Seguici su:

Attualità

La REA denuncia il Comune di Gela davanti all’autorità per le garanzie delle comunicazioni AGCOM

Pubblicato

il

Per la REA (radiotelevisioni europee associate) l’Amministrazione Comunale di Gela, per la seconda volta, ha provato deliberatamente a raggirare le regole per la gestione delle risorse pubbliche.


L’AGCOM metterà fine ai diversi tentativi di raggirare le regole ed il criterio etico e morale, ma anche per il rispetto della trasparenza ed equità nella gestione delle risorse pubbliche.

In nome e per conto di diverse emittenti associate si segnala la presunta violazione
dell’articolo 41 TUSMAR
contenuta nella Determina Dirigenziale n. 229 del 9 marzo
2021 del Comune di Gela avente per oggetto “Acquisizione da Media Master Srl del
servizio messaggi di promozione del territorio e comunicazione istituzionale”.


L’ Associazione REA è intervenuta nel procedimento per le modalità di
ripartizione della quota di spettanza della Pubblicità Istituzionale del Comune di Gela
facendo presente, al competente Comitato degli esperti appositamente istituito il 25
gennaio 2021 presso l’Ufficio del Segretario Generale, Dottoressa Giovanna Divono, che
il riparto delle percentuali da assegnare ai diversi comparti della comunicazione, ai sensi
dell’articolo 41 del Testo Unico della Radiotelevisione, non rispettava il minimo sindacale
del 15% alle radio e tv locali.


Infatti, dalla lettura della predetta Delibera Dirigenziale, si evince che appena il 5% viene
assegnato alle radio tv locali, mentre il rimanente 10% è assegnato, in modo
ingiustificato, alla Soc. Media Master Press che, unitamente al 35% in quota libera
accumula il 45% di tutta la somma disponibile lasciando le briciole alle altre emittenti
aventi diritto.


L’operazione è tanto più grave se si considera che la Soc. Master Press a cui viene
assegnata la commissione è in evidente conflitto d’interessi essendo essa stessa
proprietaria di un ramo di azienda televisivo corrente con il marchio “Rete Chiara”.
Tanto si segnala non solo per un oggettivo criterio etico e morale, ma anche per il rispetto
della trasparenza ed equità nella gestione delle risorse pubbliche.


Pertanto, si confida nell’autorevole intervento dell’Autorità affinché verifichi la legittimità
della Determina Dirigenziale in questione ai sensi dell’articolo 41 del TUSMAR

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Turismo: la Regione punta alla Bit di Milano

Pubblicato

il

Grande impatto visivo ed emotivo, oltre mille metri quadrati, grandi ledwall e superfici a specchio, spazi per operatori del settore pubblici e privati. Lo stand (il render nella foto sopra) della Regione Siciliana alla prossima Borsa internazionale del turismo di Milano, dal 12 al 14 febbraio, interamente progettato dal personale interno all’assessorato regionale al Turismo, sarà il biglietto da visita dell’Isola in un settore che cresce. Secondo uno studio commissionato dall’università Cattolica di Milano, la Sicilia con il logo “See Sicily” è la prima regione italiana in termini di “ricordo” a seguito delle campagne di promozione audiovisive sui principali media. Per il governatore Schifani, che sarà presente alla tradizionale conferenza stampa in Fiera Milano, «la nostra terra è intrisa da millenni di storia, oggi fonte di ispirazione per nuove generazioni di creativi legati alla moda, al cinema, al teatro, alla letteratura, all’arte». Obiettivo consolidare offerta e flussi e promuovere la destagionalizzazione

Continua a leggere

Attualità

Due minuti Due di Maria Concetta Goldini. Da ascoltare. In  cerca di soluzioni

Pubblicato

il

Continua a leggere

Attualità

Antiracket con il punto interrogativo

Pubblicato

il

Si svolgerà oggi alle 18 l’assemblea dei soci dell’associazione antiracket Gaetano Giordano per eleggere il direttivo da cui poi si sceglierà il presidente.

Tredici i candidati. Tre giorni fa il Prefetto di Caltanissetta ha cancellato l’associazione dall’albo prefettizio ma gran parte degli iscritti rimasti ritiene di dover andare avanti lo stesso procedendo con le elezioni per poi presentare ricorso contro il decreto. Pare inoltre che l’ex presidente Renzo Caponetti stia lavorando per fondare una nuova associazione.Una situazione in divenire con risvolti non prevedibili.

L’unico dato certo è che l’immagine di Gela ha subito un grave danno per gli errori e gli scivoloni di un’associazione considerata un modello italiano.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852