Seguici su:

Politica

Floridia a Fava e Chinnici: difenderete il reddito di cittadinanza?

Pubblicato

il

Messina  – Alleati ma con le mani alla sciabola. E continua il testa a testa fra la senatrice Floridia e gli esponenti del PD. “Volete aiutarci a difendere il reddito di cittadinanza dal tentativo delle destre di demolirlo?”. È la domanda che Barbara Floridia, candidata del Movimento cinque stelle alle primarie del fronte progressista ha posto agli altri due candidati Claudio Fava e Caterina Chinnici nel corso di un incontro a Messina.

“Il Reddito – ha proseguito – può essere migliorato, certo, magari sotto il profilo dei controlli, ma sta aiutando tanti italiani. Lo ha certificato l’Istat: grazie a questa misura c’è un milione di poveri in meno nel nostro Paese. E in Sicilia ha avuto anche un altro effetto benefico: togliere manovalanza alla mafia provocando persino le lamentele dei boss”.

“Insieme all’aiuto per i più poveri, – ha aggiunto Floridia – il Movimento ha voluto il Superbonus, che ha prodotto oltre 600 mila nuovi posti di lavoro, come certificato dall’istituto Nomisma. Un esempio di come la transizione ecologica, per il Movimento, non sia un concetto vago, ma la strada per un reale sviluppo. Così come lo è il digitale: non a caso abbiamo stanziato 600 milioni per la formazione dei cosiddetti Neet, giovani che non studiano ne’ lavorano, per imparare uno dei cosiddetti green jobs, i lavori digitali, appunto”.

“Perché però la crescita di una terra come la Sicilia sia tangibile, – ha spiegato Floridia – serve che tutti facciano la propria parte. La Regione guidata dalla destra, invece, sta ponendo un freno allo sviluppo. Faccio due esempi: nel 2019 abbiamo stanziato in tutta Italia un miliardo, 86 milioni solo in Sicilia, per il potenziamento dei Centri per l’impiego, anche grazie a nuove assunzioni, per favorire l’incontro tra domanda e offerta. Ebbene, la Regione si è svegliata solo adesso, a ridosso delle elezioni, con le selezioni. Altro esempio riguarda la Zes Sicilia orientale: dei 55 milioni stanziati dallo Stato, 54 sono andati nel Catanese, feudo elettorale di Musumeci e dei suoi fedelissimi. L’ennesima dimostrazione di come questo governo regionale non abbia alcuna capacità progettuale. La Sicilia merita molto di più”, conclude Floridia che mercoledì sarà a Gela

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash news

Un uomo solo al comando

Pubblicato

il

Dalle 11 di oggi è ufficiale.I tre assessori che erano rimasti al fianco del sindaco Greco hanno rassegnato le dimissioni. Anche Terenziano Di Stefano, Ivan Liardi e Romina Morselli hanno lasciato la Giunta.

Greco è ufficialmente un uomo solo al comando di una barca che naviga in acque agitate.

Se approderà ad un porto e in quali condizioni non si sa.

Continua a leggere

Politica

Ecco il gruppo di FdI all’Ars

Pubblicato

il

 Giorgio Assenza è capogruppo di Fratelli d’Italia all’Assemblea regionale siciliana. Il vice è Nicolò Catania e segretario Marco Intravaia.  «Ringrazio i colleghi deputati – dice Assenza – che mi hanno assegnato il ruolo di guida del gruppo parlamentare più numeroso a Sala d’Ercole. Obiettivo principale, mio e dei miei colleghi, è quello di operare nell’interesse della Sicilia in un momento delicato di passaggio della politica locale e nazionale. Si tratta di un ruolo impegnativo che mi dà un carico di responsabilità non indifferente. Opereremo lealmente a sostegno del Governo regionale, ascoltando la voce dei territori, affrontando le tante emergenze che incombono, in sintonia con il partito e con il Governo nazionale. L’impegno e la determinazione con cui affronteremo questa XVIII Legislatura, saranno la sintesi del lavoro congiunto del Parlamento e della Giunta per portare a termine programmi di riforme e innovazione e dare seguito alle richieste dei Siciliani che ci hanno confermato la loro fiducia. Sono onorato del ruolo che assumo e spero di esserne all’altezza

Continua a leggere

Flash news

Il sindaco ora potrà esplorare

Pubblicato

il

Non è stato un confronto facile e ci sono stati anche momenti di nervi resi.

Faranno come vuole il sindaco ma non tutti i suoi fedelissimi hanno condiviso la su strategia di azzerare tutto e esplorare le volontà di uomini del centrodestra di date un aiuto alla città in un momento delicatissimo.

Da oggi Greco potrà esplorare. Ma con i tempi risicati. Non può paralizzare ancor di più la città per questioni politiche. E chi è contro di lui dovrà dire chiaramente che vuole che la città sia commissariata.

Gela sta vivendo un momento nero.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852