Seguici su:

Attualità

Sindacati chiedono incontro al sindaco sulla crisi dell’agricoltura

Pubblicato

il

Agricoltura in ginocchio : i segretari territoriali di Cgil, Cisl ed Uil Ignazio Giudice, Emanuele Gallo e Maurizio Catania chiedono un incontro al sindaco. ” Come è noto, da decenni – scrivono i tre segretari -gli agricoltori della Piana attendono invano delle risposte concrete per risollevare il settore agricolo, che oggi è allo stremo a causa delle carenze strutturali del sistema delle dighe e delle condotte d’irrigazione”. Le organizzazioni sindacali denunciank – già da tempo – la necessità di interventi nelle dighe per aumentare la capacità di invaso e piccoli accorgimenti di buon senso, come quello di evitare di scaricare l’acqua 
a mare per raggiunti livelli di sicurezza, ma  veicolarla verso quelle aziende agricole che hanno 
laghetti di accumulo. 
 ” Inoltre – continuano-si registrano delle proteste da parte dei produttori agricoli, non da ultimo nei giorni 
scorsi, i quali temono che, come tutti gli anni, finita la stagione delle piogge del periodo autunno/inverno il territorio si ritroverà a patire nuovamente la carenza di acqua.  Infatti, è ormai noto che il territorio di Gela e i paesi limitrofi hanno le dighe ma non possono usarle per irrigare i campi perché gli invasi sono vuoti a causa dell’atavico problema dell’impossibilità di poter utilizzare le dighe a pieno regime. Non si deve dimenticare, poi, che il nostro è un territorio a forte vocazione agricola e che da sempre è caratterizzato dalla mancanza di infrastrutture logistiche (asse viario) e produttive (dighe e canalizzazione) che rendono difficile la competizione del settore, con la conseguenza della perdita di 
centinaia di posti di lavoro costringendo molti giovani all’emigrazione di massa” .
Al sindaco si chiede un incontro  urgente al fine di trattare il tema e tracciare delle indicazioni che possano servire ad avviare la soluzione verso la giusta prospettiva

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Due minuti Due di Maria Concetta Goldini. Da ascoltare. In  cerca di soluzioni

Pubblicato

il

Continua a leggere

Attualità

Antiracket con il punto interrogativo

Pubblicato

il

Si svolgerà oggi alle 18 l’assemblea dei soci dell’associazione antiracket Gaetano Giordano per eleggere il direttivo da cui poi si sceglierà il presidente.

Tredici i candidati. Tre giorni fa il Prefetto di Caltanissetta ha cancellato l’associazione dall’albo prefettizio ma gran parte degli iscritti rimasti ritiene di dover andare avanti lo stesso procedendo con le elezioni per poi presentare ricorso contro il decreto. Pare inoltre che l’ex presidente Renzo Caponetti stia lavorando per fondare una nuova associazione.Una situazione in divenire con risvolti non prevedibili.

L’unico dato certo è che l’immagine di Gela ha subito un grave danno per gli errori e gli scivoloni di un’associazione considerata un modello italiano.

Continua a leggere

Attualità

Il ministro Salvini: ecco i fondi per la tangenziale di Gela

Pubblicato

il

395milioni di euro per il completamento della tangenziale di Gela.

“I fondi ci sono: la Corte dei conti ha registrato la delibera Cipess del 27 dicembre scorso, con la quale è stato approvato l’aggiornamento 2022 del Contratto di programma Anas del valore di 4,5 mld, rendendo così disponibili le risorse per emanare i bandi. Lo schema di progetto anche. I lavori interesseranno le statali n. 626 e n. 115, relativi ai lotti 7 e 8 di completamento della tangenziale gelese. Un’arteria strategica, che collegherà strade fondamentali per la viabilità locale, aprendo due varchi essenziali verso Catania e Caltanissetta ed il resto della Sicilia. Vogliamo far ripartire i cantieri e sbloccare opere. Non ci fermeremo”. Lo dice il vicepremier e ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Matteo Salvini.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852