Seguici su:

Attualità

E arriva l’ordinanza del sindaco per arginare gli incendi

Pubblicato

il

Nell’ambito delle iniziative mirate al contrasto degli incendi boschivi durante tutta la stagione estiva, il Sindaco Lucio Greco, dando seguito alle direttive della Prefettura, ha emesso due ordinanze: la prima è finalizzata alla pulizia dei lotti dei terreni privati, la seconda (n. 72 del 19 maggio, valida fino al 15 ottobre 2021) contiene disposizioni contingibili ed urgenti per la campagna di prevenzione degli incendi. 

Ecco, in sintesi, alcuni dei passaggi più importanti di quest’ultima:

– E’ severamente vietato gettare dai veicoli o abbandonare sul terreno fiammiferi, sigari e sigarette, o qualunque altro tipo di materiale acceso e/o incandescente.

– E’ vietato in prossimità di boschi, terreni agricoli e/o cespugliati coperti da vegetazione spontanea, nei campi e lungo le strade, accendere fuochi, usare sostanze infiammabili o apparecchi che possano produrre faville o brace, fumare e/o gettare i mozziconi; parcheggiare l’auto su erba secca; bruciare stoppie, materiale erbaceo e sterpaglie, residui di potatura di giardinaggio; abbandonare rifiuti nei boschi, sui bordi delle strade, nei canali e nelle discariche abusive, in quanto anche i rifiuti rappresentano un pericoloso combustibile; esercitare attività pirotecnica e accendere fuochi d’artificio non autorizzati e in aree diverse da quelle appositamente individuate.

– I proprietari, gli affittuari e/o i gestori dei fondi rustici e di aree agricole, di aree verdi incolte, di case e villette con annesse aree a verde, i responsabili di cantieri edili e stradali, di strutture turistiche, artigianali e commerciali con annesse aree pertinenziali dovranno porre in essere le necessarie opere di prevenzione degli incendi, ossia interventi di pulizi adei terreni invasi dalla vegetazione, estirpando canneti, frasche, sterpaglie, cespugli, arbusti e tagliando rami e quant’altro possa innescare le fiamme. 

– Sterpaglie, vegetazione secca e rifiuti abbandonati dovranno essere eliminati dai proprietari e/o conduttori e dovranno essere allontanate e messe in sicurezza eventuali fondi di combustibile (carburanti, gas, plastiche, legname, carbone, resine etc…) e qualunque materiale che possa costituire pericolo.

Tali interventi di pulizia devono essere eseguiti quanto prima. In caso di inottemperanza, il Setore Ambiente del Comune e la Polizia Municipale provvederanno d’ufficio ad emettere l’apposito provvedimento nei confronti dei soggetti obbligati, che saranno sanzionati. 

La seconda ordinanza (n.36 del 14 maggio) dispone che tutti i proprietari si facciano carico, entro e non oltre 30 giorni, di tutti gli adempimenti atti alla pulizia, rimozione dei rifiuti, di erbe e sterpaglie e al successivo conferimento in discarica. Si demanda ogni accertamento e l’eventuale elevazione di multe alla Polizia Municipale. Il Comune, in caso di inottemperanza, interverrà al posto del cittadino, ma con rivalsa delle spese nei loro confronti.

“Invito tutti i cittadini interessati a leggere attentamente e a prendere conoscenza delle due ordinanze nei minimi dettagli – afferma il Sindaco Lucio Greco – per aiutarci a tenere pulita la città e a prevenire gli incendi che, in estate, ammorbano l’aria e creano pericolo per tutti. Con queste due ordinanze, rispondiamo all’appello di Sua Eccellenza il Prefetto, che ha già dai primi giorni del mese in corso ha avviato una capillare attività di monitoraggio per predisporre in tempo i dispositivi di prevenzione antincendio e coinvolgere tutti. In uno spirito di collaborazione interistituzionale, ci impegniamo a fare quanto previsto nelle puntuali direttive che ci sono state inoltrate, e a collaborare con le associazioni di volontariato e le forze di polizia statali. Chiedo ai cittadini di darci concretamente una mano, e di chiamare subito il NUE 112 se si avvista un incendio, grande o piccolo che sia. Facciamo in modo che quest’anno le cose vadano diversamente, facciamo vedere di che pasta è fatta la stragrande maggioranza della popolazione gelese: persone oneste, attente e rispettose delle regole che non esitano a segnalare chi, con i suoi comportamenti, danneggia, sporca e brucia un bene che appartiene a tutti”.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Riesi: torna in scena ‘Miseria e Nobiltà’

Pubblicato

il

RIESI – Dopo il grande successo ottenuto durante le festività natalizie incoraggiati dal Vescovo Mons. Rosario Gisana, ritorna in scena domenica 29 Gennaio alle 20 presso il Cineteatro Don Bosco in piazza Garibaldi, la Compagnia Teatrale Giovanile ” Antonio De Curtis ” con la commedia brillante in due atti “Miseria e Nobiltà ” di Eduardo Scarpetta .

Il testo teatrale narra del figlio di un marchese che vuole sposare la figlia di un ricco ma semplice cuoco. Assume due poveri uomini, Pasquale e Felice con le rispettive famiglie poverissime, per accompagnarlo e fingersi aristocratici quando va a chiedere la mano di lei, ma si creano messaggi contrastanti e caos che creano la gag esilaranti.


La De Curtis si esibirà in occasione della festività di San Giovanni Bosco per onorare il Santo dei giovani. Questi i componenti della Compagnia Teatrale ” A.De Curtis “
Gianluca Bellina, Christian Perrotti, Monica Pasqualino, Alessia Sessa, Stefano Calascibetta, Andrea La Marca, Federico Puzzanghera, Francesca Li Volsi, Fabiana Volpe, Samuel Lo Giudice, Carlo Ianni, Rosario Lucerna, Federica Cammarata, Lussy Provenzano, Leonardo Calabrese, Danilo Massaro, Giuseppe Cutaia, Silvia Chiantia e Ida Andoni.

Continua a leggere

Attualità

Sciopero dei benzinai revocato

Pubblicato

il

I benzinai revocano il secondo giorno di sciopero, previsto per oggi, dopo l’incontro con il governo sui carburanti. Lo annunciano i presidenti di Fegica e Figisc/Anisa Confcommercio al termine del tavolo al Mimit. “Il secondo giorno di sciopero lo revochiamo a favore degli automobilisti, non certo per l’esecutivo – spiegano in una nota -. Pur riconoscendo di aver potuto interloquire in maniera costruttiva con il ministero che si è speso per diventare interlocutore propositivo, l’incontro ha confermato il persistere di molte criticità”. La mobilitazione era stata ridotta ad un solo giorno.

“Anche quest’ultimo ennesimo tentativo di rimediare a una situazione ormai logora, non è riuscito a evidenziare alcun elemento di concretezza che possa consentire anche solo di immaginare interventi sui gravissimi problemi del settore e di contenimento strutturale dei prezzi”, spiegano le sigle sindacali.

 Nel comunicato si sottolinea ancora che “le proposte emendative avanzate dal governo al suo stesso decreto non rimuovono l’intenzione manifesta di individuare i benzinai come i destinatari di adempimenti confusi, controproducenti oltreché chiaramente accusatori. Appare ormai chiaro che ogni tentativo di consigliare al governo ragionevolezza e concretezza non può o non vuole essere raccolto”. Per questa ragione, aggiungono, “anche insistere nel proseguire nell’azione di sciopero, utilizzata per ottenere ascolto dal governo, non ha più alcuna ragione di essere. Tanto più che uno degli obiettivi fondamentali, vale a dire ristabilire la verità dopo le accuse false e scomposte verso una categoria di lavoratori, è stato abbondantemente raggiunto”.

Continua a leggere

Attualità

L’Inps assieme al Ministero della Giustizia aumenta i controlli sul reddito di cittadinanza

Pubblicato

il

L’Inps aumenta l’efficienza dei controlli sui richiedenti e percettori del reddito di cittadinanza attraverso lo scambio di informazioni con il Ministero della Giustizia.
Il 20 gennaio è stato infatti siglato il Protocollo operativo tra Inps e Ministero della Giustizia – Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria – DAP, che consentirà, nel pieno rispetto della normativa sulla privacy, la verifica mensile e automatica, operata con sistemi di interoperabilità e modalità strutturata di scambio dati, dell’eventuale stato detentivo dei richiedenti il reddito di cittadinanza, prima dell’erogazione del beneficio.
Inoltre, l’attuazione del protocollo consentirà ad Inps di disporre, in automatico, la revoca e il recupero della prestazione indebita in caso di omessa dichiarazione, in forza dell’articolo 7, comma 10, del decreto-legge n. 4 del 2019
Con il nuovo protocollo prosegue l’intensa collaborazione tra Inps, la Direzione generale per i sistemi informativi automatizzati (DGSIA), il Dipartimento per gli Affari di giustizia (DAG) e il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria del Ministero della Giustizia, finalizzata al potenziamento delle verifiche sulle prestazioni erogate dall’Istituto. 
Ancora una volta, la Pubblica Amministrazione lavora in squadra a servizio della collettività e, applicando la tecnologia, migliora la qualità dei propri servizi.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852