Seguici su:

Flash news

Sport, lo stadio “Presti” torna agibile dopo tre anni

Pubblicato

il

Arriva il via libera della Commissione di vigilanza dei pubblici spettacoli: lo stadio “Vincenzo Presti” torna ad essere agibile. Dal 2018 l’impianto era chiuso ai tifosi e soprattutto all’attività sportiva, proprio nella stagione 2017/2018 vennero contestate delle presunte irregolarità nella concessione delle autorizzazioni ma soltanto due mesi fa il processo si è concluso con l’assoluzione degli imputati, tra i quali l’ex sindaco Domenico Messinese e gli ex assessori Maurizio Melfa, Gianni Mauro e Rocco D’Arma.

Una riqualificazione dal valore di circa 200 euro, investiti in due differenti momenti per sistemare gli spogliatoi e l’impianto elettrico, ripristinare l’illuminazione e rifare il manto erboso, omologare le tribune, le panchine e le scalinate. Sono state ricavate ulteriori stanze, tra cui l’infermeria e la sala antidoping, e i servizi igienici sia della curva che della tribuna sono stati rinnovati. La tribuna inoltre è stata numerata e sono stati riattivati i sistemi di sicurezza. Lo rende noto l’amministrazione comunale che ha comunicato questa mattina l’esito felice della vicenda nel corso di un incontro tenutosi proprio allo stadio, che potrà ricevere fino a 3317 spettatori.

Erano presenti all’appuntamento il sindaco Lucio Greco con il suo vice Terenziano Di Stefano e l’assessore allo sport Cristian Malluzzo. Dopo il recupero del PalaCossiga, diventato hub vaccinale, e il ripristino del PalaLivatino ad opera della Meic services, la città ritrova dunque un’importante struttura sportiva pienamente efficiente, sperando adesso che l’emergenza sanitaria consenta quanto prima di ritornare ad assiepare gli spalti del “Presti”.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

L’Inps assieme al Ministero della Giustizia aumenta i controlli sul reddito di cittadinanza

Pubblicato

il

L’Inps aumenta l’efficienza dei controlli sui richiedenti e percettori del reddito di cittadinanza attraverso lo scambio di informazioni con il Ministero della Giustizia.
Il 20 gennaio è stato infatti siglato il Protocollo operativo tra Inps e Ministero della Giustizia – Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria – DAP, che consentirà, nel pieno rispetto della normativa sulla privacy, la verifica mensile e automatica, operata con sistemi di interoperabilità e modalità strutturata di scambio dati, dell’eventuale stato detentivo dei richiedenti il reddito di cittadinanza, prima dell’erogazione del beneficio.
Inoltre, l’attuazione del protocollo consentirà ad Inps di disporre, in automatico, la revoca e il recupero della prestazione indebita in caso di omessa dichiarazione, in forza dell’articolo 7, comma 10, del decreto-legge n. 4 del 2019
Con il nuovo protocollo prosegue l’intensa collaborazione tra Inps, la Direzione generale per i sistemi informativi automatizzati (DGSIA), il Dipartimento per gli Affari di giustizia (DAG) e il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria del Ministero della Giustizia, finalizzata al potenziamento delle verifiche sulle prestazioni erogate dall’Istituto. 
Ancora una volta, la Pubblica Amministrazione lavora in squadra a servizio della collettività e, applicando la tecnologia, migliora la qualità dei propri servizi.

Continua a leggere

Flash news

L’on.Catania ha depositato l’emendamento sulle royalties

Pubblicato

il

C’è gia un emendamento alla Finanziaria dell’Ars sull’uso delle royalties presentato per fronteggiare la grave situazione del Comune di Gela. Lo ha firmato il deputato di FdI Giuseppe Catania che sul caso Gela si è sempre tenuto in contatto con il gruppo locale. Un aiuto alla città per un periodo limitato e l’uso non dell’intera quota.

Il testo depositato, che attende di passare alla Commissione bilancio, prevede una sospensione dei vincoli sulla destinazione dei fondi royalties per il periodo 2023-2025 ed inoltre, è previsto che il 75 per cento delle risorse incamerate con le royalties possa essere destinato a fini diversi rispetto a quelli previsti dalla normativa in materia.

Continua a leggere

Attualità

L’avv.Mariella Giordano presidente del Consiglio dell’ordine di Gela

Pubblicato

il

Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Gela nella seduta di oggi, ha eletto l’Avv. Mariella Giordano quale Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Gela, l’Avv. Angelo Licata quale Consigliere Segretario e l’Avv. Giuseppe Scialfa quale Consigliere Tesoriere.

Per l’avv.Giordano, la più votata tra gli avvocati in lista si tratta di una riconferma dopo il primo mandato

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852