Seguici su:

Flash news

Italia viva al sindaco: “la misura è colma”

Pubblicato

il

Il segretario di Italia viva Rochelio Pizzardi replica al sindaco. Botta e risposta nella contesa sulla pulizia della città con Italia viva che ha lanciato una proposta ed è pronta a mollare se non potrà fare nulla per la città. Greco si sente attaccato, Italia viva dice che non è un attacco ma una proposta che lui ignora da 8 mesi. Infine i renziani dicono che la misura è colma e siccome non sono attaccati alla poltrona sono pronti a lasciarla.Questo il testo di una nota diffusa dal segretario cittadino;

“Ho appreso da articoli di stampa di questi ultimi giorni che il Sindaco sarebbe, dapprima, sorpreso e, poi, amareggiato da nostre dichiarazioni che riguarda il settore ambiente e la pulizia della città. Da ciò deduco che, molto probabilmente, il Sindaco da qualche tempo ha deciso di trasferirsi sulla Luna poiché solo così si spiega il fatto che, allorquando si degna di scendere per dare un’occhiata al territorio, rimane puntualmente “sorpreso” riguardo a fatti e situazioni che sono sotto gli occhi di tutti e che lui ben conosce da almeno otto mesi.Addirittura arriva a chiedere all’Assessore Malluzzo chiarimenti rispetto dichiarazioni che invece hanno rilasciato organi di partito comunali e provinciali; in sostanza continua a commettere lo stesso errore che lo ha portato a gestire due o tre crisi: pensare che il suo rapporto con gli Assessori sia esclusivamente personale piuttosto che collegato alle forze politiche (civiche o partiti che siano).
Ma in tutto questo appare evidente il Sindaco non ha assolutamente capito che la misura è colma, che è finito il tempo di Quinto Fabio Massimo noto al mondo come “il temporeggiatore”, è finito il tempo del “poi vediamo” oppure del “parliamone col dirigente” così come è finito il tempo degli incontri bilaterali o trilaterali, ufficiali o ufficiosi, diurni e notturni : i cittadini non ne possono più di incontri e di proclami, i cittadini desiderano che si risolvano i problemi di ogni giorno e tra le altre cose vogliono una città pulita!!!
Ha voluto i chiarimenti dall’Assessore Malluzzo -nel tentativo di applicare di nuovo il dividi et impera- e li ha ottenuti.
Ora vorremmo anche noi dei chiarimenti: è sua intenzione dare avvio alla pulizia della città in tempi brevissimi (atteso che siamo già a metà giugno) oppure no?
Ecco, aspettiamo fiduciosi una risposta che si fa attendere da almeno otto mesi!!
E questo “temporeggiare” è ancora più paradossale oltre che incomprensibile laddove si pensi che Italia Viva, sul punto, ha avanzato proposte concrete e soluzioni possibili e legittime che peraltro non comportano costi aggiuntivi poiché non costano un solo centesimo in più ai cittadini rispetto a quanto stanno già pagando per il servizio -ovvero oltre 13 milioni di euro- per poi vedere spesa una somma inferiore alla metà -circa 6 e mezzo di euro- e tenere la città sporca. Noi la soluzione l’abbiamo trovata e data, basta solo verificarne la fattibilità (cosa di cui siamo assolutamente certi).
Perché il Sindaco, che la conosce la otto mesi, non la vuole adottare? Cosa dobbiamo aspettare ancora? Che la soluzione scenda dalla Luna assieme al Sindaco?
Mi preme ancora sottolineare un aspetto. Il Sindaco ha parlato di incoerenza (ma dovrebbe dare un’occhiata al suo programma politico prima di accusare chicchessia di incoerenza), arrivando al punto di essere “amareggiato”, perché ci siamo permessi di avanzare autonomamente e pubblicamente proposte che riteniamo risolutive e fattibili pur essendo, lui dice, coinvolti nell’amministrazione della città: ricordo sul punto al Sindaco che noi non siamo e non saremo mai ostaggio di nessuno e che riteniamo il posto in Giunta solo un mezzo per dare un contribuito migliorativo nell’amministrazione della città, liberi da lacci e lacciuoli e forti delle nostre idee, e se ciò ci viene impedito non abbiamo bisogno di occupare alcuna poltrona, possiamo benissimo farne a meno.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

“Svizzero sempre con noi”, al PalaLivatino il ricordo di Emanuele Alabiso 

Pubblicato

il

“In ogni stadio ad onorarti, oggi qui a ricordarti”. È solo uno dei tanti striscioni esposti al PalaLivatino, che ha ospitato la sesta edizione del memorial “Nele Svizzero”. Sette anni sono passati dalla scomparsa di Emanuele Alabiso ma il suo ricordo è più vivo che mai, nei volti e nei cuori dei tanti che continuano ad amarlo.

Al palazzetto si è svolto come sempre un quadrangolare di calcio a 5 cui hanno partecipato le squadre del Vecchio stile ’87 (ideatori e organizzatori della manifestazione), della curva Angelo Boscaglia, dei Ragazzi delle Palazzine (gli amici storici di Nele) e gli Amici ultras provenienti da Latina, Giugliano, Siracusa, Serradifalco e Ispica.

Grande emozione quando Alessandro Mallo, uno dei più cari amici di Nele, ne ha tracciato il ricordo con un messaggio toccante e bellissimo. Al termine dell’evento i fuochi d’artificio, luci nel cielo in onore di un ragazzo straordinario che resta nel cuore della sua gente.  

Continua a leggere

Cucina

Lo chef propone: Carpaccio scottato e salsa gremolada

Pubblicato

il

Dal vostro macellaio di fiducia fatevi dare un pezzo di lacerto di manzo intero. Condite la carne con sale e pepe e scottatelo violentemente su tutti i lati aiutandovi con un filo d’olio.

Internamente la carne deve rimanere cruda per il carpaccio, lasciate la carne a riposare e a questo punto affettatela sottilmente disponendo su un vassoio di portata.

Per la gremolada tritate abbondante prezzemolo, mezzo spicchio d’aglio, una manciata di capperi sott’aceto, la scorza di un limone e incorporate dell’olio evo fragrante. Non vi resta che condire così il carpaccio. Semplice e gustoso. Buon appetito!

Chef Totò Catania

Continua a leggere

Flash news

Greco propone il patto di responsabilità all’opposizione di centrodestra

Pubblicato

il

Ultimo tentativo del sindaco Lucio Greco  per allargare il consenso attorno alla  sua amministrazione.  Ha pochi  giorni di tempo per esplorare  la volontà delle altre forze di centrodestra di  sostenere il suo governo  di qui alla fine del suo mandato evitando ulteriori traumi alla città in aggiunta a quelli che ha: il bilancio bloccato, il rischio del predissesto, i dirigenti che fuggono  dal palazzo ( per ultimo va via il  comandante dei vigili urbani Giuseppe Montana che  aveva pure l’interim agli Affari legali), il personale tecnico al lumicino con i progetti finanziati che vanno a  rilento.

 Greco dovrebbe al centrodestra che è all’ opposizione un patto di responsabilità per la città e non un appoggio politico alla sua Giunta. Non ci dovrebbe essere dunque la partecipazione diretta  di chi accetta  al governo locale ma un appoggio esterno su  atti e progetti  per la città a cominciare dal  bilancio. 

 Sono in attesa i pro Greco che non accetteranno però soluzioni che prevedano il  dover governare con chi ha firmato la mozione di sfiducia.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852