Seguici su:

Attualità

I premiati della ‘Gorgone d’ Oro’

Pubblicato

il

Assegnato a Salvatore Cernuzio il XXII Premio “Gorgone d’oro” di Gela. Il giornalista di Vatican News è autore del libro Il velo del silenzio (edizioni san Paolo) col quale mette in luce la grave problematica degli abusi di potere, di coscienza o sessuali interna alla vita consacrata femminile. Al vaticanista, si legge nella motivazione “il merito di avere denunciato una verità difficile spesso taciuta in Italia, in nome di quella trasparenza invocata da Francesco”.

Tra i premiati anche il sindaco di Polizzi Generosa Gandolfo Librizzi, promotore, socio fondatore e dal 2006 direttore della Fondazione “Giuseppe Antonio Borgese” e ad Annamaria Andreoli, presidente del Centro Studi Pirandelliani e sul Teatro contemporaneo di Roma. Librizzi, che da sempre si occupa della divulgazione di Borgese, ha firmato la postfazione dell’opera postuma Fondamenti della Repubblica dello scrittore, narratore e drammaturgo siciliano, che grazie ad una recente collaborazione con La Nave di Teseo, vede la luce in questi giorni con prefazione di Sabino Cassese. Andreoli, ordinaria di Letteratura Italiana, in un’assidua attività di ricerca, si occupa tra gli altri di Luigi Pirandello del quale in Diventare Pirandello (Mondadori) ne ricostruisce la storia favolosa prima che il successo planetario lo acclamasse al grande pubblico.

Assieme loro la giuria presieduta da Sarah Zappulla Muscarà e Andrea Cassisi ha premiato anche i giornalisti Francesco Paolo Del Re (Rai3) e don Liborio Palmeri (Direttore del Museo Diocesano di Trapani), quest’ultimo autore di Se Dio non vale un quadro (Gangemi editore) con cui dimostra l’enorme influsso dell’arte cristiana, e in particolare cattolica, nell’immaginario degli artisti. In passato, tra gli altri, hanno ricevuto il Premio “Gorgone d’Oro” Aldo Nove, Alba Donati, gli attori Peppino Mazzotta e Domenico Centamore e i giornalisti Carmelo Sardo (Tg5) e Stefania Petyx (Striscia la notizia

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

La Verga di Caltanissetta prima al concorso di comunicazione

Pubblicato

il

Caltanissetta- Si sono classificati primi nel loro girone con uno spot di comunicazione sociale intitolato «La città di tutti … una città per tutti».

Sono cinque tra alunne e alunni della sezione E del primo anno della scuola media Giovanni Verga dell’Istituto Comprensivo Antonino Caponnetto di Caltanissetta.

Superata la fase interregionale dell’edizione 2024 del Digital Changemaking Contest che si è svolta lo scorso marzo al Real Collegio di Lucca, gli alunni della scuola Verga guidata dal Dirigente Maurizio Lomonaco, ritorneranno nella cittadina toscana il 29 e il 30 maggio prossimo per partecipare alla fase nazionale del contest che decreterà i Best Digital Changemakers 2024.

Continua a leggere

Attualità

A Ragusa lutto cittadino per la morte di Leone

Pubblicato

il

Ragusa – Dalle 15:30 alle 16:30 di domani, venerdì 19 aprile, in concomitanza con la celebrazione dei funerali del maestro Giuseppe Leone che si svolgeranno nella Cattedrale di San Giovanni, Ragusa sarà in lutto cittadino. Ad annunciarlo il sindaco Peppe Cassì.

“In segno di rispetto per le esequie, è stato stabilito di esporre le bandiere a mezz’asta in tutti gli edifici pubblici e di sospendere le manifestazioni pubbliche eventualmente in programma in quell’arco di tempo. Invito inoltre tutti i ragusani, le attività commerciali, le organizzazioni di qualsiasi tipo e le scuole attive a sospendere le proprie attività in quella fascia oraria per unirsi simbolicamente in un piccolo momento di raccoglimento”.

Continua a leggere

Attualità

Comune di Butera mette all’asta borgo Guttadauro

Pubblicato

il

Butera – C’è tempo fino al 26 aprile per presentare l’offerta al Comune per acquistare il borgo fantasma.

L’amministrazione municipale, guidata dal sindaco Giovanni Zuccalà,ha messo all’asta con un prezzo di base di 716 mila euro il borgo Guttadauro dedicato ad un capitano fascista gelese.

Il borgo fu costruito nel 1940 ( con la piazza centrale, la chiesa, la scuola,la caserma dei carabinieri e varie strutture) ma è stato subito abbandonato e tutto è un rudere.

Il Comune di Butera ne ha avuto la proprietà nel 1970 ma non ci sono fondi per un intervento massiccio. La decisione presa è di vendere.

 

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852