Seguici su:

Lo Scrivo a Il Gazzettino di Gela

L’associazione ‘Tuteliamo Gela’ scrive al Presidente della Repubblica

Pubblicato

il

Il vicepresidente dell’associazione ‘Tuteliamo Gela’, Marco Fasulo accende i riflettori sul caso Gela alla luce degli ultimi eventi criminosi che hanno fatto sprofondare la citta’ e soprattutto la classe imprenditoriale in un ennesimo stato di prostrazione. Lo fa con una lettera aperta con la quale rappresenta i problemi all’attenzione del Presidente della Repubblica Mattarella, al Prefetto di Caltanissetta, al Presidente della Commissione Regionale Antimafia Cracolici ed ai rappresentanti delle istituzioni locali, ai vertici di Eni ed alle autorita’ portuali.

“In considerazione del rapporto della Commissione Regionale Antimafia sulla grave situazione in cui versa la città di Gela- si legge – chiediamo al Prefetto di Caltanissetta maggiori controlli per la tutela delle imprese che operano nella città di Gela, linfa vitale dell’economia con la sua richiesta della certificazione antimafia o iscrizione alla White List della Prefettura anche per le categorie non soggette a rischio di infiltrazioni mafiose in modo da verificare con cadenza annuale tutte le imprese senza distinzione per nessuna sia come dimensioni o se partecipate dal pubblico e per tutte le imprese che operano nell’indotto Eni e nell’ambito portuale nei porti di Gela (porto isola e porto rifugio) – porto di Licata – Porto di Porto Empedocle – Porto di Trapani – porto di Palermo –  Porto di Termi Imerese includendo nei controlli gli Spedizionieri Doganali, le Agenzie Marittime, gli Ispettori al Carico nave e tutti coloro che hanno contatti con i porti e delle loro rade. Oggi i porti e le coste se non controllati sono un vero pericolo per tutta la Comunità dato che possono diventare (o forse già lo sono) gli accessi preferiti dalla criminalità organizzata per i loro traffici illeciti che la rendono potente e fortissima. Speriamo che sua Eccellenza il Presidente della Repubblica, la Commissione Regionale Antimafia nella persona dell’On.le Cracolici e sua Eccellenza il Prefetto possano ascoltare la nostra supplica e ci possano invitare (se possibile) ai prossimi tavoli tecnici inerenti le misure da adottare a Gela per contrastare la criminalità e la creazione di strumenti economici di sviluppo per l’attuale situazione descritta nella relazione della Commissione Antimafia Regionale. Lo Stato è forte ed è impossibile poterlo battere, infatti le talpe della criminalità organizzata, della Piovra finanziaria e Politica e dei poteri occulti centri di comando cercano di infiltrarsi per inquinare tutto anche quelle imprese che un tempo erano sane e oggi per la crisi si sono piegate alla grossa mole di denaro gestito dalla criminalità organizzata. Chiedo al nostro amato Presidente della Repubblica On.le Sergio Mattarella che possa disporre maggiori e costanti controlli certosini a contrasto della criminalità nella città di Gela e in special modo nella Via XXIV Maggio (dove ha sede il nostro Comitato) – Villa Comunale – Corso Salvatore Aldisio e Quartiere San Giacomo e strade limitrofe. Chiedo inoltre che le piccole e medie aziende locali, che sono la stragrande maggioranza, ancora sane vengono sostenute da questo Stato che abbandona e dimentica i suoi figli onesti e meritevoli”.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Scrivo a Il Gazzettino di Gela

La Cgil Flai annuncia lo stato di agitazione degli agricoltori

Pubblicato

il

Riceviamo e pubblichiamo una nota del Segretario Generale della Cgil Flai, Giuseppe Randazzo che annuncia lo stato di agitazione degli agricoltori.

“Purtroppo quello che avevamo previsto nei mesi scorsi si è puntualmente verificato. Nonostante tutte le rassicurazioni da parte dei vertici del Consorzio di Bonifica della Sicilia Occidentale ci ritroviamo a dover prendere atto che le parole restano parole. E i fatti restano fatti.


In questi mesi abbiamo incontrato ufficialmente i vertici del Consorzio ben due volte. La prima l’11 marzo 2024 per discutere, come da convocazione dello stesso Consorzio, dell’avviamento dei lavoratori stagionali afferenti le garanzie occupazionali del Consorzio di Bonifica 5 di Gela. In quella sede si era deciso di avviare i lavoratori delle squadre di manutenzione in vista della campagna di irrigazione. Con tempi precisi. Entro la fine di marzo. Parole. I fatti dicono invece che i lavoratori non sono stati avviati. Successivamente su nostra richiesta siamo stati ricevuti, il 7 maggio, dal Commissario Straordinario e dal Direttore Generale ai quali è stato chiesto di conoscere le motivazioni del mancato avviamento dei lavoratori della manutenzione, lo stato dei pagamenti stante che il mese di aprile non è stato erogato. Sollecitando anche la definizione del percorso relativo alla stabilizzazione del personale (ex art. 60).


Le risposte sono state confortanti. A parole. Ci era stato assicurato che la settimana successiva
sarebbero stati avviati tutti i lavoratori stagionali e non solo gli addetti alla manutenzione. Per i pagamenti del mese di aprile hanno chiesto “48 ore” e per l’applicazione dell’art.60 “15 giorni”. Ad oggi solo parole e zero fatti: a distanza di 16 giorni i lavoratori stagionali non sono stati avviati,
del pagamento degli emolumenti del mese di aprile non si sa più nulla cosi come dell’avvio delle procedure per il passaggio alle fasce successive degli stessi lavoratori stagionali. Registriamo con rammarico il disinteresse totale da parte di chi dovrebbe trovare soluzioni ed invece non ha volontà di risolvere i problemi. Gli agricoltori aspettano un servizio degno di questo nome, la politica è
distratta dalla campagna elettorale e i lavoratori sono stanchi di essere presi in giro.
Nei prossimi giorni decideremo con loro le azioni da intraprendere. Preannunciando fin da adesso lo stato di agitazione”.

Continua a leggere

Lo Scrivo a Il Gazzettino di Gela

Chiesa del Rosario: coperture di piastrelle in stato di degrado

Pubblicato

il

Dallo storico Nuccio Mulè, riceviamo e pubblichiamo

Preso atto di una mancata risposta degli organi competenti, relativa ad una prima lettera aperta, datata 20 gennaio 2022, con la quale si poneva all’attenzione la precarietà di un bene culturale di pregio nella Chiesa del Rosario di Gela, pongo per la seconda volta all’attenzione dei responsabili delle Istituzioni, la salvaguardia dello stesso bene culturale, oggi maggiormente in fase avanzata di degrado, che si trova ubicato sulla cuspide della torre campanaria della chiesa. Si tratta di due pregiate coperture di piastrelle di maiolica colorate in giallo e verde ramino aderenti l’una all’altra, disposte a squama di pesce alternativamente a formare un motivo a V capovolta, impiantate su un letto di malta; il tutto, oltre ad essere un esempio unico e originale di uso di maioliche dell’ultima produzione ottocentesca di fabbriche siciliane, rappresenta il retaggio di un’arte laterizia che si perde nella notte dei tempi.

Quindi un esempio raro di una pregiata arte antica di notevole valore, un’impronta di un luogo e di una civiltà siciliana, che purtroppo da tempo si trova in uno stato di degrado, probabilmente per mancanza di finanziamenti per il suo restauro nonostante che l’ottocentesca torre campanaria da più di vent’anni sia stata provvista di un ponteggio a tale fine. Da sottolineare che già alla fine degli anni ’80, le piastrelle erano state segnalate per la loro rilevanza in un articolo presentato in occasione del XIX Convegno internazionale della ceramica di Albisola, centro ligure di primaria importanza per la Storia della Ceramica, dalla Prof.ssa Salvina Fiorilla, medievista a livello regionale. Pertanto, per la seconda volta si sollecitano gli organi competenti a intervenire sollecitamente prima che di questo complesso artistico rimanga solamente un ricordo fotografico. E in merito sempre alla chiesa del Rosario, stavolta al suo interno, con la presente si vuole cogliere l’occasione per avere contezza della fine fatta da un affresco o forse una tela dell’Ottocento, che si trovava sul soffitto della navata, quasi sopra l’altare maggiore, opera del pittore locale Filippo Casabene (restauratore presso la Galleria Borghese di Roma) che ritraeva l’”Annunciazione” e che completava assieme agli attuali “Gesù risuscita Lazzaro”, “Gesù e l’Adultera” e “Gesù nel tempio fra i Dottori”, la serie dei quattro dipinti della navata. La sparizione, si spera non definitiva, risale all’ultimo restauro avvenuto intorno al 2010 quando oltre all’interno della chiesa furono restaurati anche i suoi dipinti.

Continua a leggere

Lo Scrivo a Il Gazzettino di Gela

Lo sfogo amaro di chi vede bruciare la natura

Pubblicato

il

Torna il caldo e ricominciare a bruciare la natura. È accaduto oggi nella zona industriale. E si torna a vedere il fuoco divampare in ogni dove. Arriva in redazione lo sfogo amaro di Emanuele Sacco.

“Sono amareggiato”.
Sono le parole del segretario del gruppo “Gela che cambia”, Emanuele Sacco dipendente di una ditta della zona industriale Nord 2. “Ogni anno, quando torna la bella stagione- dice Sacco – è sempre la solita storia: la campagna brucia per colpa di persone incoscienti e senza scrupoli si distrugge la natura gli animali e tutto il resto e a volte, come successo l’anno scorso, anche qualche capannone. Vengono chiamati i vigili del fuoco e si ritorna sempre agli ‘stessi giri e stessa corsa’ finché non ci scapperà il morto ed in questo caso, che speriamo non si verifichi, non sarà facile individuare i responsabili.


Quando chiedi l’ intervento dei vigili del fuoco e ti dicono cosa sta bruciando?
La natura…
La sensazione è non venga percepito come cosa importante; tanto noi uomini non abbiamo bisogno della natura…”

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852