Seguici su:

Flash news

Porte aperte a tutti e un “Piano Aldisio per la città”

Pubblicato

il

Il confronto che in questi mesi si è sviluppato all’interno dell’Agorà , al quale tutti gli attori protagonisti, hanno dato il loro contributo nell’ottica della costruzione, è stato prezioso . Tutto il percorso compresa la scelta va nella direzione di una prospettiva di costruzione e l’auspicio è che alla coalizione possano aggregarsi altre forze politiche e movimenti civici : in questo spera il candidato a sindaco Terenziano Di Stefano.

“Non ritengo che la cultura dell’esclusione , in politica come nella vita , sia un valore da perseguire , anzi -piuttosto-la ritengo un morbo tutto di questo tempo . Alla cultura dell’esclusione , in generale , ho sempre preferito la cultura dell’aggregazione ed è su questo principio che , io personalmente , ho partecipato all’Agorà -peraltro non avendo certezza alcuna-ed è seguendo questa rotta che credo che un campo largo sia la scelta più politicamente valida per mettere in campo un programma valido che esuli dal solo nome del candidato poiché non può ridursi tutto a questo ma tenga conto, anche , dei contenuti del programma che avremo modo di raccontare alla Città “- dice .Di Stefano lascia le porte spalancate a chi se n’è andato.

“Nonostante la scelta ufficializzata ieri, per la quale ringrazio in primis tutti coloro che l’hanno condivisa, continuo a pensare che il campo largo sia una scelta percorribile e continuo a ritenere Donegani ed i Moderati , un valore aggiunto di qualsivoglia costruzione futura così come riterrò un valore aggiunto, nell’ottica della costruzione e mai della distruzione , gli attori politici che vorranno prendervi parte.Credo sia una questione di prospettiva politica o un approccio politico in generale che, per natura , mi mette nelle condizioni di guardare al valore del singolo avendo cura di non alimentare la cultura della contestazione ad ogni costo che , in ogni caso non favorisce la costruzione di un progetto politico che si candida a dovere amministrare una Città che ha bisogno del senso di abnegazione. È con questo spirito che , durante le fasi di incontro dell’Agorà , il mio gruppo era già al lavoro ad un programma di sviluppo del territorio denominato “Piano Aldisio” che abbia cura dei temi ed è con questo spirito aggregante che ritengo irrinunciabile il contributo di tutti.  . La perimetrazione della costruzione, per antonomasia , soffoca la costruzione , di certo non la favorisce e io voglio essere un costruttore politico .In queste ore , sto ricevendo tanti attestati di stima e sostegno sia da parte della società civile sia da parte di soggetti politici , peraltro con collocazioni politicamente trasversali ,che mi inorgogliscono e mi spingono ad impegnarmi ancora di più”- conclude.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Flash news

Casisi:”con Zuccalà risultati eccezionali e scelte condivise”

Pubblicato

il

Butera. La relazione annuale del Sindaco Zuccalà, 43 minuti di elencazione di atti , lavori e progetti fatti o in corso, nell’ultimo anno (gennaio 2023 -Marzo 2024), è stata approvata dal Consiglio Comunale, riscuotendo apprezzamenti da parte del capogruppo Casisi e di tutti i consiglieri di maggioranza.

È proprio Casisi che controbatte alle critiche dell’opposizione elencando ciò che è stato fatto nel primo anno di governo.

“Bisogna riconoscere e plaudire l’intenso lavoro svolto dal Sindaco e dalla sua Giunta, teso a migliorare la qualità della vita dei cittadini , come ad esempio l’inquadramento dell’organizzazione amministrativa, l’implementazione di politiche innovative, lo sviluppo di progetti sociali” – esordisce il capogruppo.Che poi elenca le tante cose fatte.

L’amministrazione ha raggiunto ottimi risultati per la promozione del turismo e della cultura. Diverse manifestazioni culturali e ricreative, finite nel dimenticatoio con la precedente amministrazione, hanno dato lustro e visibilità alla nostra città.

” Mi riferisco – dice- alle 2 edizioni del Presepe Vivente, all’Estate Buterese, al Carnevale, alla Sagra, alla Passio Christi, alle rappresentazioni teatrali, alla presentazioni di numerosi libri. Molto si è fatto per rendere il nostro Borgo attraente per visitatori e turisti, mediante un adeguata valorizzazione delle risorse e attraverso progetti di rilancio e sviluppo , come “Democrazia Partecipata”, che possano promuovere Butera rendendola località di interesse a tutti i livelli- nazionale e internazionale, esempio di bellezza , e contesto di confronto per eventi di alto spessore”
In questa prima parte di mandato, numerose le opere avviate : la ristrutturazione della Torre dell’orologio del Palazzo Comunale (grazie alla società Mandarin che ha provveduto ai lavori in compensazione all’antenna sul terrazzo del comune e che probabilmente l’ex sindaco Balbo sconosceva) , il seminterrato con palestra della scuola Don Bosco, il completamento delle opere (rasatura , i 4 bagni e tutta la rete fognaria ) per rendere fruibile la scuola media M. Gori, l’abbattimento delle barriere architettoniche, cioè la messa in funzione degli ascensori delle scuole , di 3 alloggi popolari e presto anche del cine teatro, il rifacimento con opere di regimentazione delle acque di via Torino (già assegnati alla ditta i lavori), il restauro del Castello (chiusura della gara proprio il 13 Aprile ). Ma oltre le opere avviate anche una intensa attività di programmazione: il parcheggio di Porta Reale, progetto esecutivo già definito per il campo sportivo, riqualificazione via Consi, riqualificazione Necropoli di Butera, e ancora in corso sviluppo progetto riqualificazione zona industriale. Previsto per il prossimo futuro anche ls progettazione di una circonvallazione per via di fuga di Via Berlinguer.
Un risultato straordinario, dopo oltre un ventennio, è stato ottenere la variante al PRG che ha trasformato una zona C5 in verde agricolo , indispensabile per lo sviluppo delle imprese agricole del territorio.
Per quanto riguarda l’occupazione, da annotare anche come i tanti dipendenti comunali che prima erano part time, oggi hanno raggiunto la piena dignità professionale essendo stati stabilizzati tutti a tempo pieno.
“Infine bisogna sottolineare che le scelte dell’amministrazione vengono sempre condivise con l’intera maggioranza ad iniziare dalle convenzioni per i parchi eolici o fotovoltaici, che hanno visto sempre tutti i consiglieri comunali contribuire alla realizzazione, ivi compreso anche chi solo fino a poche settimane fà, facendo parte della maggioranza, li apprezzava e oggi inspiegabilmente vorrebbe modificarle e soprattutto a differenza dell’ex sindaco che in passato ne escludeva la delibera in Consiglio Comunale sbrigandosela da solo.
Pertanto ribadiamo con convinzione la fiducia al Sindaco ed elogiamo l’operato che continua a svolgere nel rispetto della legalità , della trasparenza e di sani principi etico-morali” – conclude Casisi

Continua a leggere

Flash news

Il centrodestra ci prova a nord e a sud con Tesauro e Cosentino

Pubblicato

il

A Caltanissetta come a Gela i candidati a sindaco del centrodestra sono due: Walter Tesauro espressione della coalizione e Angelo Failla da sempre uomo di centrodestra. A Gela la coalizione si è compattata attorno alla candidata tecnica Grazia Cosentino ed in contrapposizione c’è l’ex consigliere di FdI Totò Scerra. 

Sabato la presentazione ufficiale della candidatura dell’avv.Tesauro a Caltanissetta con i big della politica. Assente il presidente Schifani c’erano il coordinatore regionale Marcello Caruso e la senatrice Stefania Craxi.

La convention è stata aperta dall’onorevole Mancuso e a seguire da Giovanna Candura che sarà vicesindaco in caso di vittoria.

“Bisogna ripristinare la buona politica – ha detto la sen. Stefania Craxi – che sappia parlare a ogni individuo facendo in modo che nessuno rimanga indietro e chiedendo, però, a ciascuno di fare un passo avanti”.

Alla convention erano presenti Grazia Cosentino con la coordinatrice di Azzurro donna Nadia Gnoffo e vari altri esponenti gelesi.Ora si aspetta la convention di apertura della campagna elettorale della candidata gelese del centrodestra.

Continua a leggere

Cucina

Lo chef Totò Catania propone: Rigatoni alla carbonara di asparagi

Pubblicato

il

Se per chi ha un approccio dogmatico alla cucina, ritoccare i grandi classici può rasentare la blasfemia, viceversa gli innovatori, tra cui mi fregio di appartenere, ritengono opera necessaria e gradita quella di rompere gli schemi tradizionali: dunque oggi si rifà la carbonara versione vegetariana.

Finalmente sono arrivati gli asparagi sulle tavole primaverili e prenderanno il posto del guanciale. Eliminiamo la parte inferiore più legnosa degli asparagi che metteremo a bollire nell’acqua della pasta così da conferire più sapore (prima di calare la pasta bisogna però tirare fuori dall’acqua bollente questi gambi più coriacei). Tagliamo i gambi e le punte della misura che più ci aggrada e spadelliamo con un filo d’olio evo ed uno spicchio di aglio schiacciato, saltando da ultimo e lasciando gli asparagi ancora un po’ croccanti.

Prendiamo le uova, useremo solo i tuorli, calcolate due tuorli a persona. Aggiungete il pecorino romano ai tuorli ed una generosa grattatina di pepe nero. Calate la pasta e quando sarà al dente andate in padella con gli asparagi. A fuoco spento aggiungete la carbo-crema di tuorli e formaggio e fate mantecare. I vegetariani esulteranno, ma vi posso assicurare che anche i carnivori, per una volta, non sentiranno la mancanza della carne. Buon appetito!

Chef Totò Catania

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852