Seguici su:

Attualità

Da Gela a Palermo, pronti per la manifestazione sul caro-energia

Pubblicato

il

La grande crisi finalmente scuote le coscienze. Perché quando dietro l’ angolo c’è la fame, la reazione del popolo è scontata e imprevedibile. Stavolta invece è pianificata dalle associazioni datoriali che si organizzano per far sentire la voce degli imprenditori.

La Sicilia è in ginocchio. L’inflazione alla fine del mese di ottobre, si è attestata su un preoccupante +9,8% dall’inizio dell’anno. Di contro si registra un calo dei consumi che a settembre è risultato essere pari al 2,5%. Il tutto ha determinato una contrazione del Pil pari a un punto e mezzo percentuale. I segnali della devastazione economica causata dal caro energia ci sono tutti. E se non sarà posto subito un freno, da qui alla fine del 2022, chiuderanno centinaia di imprese dei vari settori produttivi. Ecco perché la grande mobilitazione regionale promossa unitariamente dalle associazioni regionali di categoria per lunedì 7 novembre è la prima tappa, a respiro isolano, di un percorso che vuole manifestare la sofferenza di famiglie, lavoratori e aziende alle prese con un panorama complessivo a dir poco tragico. La sede di Unioncamere a Palermo ha visto riunirsi di nuovo i vertici siciliani di Ance Sicilia, Ascom Sicilia, Casartigiani Sicilia, Cia Sicilia, Claai Sicilia, Cna Sicilia, Confagricoltura Sicilia, Confartigianato Sicilia, Confcommercio Sicilia, Confcooperative Sicilia, Confesercenti Sicilia, Confindustria Sicilia, Copagri Sicilia, Legacoop Sicilia, Movimento Terra è Vita, Cgil Sicilia, Uil Sicilia che hanno cominciato a definire le modalità operative della grande mobilitazione in programma giorno 7.

“È in fase di predisposizione – spiega Francesco Trainito, Presidente Regionale Ascom Sicilia –

una piattaforma con le problematiche generali riguardanti imprese e lavoratori e che declinano le criticità di una fase così complessa come non si sarebbe mai potuto immaginare. È stato costituito un comitato esecutivo formato dai rappresentanti del mondo del commercio, dell’artigianato, dell’agricoltura, della cooperazione, dell’industria e dei sindacati dei lavoratori. Ogni giorno che passa costituisce un momento di difficoltà in più per tutte le componenti del mondo produttivo regionale che non sanno in che modo questo percorso sempre più in salita possa essere superato. L’obiettivo delle associazioni datoriali e sindacali, uniti in un fronte comune al cospetto di una emergenza epocale più grave di quella causata dalla pandemia, è di arrivare dritti al cuore del problema, sollecitando il Governo regionale e, per tramite di questo, anche il Governo nazionale, a prendere di petto la questione per individuare strategie utili a calmierare l’escalation dei costi di bollette e materie prime che, su vari ambiti, sembra inarrestabile. Inevitabilmente, se si continua così come è stato finora, si andrà a sbattere contro un muro e l’economia regionale piangerà la scomparsa di molte imprese e, di conseguenza, posti di lavoro. Un quadro particolarmente grave che si vuole assolutamente scongiurare così come è stato confermato durante il vertice tenutosi a Unioncamere nel corso del quale sono stati fissati alcuni aspetti operativi. Nel prossimo incontro saranno invece definiti i vari momenti della manifestazione. L’appello a scendere in piazza è rivolto a imprenditori, lavoratori, famiglie e, più in generale, ai cittadini affinché la manifestazione del 7 novembre faccia sentire in maniera forte la voce di sofferenza dell’intera Sicilia”.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Presentato il Padiglione Off di “Abbiamo tutto Manca il resto” al Civico 111

Pubblicato

il

Grazie alla partnership tra “Ué – Eventi Urbani” e Farm Cultural Park nasce a Gela, nei locali del Civico 111, il Padiglione Off della mostra “Abbiamo tutto Manca il resto”: quadriennale trandisciplinare sulla Sicilia.

Presentato questa mattina uno degli spazi dedicati alla mostra, che verrà arricchito dalle creazioni video-fotografiche del gruppo scout Agesci Gela 4, della community social Street of Gela, del collettivo CompÀrt e del Leo club del golfo di Gela.

I nuovi ambienti del Civico 111 che ospiteranno la mostra, ormai quasi pronti, verranno svelati contestualmente all’inaugurazione di “Abbiamo tutto Manca il resto” che si terrà sabato 22 giugno alle 18.30. 

Continua a leggere

Attualità

Siccità. C’è anche Gela nel piano di interventi

Pubblicato

il

Palermo – C’è il placet di Roma. «Via libera al nostro primo Piano di interventi da 20 milioni di euro per l’emergenza idrica in Sicilia». 

È stato il presidente della Regione Renato Schifani a rendere noto l’ok ricevuto dal dipartimento nazionale della Protezione civile. Il programma predisposto dalla cabina di regia, guidata dallo stesso governatore e coordinata dal capo della Protezione civile regionale Salvatore Cocina, prevede la rifunzionalizzazione di pozzi e sorgenti, l’acquisto e la sistemazione di autobotti e la riparazione di alcune reti di interconnessione.

Nella strategia contro la siccità rientrano anche i 90 milioni di euro previsti nell’accordo Fsc 2021-27, firmato di recente con la premier Meloni, per la riattivazione dei tre dissalatori di Trapani, Gela e Porto Empedocle.

Continua a leggere

Attualità

Pagine di politica, appuntamento alle 18.40

Pubblicato

il

Il ballottaggio, l’astensionismo, la visione per questa martoriata città. Se ne parla questa sera a Pagine di Politica, l’approfondimento giornalistico del venerdì, condotto da Massimo Sarcuno. In studio saranno presenti l’onorevole Peppuccio Arancio (Pd) e il consigliere Ignazio Raniolo (Fdi).

Collegamenti telefonici con l’onorevole Miguel Donegani, con il già candidato sindaco Filippo Franzone e con l’assessore alla Pubblica istruzione Salvatore Incardona. Appuntamento alle18.40 su Radio Gela Express (Fm 100.300 Mhz) e in streaming live sui canali social del gruppo editoriale.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852