Seguici su:

Lo Scrivo a Il Gazzettino di Gela

La storia: il lungo peregrinare di un infermo

Pubblicato

il

Riceviamo e pubblichiamo la lunga lettera di un nostro lettore che ha voluto affidare al Gazzettino di Gela la sua storia per la divulgazione delle sue difficoltà in ambito sanitario:

“Sono consapevole che la mia lettera troverà scarsa eco perché qualcuno è contiguo al sistema e non vuol perdere tempo a leggerla. Mi chiamo Giuseppe Pasqualetto, nato a Caltanissetta nel 1963; il 13/10/2009 sono diventato disabile a causa di emorragia cerebrale al tronco: 3 estrema unzione, 2 tracheotomia, blocco renale, sindrome di Lyell, 747 giorni di ricovero (compresi 90 giorni in coma vegetativo). Certificato dai medici ho sempre bisogno della fisioterapia in regime di ricovero. Sono stato ricoverato all’ospedale S. Elia di Caltanissetta; all’ospedale villa Sofia di Palermo; al centro neurolesi Bonino/Pulejo di Messina (3 volte), durante la mia degenza, in un periodo, è mancata l’acqua ed ho inviato una mail di protesta al direttore generale di quel periodo, vennero nella mia stanza il direttore scientifico, con il direttore sanitario, mi chiesero chiarimento sulla lamentela ed io risposi urbanamente: “in un ospedale non può/deve mancare l’acqua”. Aggiunge lui: “”per adesso è così”. Ho risposto: “con l’acqua fisiologica non mi lavo, lei se vuole accertarsi vada in bagno e verifichi”. Risultato: non mi ricoverano più : ogni volta che chiamavo mi dicevano oggi, domani, tant’è che ad oggi non mi ha chiamato nessuno. Non ho niente da recriminare ai professionisti e alle maestranze, rimane un ottimo centro; all’ospedale Maugeri di Ribera (4 volte), anche in questo caso il primario, dopo avergli chiesto, educatamente, di essere dimesso qualche giorno prima dato che avevo prenotato una visita oculista il 6/10/2020 ha pensato di rispondermi: “l’ospedale Maugeri non è un albergo”, ha aggiunto che sono stato favorito (non so da chi) e che fino a quando ci sarà lui non mi ricovererà più; al centro di riabilitazione Gli Angeli di Padre Pio di San Giovanni Rotondo (3 volte); all’I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Di Troina; Emblematico il rifiuto dell’ospedale di Cefalù giustificato dall’eccessivo intervallo di tempo dall’evento, come se si trattasse della riabilitazione di un arto a seguito di una frattura. Non avrei mai immaginato di ricevere risposte astiose, inadeguate ed in alcuni casi con toni bruschi/inurbani, mi è dispiaciuto riceverle da figure professionali che vorrebbero dimostrare di avere etica, scollate dalla filosofia morale orientate al bene di una persona umana. Non voglio scomodare Ippocrate ma neanche Aristotele e Platone. Come dicevo ho sempre bisogno della fisioterapia ed i medici, non io, mi hanno consigliato di effettuare terapia robotica, idroterapia, che in Sicilia non si effettua tranne, in modo ridotta, al centro neurolesi di Messina, che non mi VOGLIONO, a causa di ciò ho trovato al Sud una struttura adatta al mio caso, Gli Angeli di Padre Pio, ma per andarci, dato che si trova in altra regione, ci vuole l’autorizzazione che rilascia l’azienda sanitaria della provincia di appartenenza, CHE NORMALMENTE NON AUTORIZZA. Era il 2016 ho fatto informare una persona di mia fiducia che ha preso un appuntamento (a causa della mia disabilità non ho più la patente di guida e quando mi devo spostare prego terze persone, al centro di San Giovanni Rotondo non POSSO andarci a pagamento dato che mi è stata concessa una pensione bassa) tramite il CUP, con il fisiatra, il quale mi dice: lei dopo 15 anni cosa spera di migliorare? Rispondo offeso: se ci vado sono fatti miei, poi non sono 15 ma 7 anni. Nel 2017 mi dicono di seguire lo stesso iter. Mi dice, con scuse di circostanza, dimostrando di NON avere letto il mio dossier clinico: considerato che sarebbe la terza volta che richiede l’autorizzazione le dico no perché devo dare spazio ad altre persone. Rispondo, per chiarire: guardi dottore che ci sono stato una volta; lui, ad alta voce, aggiunge: lo deve dire a me? Rispondo, ad alta voce, stupito: e lei lo deve dire a me? Nel 2019, la richiesta è stata complicata ma quest’anno è stata peggio. A Gennaio 2019 mi hanno accompagnato dal responsabile dell’U.O.C. Di Caltanissetta, per richiedere l’autorizzazione per il ricovero presso Gli Angeli di Padre Pio, il quale mi ha mandato dal fisiatra, il 13 Febbraio ho fatto la visita e dopo che ha compilato il verbale nel quale certifica il bisogno delle cure mi è stata data l’autorizzazione, protocollo ASP n. 153, il 31 Luglio, dopo tante proteste, è stata addotta la responsabilità del ritardo alla mancanza di personale. Ho inviato diverse mail al direttore generale dell’ASP2, ma non mi ha mai risposto e secondo il quale si devono limitare i rimborsi alle strutture fuori regione. Mi è stato detto, informalmente, da un amico che lavora all’ASP, che è inutile, quest’anno, presentare la richiesta per andare a San Giovanni Rotondo poiché sarà rigettata. DOVE DEVO RICOVERARMI? A Messina NO, a Cefalù NO, a San Giovanni Rotondo NO, a Ribera NO. La Costituzione italiana e le leggi della Repubblica tutelano la salute come fondamentale diritto dell’individuo ed è interesse della collettività un servizio sanitario efficiente ed adeguato a tutti i malati e i disabili. Se ciò non si raggiunge, significa che c’è una somiglianza alla medicina nazista per cui i disabili “erano ritenuti dei fardelli economici sullo stato“ e per tanto “inadatti a vivere”. Io non VOGLIO essere sacrificato”.

Giuseppe Pasqualetto

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lo Scrivo a Il Gazzettino di Gela

Il decreto taglia-prezzi: uno spiraglio per l’economia post pandemica

Pubblicato

il

Che la crisi pandemica abbia scosso il mondo intero, è sotto gli occhi di tutti e ancora oggi l’italia tutta, tenta la sua ripresa sul piano economico . Non fa eccezione la nostra Città ovviamente che dal 2020 ad oggi ha vissuto non poche difficoltà derivanti da quell’anno in cui tutto, di fatto, si è fermato. Numerosi i settori colpiti, nessuno escluso, tra una zona rossa e l’altra e l’incertezza del domani . Chi ne ha risentito molto, tra gli altri, è stato certamente il mondo della ristorazione che oggi prova a ripartire a piccoli passi e a testa alta. Le cose non sono certo migliorate con il conflitto russo-ucraino le cui conseguenze oltre che umanitarie, sono economiche .

Il Decreto taglia prezzi , approvato  qualche giorno fa in Senato, vuole contrastare proprio quelle conseguenze pandemiche di allora  e ora gli effetti nefasti della guerra,  semplificando le procedure autorizzative  rispetto all’uso  dei  tavoli all’aperto in estate, prevedendo quindi che le autorizzazioni già concesse siano  da ritenersi prorogate , previo pagamento, al 30 Settembre mentre per le nuove richieste sarà sufficiente l’invio di una domanda telematica unitamente alla sola planimetria.

In sostanza, quindi , l’emendamento approvato dal Senato che ora passa al vaglio della Camera  e che attende di esser convertito in Legge il 20 Maggio e poi pubblicato in Gazzetta Ufficiale, permette a ristoranti, bar e pubblici esercizi già ritenuti idonei, di continuare a usufruire di dehors, tavoli e sedie all’aperto per tutta la stagione estiva,  senza produrre nuova richiesta. 

Inoltre, secondo la norma nazionale, non sarà necessario sino al 30 settembre , ricevere la autorizzazioni della Soprintendenza o del Ministero ai beni culturali e turismo, per installare strutture amovibili su pubbliche piazze, vie o strade che siano di interesse storico o artistico

Le interlocuzioni  con le categorie interessate, associazioni datoriali ed esercenti del centro storico, anche in vista della necessità/ diritto  di ripresa dei settori , non si sono mai interrotte e proprio questa settimana si è tenuta una riunione, anche alla presenza della commissione sviluppo economico che aveva ad oggetto , non soltanto la ripresa del settore della ristorazione ma soprattutto , la semplificazione delle procedure autorizzative e  l’assetto organizzativo tutto di fatto orientato, non è banale dirlo visto il lungo stop che hanno subìto, al rilancio della economia e al diritto  di ripresa degli esercenti e delle loro famiglie.

L’assessore allo sviluppo economico
Terenziano di Stefano

Continua a leggere

Lo Scrivo a Il Gazzettino di Gela

“Nessuno dovrebbe essere costretto a scegliere tra salute e lavoro o morire sul lavoro”

Pubblicato

il

No caro Sindaco non è una questioni di voti e non cambiamo idea.
“Il Lavoro” deve essere l’ossessione del Partito Democratico e di tutte le forze politiche e sociali che noi vorranno condideressero il Progetto e l’idea di Gela centro di attrazione turistica e di una impresa sana e sostenibile, per le sue straordinarie bellezze naturali che vanno valorizzate e incentivate. Il Lavoro soprattutto nei nostri territori perché nessuno deve restare indietro, ma non possiamo più accettare compromessi e soprattutto ultimatum “o così o non ci sarà occupazione”, poiché è falso fare queste affermazioni.

Noi non vogliamo più stuprare le bellezze naturali che ci circondano sarebbe una violenza inaccettabile.
Non cambiamo idea perché non ci convincono coloro che cambiano idea.

Non siamo contrari all’ inceneritore sul piano ideologico e pragmatico ma non capiamo perché ancora una volta debba essere a Gela che è già stata scippata dalle destre del governo regionale, derubata degli incentivi, di somme che avrebbero potuto dare una direzione di sviluppo diversa, nel rispetto della sua vocazione naturale e che noi riteniamo la migliore possibile poiché giusta e in equilibrio con il nostro patrimonio paesaggistico.
Questa area della Sicilia non può pagare un prezzo di impatto ambientale devastante.

Questa è una zona ad alto rischio ambientale, non esiste una viabilità adeguata e, quindi, non ci sono le condizioni per rendere meno impattante, nemmeno, il traffico veicolare.
Questo territorio ha già dato. Basta.
Non ci convincono le opinioni di parte e non riusciamo a capire perché si debba scegliere proprio Gela se dispone di un impianto di discarica che offre l’opportunità di uno smaltimento per tutto il suo territorio.
Non ci rassegniamo all’idea che a Gela si debbano bruciare i rifiuti di altri.
Condivido la riflessione di un caro amico:

“Nessuno dovrebbe essere costretto a scegliere tra salute e lavoro o addirittura morire sul lavoro.
Il lavoro è la base della nostra Carta Costituzionale ma in Italia tra lavoro che manca e lavoro sottopagato sembra che nessuno se lo ricordi.
LAVORO ma anche SALUTE PER TUTTI! “
Non è per un pugno di voti e speriamo che nessuno svenda questo territorio per un pugno di posti di lavoro.

Peppe Di Cristina

Continua a leggere

Lo Scrivo a Il Gazzettino di Gela

Fdl: “l’escalation criminale deve essere fermata”

Pubblicato

il

La città si è svegliata inquieta per l’ennesimo attentato ai danni di un consigliere comunale. FdI, dirigenti di partito ed eletti, esprime solidarietà al consigliere comunale Gabriele Pellegrino.

L’ennesimo vile atto incendiario ai danni di chi ha un ruolo istituzionale e lavora per il bene comune, senza dimenticare che I cittadini gelesi subiscono ormai da tempo lo stesso ignobile atto, ciò non deve suscitare la mera reazione del momento.

Questa escalation criminale di atti intimidatori dev’essere necessariamente fermata.
La cittadinanza chiede ordine e sicurezza e, certamente, noi ci facciamo portavoce nel sollecitare maggiori controlli nel territorio
Ecco perché invitiamo sua eccellenza il prefetto ad istituire una task force per affrontare la problematica che affligge gela
E se dovesse essere un mero attacco alle istituzioni Fdi nn retrocederà nella sua attività di fare l’interesse della città.

Fratelli d’ Italia

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852
Informazioni Pubblicitarie