquinamento fiume Gela

Pubblicato

il

Un’altra richiesta di intervento volta a Bruxelles per fare chiarezza sullo sversamento nel fiume Gela di sostanze non depurate. Lo scrive l’eurodeputato Ignazio Corrao in una interrogazione .   “Ancora una volta ho denunciato a Bruxelles l’ennesimo caso di inquinamento del fiume Gela. Ho chiesto alla Commissione Europea se considera l’ennesimo sversamento come un’evidente violazione delle normative Ue in materia di tutela ambientale. E’ necessario un controllo nelle foci che sia regolare e non occasionale, come previsto dal piano di risanamento e dal piano di gestione dei siti di natura 2000”.

Corrao ha depositato una seconda interrogazione alla Commissione Europea. “Dall’inizio dell’ennesimo sversamento – sottolinea Corrao – non è stato fatto nulla per contenere i reflui che stanno tranquillamente defluendo a mare. Già in passato avevo segnalato simili accadimenti a Bruxelles e oggi torno a chiedere cosa abbia fatto l’Europa dopo la mia segnalazione e di impegnarsi per condurre ispezioni mirate, destinate a comprendere l’origine di questo scempio. A distanza di tempo – spiega ancora Corrao – la situazione non accenna a migliorare, anzi. La Commissione non ha fatto nulla e neanche le istituzioni preposte hanno identificato la causa degli sversamenti. Stiamo assistendo ad un disastro ambientale senza colpevoli né controllori il tutto mentre l’illecito è in atto. E’ come se in casa nostra entrassero dei ladri ma mentre denunciamo le forze dell’ordine non intervenissero per arrestarli. I cittadini di Gela meritano risposte” – conclude Corrao.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Due minuti Due di Maria Concetta Goldini. Da ascoltare. In  cerca di soluzioni

Pubblicato

il

Continua a leggere

Attualità

Antiracket con il punto interrogativo

Pubblicato

il

Si svolgerà oggi alle 18 l’assemblea dei soci dell’associazione antiracket Gaetano Giordano per eleggere il direttivo da cui poi si sceglierà il presidente.

Tredici i candidati. Tre giorni fa il Prefetto di Caltanissetta ha cancellato l’associazione dall’albo prefettizio ma gran parte degli iscritti rimasti ritiene di dover andare avanti lo stesso procedendo con le elezioni per poi presentare ricorso contro il decreto. Pare inoltre che l’ex presidente Renzo Caponetti stia lavorando per fondare una nuova associazione.Una situazione in divenire con risvolti non prevedibili.

L’unico dato certo è che l’immagine di Gela ha subito un grave danno per gli errori e gli scivoloni di un’associazione considerata un modello italiano.

Continua a leggere

Attualità

Il ministro Salvini: ecco i fondi per la tangenziale di Gela

Pubblicato

il

395milioni di euro per il completamento della tangenziale di Gela.

“I fondi ci sono: la Corte dei conti ha registrato la delibera Cipess del 27 dicembre scorso, con la quale è stato approvato l’aggiornamento 2022 del Contratto di programma Anas del valore di 4,5 mld, rendendo così disponibili le risorse per emanare i bandi. Lo schema di progetto anche. I lavori interesseranno le statali n. 626 e n. 115, relativi ai lotti 7 e 8 di completamento della tangenziale gelese. Un’arteria strategica, che collegherà strade fondamentali per la viabilità locale, aprendo due varchi essenziali verso Catania e Caltanissetta ed il resto della Sicilia. Vogliamo far ripartire i cantieri e sbloccare opere. Non ci fermeremo”. Lo dice il vicepremier e ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Matteo Salvini.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852