Seguici su:

Politica

Nuove opportunità per il territorio: parola di Brambilla

Pubblicato

il

Dopo l’ incontro della scorsa settimana Michela Brambilla si muove per Gela in questo momento di campagna elettorale.
“Già il decreto aiuti-bis, questa settimana all’esame del Parlamento, contiene opportunità interessanti per il territorio gelese, prima fra tutte la possibilità, prevista dall’art. 32, di diventare “area di interesse strategico nazionale” per la filiera dell’idrogeno verde, concretizzando un progetto di cui si parla da tempo.

Mi impegno a favorire in ogni modo l’istituzione di quest’area a Gela, il che implicherebbe la semplificazione e l’accelerazione di tutti i procedimenti”. Lo afferma l’on. Michela Vittoria Brambilla, candidata alla Camera per il centrodestra nel collegio uninominale di Gela-Caltanissetta-Canicattì.

“Per istituire l’area – sottolinea l’ex ministro – occorre innanzitutto la manifestazione di interesse da parte di un soggetto pubblico o del privato per la realizzazione del programma di investimento e la presentazione di un adeguato piano economico-finanziario. Si tratta di una partita importante, che Gela deve vincere, una partita di cui ho già cominciato ad occuparmi e in cui sarà decisiva la sinergia tra l’amministrazione locale, il governo regionale e quello nazionale. Ecco perché invito gli elettori gelesi a scegliere il centrodestra, ad eleggere parlamentari in sintonia con quelli che molto probabilmente saranno i vertici regionali e nazionali. Sarà più facile prendere le decisioni giuste, far arrivare le risorse necessarie e spenderle nel modo migliore.

Per conto mio, ho già cominciato ad occuparmi di questo territorio”. Più in generale, la Brambilla sottolinea che l’eccezionalità del momento richiede, senza esitazione, interventi straordinari: “Dinanzi ad una crisi senza precedenti (dell’energia e non solo) è giusto che il governo, per usare un’espressione cara al presidente Draghi, faccia “tutto quel ch’è necessario” non solo per consentire alle imprese di proseguire l’attività ma per salvare i conti delle famiglie, soprattutto nelle aree del Paese già provate dalla deindustrializzazione.

A tale scopo non si può escludere nulla, neanche l’extrema ratio dello scostamento di bilancio. Lo stesso ragionamento vale per lo strumento di lotta alla povertà, che deve essere affinato e reso più efficace, eliminando gli abusi e privilegiando l’aiuto ai nuclei familiari più numerosi”.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Flash news

Leoluca Orlando ha tenuto a battesimo il progetto di Donegani e della sua “gente libera”

Pubblicato

il

Nel dicembre 2022 la fondazione del laboratorio politico PeR, oggi Miguel Donegani con quella lista e quel progetto politico nati da quel laboratorio si sono presentati alla città in un teatro Eschilo incapace di contenere tutti.

Donegani ha presentato i suoi assessori e i suoi candidati

“I miei assessori sono gente libera e i consiglieri pure- ha detto- non devono operare per etichette.Sopra di non non ci sono padroni e padrini”.

La parola è passata agli assessori designati.Ecco una sintesi dei loro interventi.

Angela Tuccio:”ho accettato proposta di Donegani perché penso che qualcosa devo farla anch’io per la mia città. Non ho mai detto si ad una formazione politica perché sono pragmatica voglio lavorare per un risultato e nella politica oltre ai risultati ci ci sono pure gli interessi. Miguel non rappresenta un partito ma la voglia di lavorare per Gela. Certi politici hanno cambiato casacca ma le facce sono le stesse. Hanno creato problemi alla città ed ora si ripropongono per venirci a dire che hanno la soluzione a quei problemi.

Pellegrino Cannizzo: amare, conoscere e fare sono i tre verbi che accompagnano la mia vita e mi spingono a questo progetto.Abbiamo un ambizioso piano di rilancio di una città che è in un dissesto che si poteva evitare. Faremo l’hub della transizione energetica. Gela si è sentita dite tanti no e invece ha bisogno di tanti si

Franco Liardo: ho creduto nel progetto di formare una nuova classe dirigente che ha dato grandi risultati. L’unica lista di centrosinistra è la nostra. Gli altri hanno fatto gli errori di 5 anni fa di mettersi insieme per vincere ma poi ha perso la città In questi 10 anni è mancata la capacità della politica di scegliere, mediare, agire.

Giovanni Iudice: sono stato corteggiato da tutti i sindaci ma sono riluttante al partitismo.Il mio impegno è sempre stato nel mondo sociale e artistico. Ho visto in questi mesi candidati impegnati ad accumularw partiti a branco per vincere mentre Muguel lavorava alla politica delle competenze.Mi è sembrato il matto che voleva sfidare il sistema. La politica non si fa con i partiti e si può vivere di cultura.Ho progetti concreti su centro storico e con varue mostre. Gela è pronta. Io sarò in grado di portare un modello che nessuno ha.Faremo la via musei e a Macchitella lab la fondazione Mattei per l’arte contemporanea

Luigi Tandurella: mi metto in gioco per ricondurre la città alla normalità.Siamo abituati a lavorare nelle difficoltà siamo riusciti a creare un gruppo coeso di gente competente che sa dove mettere le mani.

Miguel Donegani ha poi presentato la sua lista di 24 candidati che unisce esperienza e innovazione ed è rappresentata da persone libere e competenti.

Poi l’intervento di Leoluca Orlando candidato alle Europee.

‘Gela e Palermo non sono città europee ma città mediterranee orgogliose di essere europee.Noi dobbiamo portare più Mediterraneo in Europa . Gela è anche una città in cui non si è avuta cura della storia e della cultura e bisogna rimediare partendo dal Mediterraneo che è il futuro. Per combattere le mafie occorre aprire non la stagione del diritto ma quello dei diritti”- ha esordito Leoluca Orlando. Che ha poi esposto alcune idee del suo programma elettorale: lo statuto dei diritti dei lavoratori europei e l’ Erasmus per pescatori e operai non solo per chi studia e i figli di papà perchè tutti devono averr opportunità di formazione europea. No al ponte sullo stretto opera faraonica e coloniale.

Continua a leggere

Flash news

Bobo Craxi in città tra i socialisti e Italia viva ma solo alle Europee

Pubblicato

il

Incontro politico per le Europee stamattina con Bobo Craxi giunto a Gela per sostenere i candidati di Stati Uniti d’Europa. C’erano Piero Lo Nigro e l’on Totò Placenti esponenti storici del partito, il candidato sindaco Terenziano Di Stefano ma anche il segretario provinciale di Italia viva Giuseppe Ventura che in Europa sta con i socialisti ma in città sostiene la candidata del centrodesta Grazia Cosentino.

I socialisti di Piero Lo Nigro sostengono in questa campagna elettorale dei candidati inseriti nel PD.

“Noi socialisti non dobbiamo fare le cose per forza ; mi era stato chiesto di dare disponibilità coma candidato a sindaco ma è andata diversamente. Bisogna saperr governare il linguaggio a livello personale e civile .Gela deve trovare serenità.Da parte nostra c’è voglia di serenità” – ha detto Piero Lo Nigro facendo intendere che il centrosinistra che si è formato attorno a Di Stefano non è di totale suo gradimento. Non sono di gradimento i grillini che hannp voluto Di Stefano e con cui non c’è condivisione sul concetto di sostenibilità. Nei loro interventi prima Di Stefano poi Ventura hanno sottolineato l’importanza di interventi europei sui temi di acqua e agricoltura

Continua a leggere

Politica

Pioggia di milioni per Gela con l’accordo di coesione

Pubblicato

il

Palermo – Nelle prossime ore verra’ firmato l’Accordo di Coesione : 6,8 miliardi di euro alla Sicilia del Fondo Sviluppo e Coesione, oltre 301 milioni di euro alla provincia nissena. L’opposizione grida allo scandalo sostenendo che le cifre erano già previste.

“La sottoscrizione dell’Accordo di Coesione che avverrà domani pomeriggio, tra la premier Giorgia Meloni e il governatore della Regione Siciliana Renato Schifani rappresenta un grande traguardo per la nostra Isola – dice l’On. Giuseppe Catania
Componente Commissione Bilancio – finalizzato a recuperare il divario infrastrutturale presente nei confronti delle regioni più evolute del nostro Paese”.

Sono 6,8 miliardi di euro le risorse complessive del Fondo Sviluppo e Coesione destinate alla Sicilia per numerosi ambiti di intervento fondamentali per innalzare la qualità dei servizi per cittadini e imprese. Di questi, oltre 301 milioni sono destinati alla provincia nissena. La parte più consistente è finalizzata alla realizzazione di investimenti nel settore del dissesto idrogeologico e della viabilità provinciale ed urbana nell’area del vallone e nella zona sud (oltre 98,2 milioni di euro), nel settore delle infrastrutture idriche (32 milioni di euro per l’adeguamento del dissalatore di Gela), dell’edilizia sanitaria (130 milioni di euro per la realizzazione del nuovo ospedale di Gela), dell’edilizia scolastica e inclusione sociale (11,6 milioni di euro) delle infrastrutture culturali (11,2 milioni di euro) e dell’ambiente e risorse naturali (18 milioni di euro).
In aggiunta, sono previsti anche corposi investimenti sul fronte dell’adeguamento o nuova realizzazione di impiantistica sportiva.
Una parte importante di queste risorse è destinata ai territori del vallone.
Subito dopo la firma l’accordo verrà trasmesso adesso al CIPESS per la sua definitiva adozione che consentirà l’indizione delle procedure di gara necessaria per tutti gli interventi previsti.
Sarà mia cura, nel perimetro del ruolo che rivesto, vigilare affinchè queste imponenti risorse siano presto “messe a terra”.
“Mi ritengo estremamente soddisfatto – continua Catania – per il lavoro fino ad ora svolto e rivolgo un ringraziamento particolare, oltre che alla Premier Giorgia Meloni e al Governatore della Regione Siciliana Renato Schifani, al ministro agli Affari europei Raffaele Fitto e agli assessori di Fratelli d’Italia che hanno lavorato intensamente per individuare quegli interventi indispensabili a garantire alla nostra provincia le risorse necessarie a colmare il gap infrastrutturale attualmente esistente che relega la provincia nissena agli ultimi posti delle classifiche annuali predisposte da autorevoli riviste economiche.
La sinergia tra il governo nazionale guidato da e il governo regionale guidato da ha dato i frutti da tutti auspicati”.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852