Seguici su:

Economia

Startup, Presidenza della Regione Siciliana e Irfis finanziano giovani con nuove idee d’impresa

Pubblicato

il

Dieci premi da 10 mila euro ciascuno per le migliori idee d’impresa presentate da giovani. Questo l’obiettivo del premio “La tua idea di impresa in Sicilia”, iniziativa che intende finanziare la fase di startup di nuovi progetti imprenditoriali sviluppati da giovani inoccupati o disoccupati. I vincitori potranno anche usufruire di finanziamenti a tasso agevolato a valere sul Fondo Sicilia ed essere affiancati da personale qualificato dell’Irfis, a titolo gratuito, per lo sviluppo dell’idea d’impresa.  

Il regolamento del premio, finanziato con un plafond di 100 mila euro, 50 mila dalla Presidenza della Regione Siciliana e 50 mila dall’Irfis, è stato presentato questa mattina in conferenza stampa a Palazzo Orleans dal presidente della Regione, Nello Musumeci, e dal presidente dell’Irfis, Giacomo Gargano.

«È un modo per stimolare la cultura dell’autoimprenditorialità nei giovani – sottolinea il presidente della Regione, Nello Musumeci – Siamo convinti che la Regione possa offrire nuove occasioni per fare impresa, creando e promuovendo iniziative innovative. Vogliamo testimoniare un momento di orgoglio dell’appartenenza, dare la possibilità ai giovani di restare in Sicilia, seguire le proprie attitudini e produrre lavoro e reddito».

«Vogliamo essere vicini ai giovani e dare speranza proprio in un periodo difficile come questo – aggiunge il presidente dell’Irfis, Giacomo Gargano – L’Irfis metterà a disposizione un fondo per realizzare e sostenere finanziariamente l’idea d’impresa di questi giovani che si metteranno in gioco. È importante che le startup vengano avviate, ma soprattutto che sopravvivano».

Per concorrere bisogna avere un’età compresa tra i 18 e i 35 anni, essere residenti in Sicilia da almeno sei mesi ed essere inoccupati o disoccupati al momento della presentazione della domanda. La proposta imprenditoriale va descritta con un business plan e può riguardare tutti i settori della produzione o dei servizi. La scadenza per candidarsi è fissata alle ore 12 del 31 maggio 2021. 

I dieci migliori progetti saranno selezionati da un apposito comitato, composto da tre esperti nominati dal presidente della Regione, entro il 15 giugno 2021. Saranno premiati con un importo di 10 mila euro ciascuno. 

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Economia

Agricoltura in ginocchio fra siccità e caro-carburante. Intervista al Presidente di “Insieme per la terra”

Pubblicato

il

Fra le tante crisi che stanno investendo l’Italia c’è quella della siccità che flagella l’agricoltura e del caro carburante. La siccità è un fenomeno che si ripete da anni ma che solo di recente si è guadagnata le platee dei telegiornali, il caro carburanti è un riflesso della pandemia che interessa tutti i settori merceologici. Ne abbiamo col Presidente della Fondazione ‘Insieme per la Terra’ , Nicola Gozzoli, Ente deputato alla difesa ed al rilancio del Made in Italy agricolo e agroalimentare che ci ha concesso un’intervista esclusiva:


Presidente, il gasolio agricolo ha oramai superato 1,5 euro al litro. Cosa dovrebbe fare il Governo per bloccare questa crescita?

“A mio giudizio, l’unica cosa possibile è applicare una misura di emergenza ossia utilizzare l’azione d’oro posseduta dal Ministero dell’Economia nell’Eni. In sintesi, portare il prezzo del gasolio agricolo al costo di produzione industriale così da rallentare la crescita dei prezzi dei generi alimentari e quindi rallentare la crescita dell’inflazione”

Finalmente i giovani stanno ritornando alla terra?


“Il ritorno alla terra dei giovani è di fatto una speranza giornalistica o meglio delle sindacali agricole. In realtà questo ritorno non esiste e mai è esistito. Obbiettivamente mi domando come possa un padre sperare che il proprio figlio continui a lavorare nell’azienda agricola di famiglia quando il prodotto deve essere svenduto sotto costo o addirittura lasciato a marcire in campagna. Davanti a questa agghiacciante realtà un padre preferisce sicuramente spingere il proprio figlio a lavorare in altri settori, magari al nord o all’estero”.

Che misure ha adottato la politica per contrastare la siccità?


“Nessuna. L’unica misura adottata dal politico, indipendentemente dal partito, è quella di assicurarsi l’incasso del suo stipendio. Come da manuale il politico di turno in estate si fa sempre intervistare per annunciare che avvierà una profonda discussione sull’argomento e quindi adotterà importanti provvedimenti. Poi all’atto pratico nelle città mancherà sempre l’acqua, nessuno riparerà o rifarà le condutture idriche, nessuno studierà la creazione di bacini idrici di emergenza, nessuna campagna d’informazione legislativa ed economica verrà implementata a sostegno delle energie alternative, nessun piano nazionale serio verrà predisposto contro gli incendi. Tanti annunci poi il nulla di fatto”.

Perché il mondo politico non prende a cuore il settore primario?


“Ce lo chiede l’Europa”. Questa è la risposta che il politico ripete a memoria quando qualcuno si permette di criticare o comunque discutere un suo provvedimento. In realtà è che al politico non interessa le problematiche del mondo agricolo perché non le capisce e perché sa che affrontare questi temi comporterebbe parecchio lavoro. Meglio dare colpa all’Europa e lasciare che Bruxelles si occupi di cosa è meglio coltivare in campo, quando raccoglierlo, quando concimarlo, che sotto prezzo fare. Negli anni la politica e le sindacali agricole hanno lasciato che la UE cancellasse o devastasse intere filiere italiane come le carni bianche e rosse, lo zucchero e, ora, il latte. Alcuni anni fa una mia amica compagna di studi mi aveva detto che l’Italia sarebbe diventata un Paese di soli servizi; inizialmente pensavo che esagerasse, ma poi con il passare del tempo ho capito che aveva perfettamente ragione”.

Continua a leggere

Economia

Meic services su Forbes tra le 100 eccellenze in sostenibilità

Pubblicato

il

La Meic services è considerata un gioiello in tema di sostenibilità. Il nome dell’azienda gelese  è tra le  100 aziende eccellenti, che sono rientrate a pieno titolo nella classifica delle imprese sostenibili stilata da Credit Suisse e Kon Group. Il loro raiting Esg è stato certificato da Altis Università Cattolica e da Reprisk. Un prestigioso traguardo che ha portato l’imprenditore Maurizio Melfa lo  scorso lunedì, all’”East and Studios” di Milano, sul podio  alla  cerimonia finale di premiazione  con aziende  di altissimo pregio come Juventus Football Club S.p.A., Ferrarelle società benefit, Falk Renewables Spa e Yves Rocher Italia srl per citarne alcune.”La gelese Meic Services Spa è considerata un gioiello in tema di sostenibilità – dice l’imprenditore Maurizio Melfa  – è stata inserita in questa ristrettissima cerchia di qualità, nonostante il divario in termini di fatturato, circa 15 milioni a fronte di centinaia di miliardi degli altri player sostenibili, e nonostante operi in un territorio depresso, come il profondo sud. Gran parte delle altre aziende è geolocalizzazione ripartita principalmente nel nord Italia e nel nord est”.Su decine di milioni di imprese italiane, soltanto 350.000 investono in sostenibilità e tra queste le prime 100 sono state menzionate nella rivista Forbes come eccellenze della sostenibilità. “Finire sulla rivista internazionale Forbes – dice il Csr manager Oscar Coci che segue la sostenibilità di Meic Services – è un’emozione senza paragoni. Siamo sempre stati abituati a vedere volti noti come Cristiano Ronaldo, Jeff Bezos, Warren Buffet, Mark Zuckerberg ed Elon Musk e leggere il nome della nostra azienda nella stessa rivista fa un certo effetto, oltre a sprigionare un’enorme energia”. Un’impresa è sostenibile se rispetta gli standard di qualità definiti nell’Agenda Onu 2030, secondo le linee guida internazionali Esg”.Un riconoscimento che gratifica l’azienda e porta onore al territorio in cui opera.

Continua a leggere

Economia

Albert apre alle assunzioni

Pubblicato

il

ALBERT Engineering & Project è alla ricerca di Tecnici e progettisti che abbiano maturato almeno 5 anni di esperienza nel ruolo e siano in grado di gestire un progetto in collaborazione con i team preposti e la direzione aziendale. I diversi profili ricercati dovranno svolgere le seguenti attività, di gestione, monitoraggio e coordinamento dei processi e dei progetti, attività di progettazione e/o modellazione architettonica e strutturale, rilievi architettonici ed energetici, gestione amministrativa e contabile, stagisti.

Siamo sempre alla ricerca di talenti con spiccate doti relazionali, analitici e orientati all’obiettivo di inserire nel nostro team di ingegneri.

Lista delle figure professionali in ricerca:

1 progettista CAD senior (geometra- architetto – ingegnere) 

1 progettista BIM senior (geometra – architetto – ingegnere)

1 tecnico per rilievi (geometra) 

1 responsabile amministrativo – contratti e fatturazioni (ragioniere o commercialista) 

2 stagisti (geometra) x 6 mesi 

2 tecnici che svolgeranno il ruolo di Direzione dei Lavori (architetto o ingegnere) 

1 Project Manager (ingegnere) 

1 Project Control (ingegnere)

1 progettista calcolista – Strutturista senior (ingegnere) 

 1 Computista senior (geometra o architetto o ingegnere) 

Tipologia del Contratto: CCNL al Commercio, livello e inquadramento verranno valutati in sede di colloquio in base all’esperienza maturata;

Tipologia Contratto: Tempo determinato;

Settore: Progettazione;

Sede di lavoro: Sicilia, Gela – Via Venezia,313 (CL)

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852