Seguici su:

Politica

Per il Ministero degli Interni le ispezioni non spettano ai consiglieri

Pubblicato

il

In caso di disservizi e carenze dei luoghi comunali, non attiene al consigliere effettuare la verifica dei luoghi. È compito invece dell’ufficio tecnico e della polizia municipale.Il consigliere può espletare il sui ruolo di ispezione e controllo attraverso l’accesso agli atti, le mozioni, le interrogazioni, la richiesta di notizie ed informazioni a sindaco, giunta , dirigenti.Lo sostiene il Ministero dell’interno rispondendo ad un quesito per un caso analogo a quello gelese che sta infiammando lo scontro tra opposizione e sindaco. Poco della discordia la lettera con cui il sindaco stigmatizza il ruolo di certe commissioni e certi consiglieri che fanno fin troppi sopralluoghi e blitz. Contestato dall’opposizione come colui che attenta alla democrazia e alla libertà politica, Greco ha ricevuto la solidarietà di Un’ Altra Gela e Impegno Comune. ” Pur sapendo quali sono le prerogative di un consigliere – commenta Romina Morselli – abbiamo voluto effettuare degli approfondimenti ed abbiamo trovato una risposta del Ministero da cui si evince che i sopralluoghi non rientrano nei compiti dei consiglieri. Si possono fare una tantum e con precise regole, chiedendo l’assenso al dirigente del settore. Nessun attentato alla democrazia ha fatto il sindaco con quella lettera, è l’opposizione che ci tiene in uno stato di polizia con i continui blitz fuorilegge a cominciare da quello fatto all’Ato rifiuti”.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash news

Motori accesi per le primarie regionali: si profila una dura battaglia

Pubblicato

il

C’è Caterina Chinnici che partecipa alle primarie siciliane come candidata proposta dal PD e c’è anche Claudio Fava. Entro il 30 giugno si conoscerà il nome del candidato del Movimento Cinquestelle.Sarà ancora e per la terza volta l’on. Giancarlo Cancelleri oggi sottosegretario ai trasporti? O la bandiera pentastellata la porterà il deputato gelese Nuccio Di Paola? Non sono escluse sorprese. In un momento storico difficilissimo , gli eredi di Grillo oggi fedeli a Conti , nella Sicilia in cui la fuga verso Di Maio è stata minima, si potrebbe ipotizzare una scelta diversa dai nomi che circolano da mesi per catturare altre fette di elettorato. In città si scaldano già i motori per le primarie. È’ già in azione il segretario provinciale Peppe Di Cristina con il suo zainetto. Pronto alle primarie per la Chinnici ma anche alla sua corsa personale per un posto all’Ars. È in campo anche l’ex deputato Miguel Donegani.che sostenendo Fava rientra ufficialmente nella politica attiva e misura anche la sua forza. I riflettori locali sono puntati su quello che sarà il dato dei Cinquestelle che a Gela ha Di Paola ormai big del movimento in Sicilia, l’on Ketty Damante e il senatore Pietro Lorefice.Un tris che dovrà garantire i risultati e portarli al tavolo del leader nazionale. Si profila una dura battaglia alle primarie

Continua a leggere

Politica

Il M5S di Caltanissetta sta con Conte

Pubblicato

il

Grande partecipazione di iscritti al M5S alla riunione tenuta alla biblioteca Scarabelli di Caltanissetta in vista della scelta del candidato 5stelle in corsa per le presidenziali22 del fronte progressista. Una trentina gli interventi all’assemblea coordinata dal referente M5S per la Sicilia Nuccio Di Paola. Alla fine è stata approvata una mozione in tre punti che prevede: 1) pieno sostegno al presidente Giuseppe Conte, 2) dare mandato al presidente Conte nel trovare il metodo (compresa la votazione interna) o la sintesi tra tutte le disponibilità avanzate alla candidatura alle presidenziali 2022; 3)pieno impegno nella partecipazione alle presidenziali 2022, dando sostegno al candidato unico del Movimento 5 Stelle.
La mozione impegna il referente regionale a dare seguito ed attuazione a quanto sopra entro il 30 giugno 2022

Continua a leggere

Politica

Musumeci: ” Non mi dimetto”

Pubblicato

il

È durata un paio di giorni l’ incertezza del Governatore della Sicilia. «Non mi dimetto, ho un impegno che ho assunto quando sono stato eletto 5 anni fa e lo farò fino all’ultimo giorno. Servirò il popolo siciliano nei suoi legittimi interessi rimanendo con la schiena dritta, con la stessa integrità morale e con lo stesso entusiasmo fino all’ultimo giorno». Il governatore Nello Musumeci ha ribadito il suo impegno alla guida della Regione Siciliana nella conferenza stampa convocata per annunciare di essere pronto «al passo di lato» alle prossime regionali, se la sua candidatura dovesse essere divisiva o un ostacolo per l’unità del centrodestra

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852