Seguici su:

Rubriche

Sbandieratori di Gela in trasferta a Ferragosto

Pubblicato

il

Ravanusa – Gli sbandieratori di Gela in trasferta, in occasione dei festeggiamenti del Ferragosto a Ravanusa, dove si è svolta la Sfilata Medievale con la presenza del sindaco del Comune, con Dame, Cavalieri, Armigeni, Giullari, Tamburi e Bandiere, con l’esibizioni finale di Tiro con Arco nella gremita Piazza I Maggio.

L’evento e’ stato organizzato dal Gruppo Storico dei Guerrieri Ravim, dipartimento Sport e Tradizioni dell’associazione Acams di cui è Direttore il Maestro Andrea Tricoli (Responsabile Regionale Asi settore tiro con l’arco). Vi hanno preso parte anche “le ragazze della terza età”, i ragazzi speciali con disabilità “abile anch’io” e i ragazzi in attesa di permesso di soggiorno della Cooperativa Juvenilia di Campobello di Licata. Straordinaria presenza degli Sbandieratori di Gela diretti da Valter Micciché (Responsabile Regionale Asi area Ginnastica) che hanno animato la serata facendo volteggiare in aria le bandiere della città di Gela.

La sfilata si è conclusa davanti la chiesa con esibizioni del gruppo gelese. “Un grazie particolare ad Andrea Tricoli – commenta Micciche’ – che al termine della serata ci ha donato un porta fortuna (plettro per chitarra) realizzato da ragazzi speciali”.

Il prossimo evento che vedrà impegnati gli Sbandieratori di Gela sarà per il Palio dell’Alemanna che si terrà a Gela domenica 3 settembre.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Scrivo a Il Gazzettino di Gela

Gran Sicilia sta con Franzone

Pubblicato

il

Il quadro delle candidature a sindaco si comincia a delineare e con esso il sostegno dei gruppi politici anche se i giochi sono lontani dall’ essere fatti in maniera completa . Gran Sicilia non ha dubbi: sta con Franzone. Ecco cosa scrive il coordinatore Paolo Scicolone:

“Dopo anni sulla strada a fare la politica fra la gente, lontani da riflettori e palazzi, Dopo aver acquisito coscienza e consapevolezze stando vicini ai bisogni reali dei gelesi, dei quartieri,  è giunta l’ora per noi di Gran Sicilia di fare l’ultimo passo verso una maturazione che molti amici ci chiedono da anni e compiere quel passo che ci porta ad entrare nell’agone elettorale.

Dopo aver seguito i recenti movimenti delle varie forze politiche non abbiamo alcun dubbio nel dichiarare il nostro appoggio totale all’unico candidato possibile, che, come noi del resto, ha mostrato con la sua storia coraggio, tenacia, determinazione nell’inseguire obiettivi reali per il bene della città fuori dai centri di potere e ricevendo in più occasioni le spalle voltate da parte di tutti politici che in questi ultimi anni avrebbero potuto mostrarsi più aperti verso istanze provenienti dal “basso”.

L’unica persona con cui negli anni si è instaurato un rapporto sincero e proficuo basato sulla condivisione e che, anche se avrebbe potuto, ha voluto marcare una distanza chiara coi partiti, pur sapendo mantenere un dialogo con chiunque abbia mostrato, almeno in apparenza, buone intenzioni. 

E oggi con lui vogliamo continuare a parlare di donne e uomini, di problemi reali, di bisogni, di idee,di progetti realizzabili, di lavoro.
Vogliamo portare verso di lui l’esperienza delle nostre battaglie per l’acqua pubblica, per l’ambiente, per l’agricoltura, la salute, per la gestione dei rifiuti, per le infrastrutture come le dighe in colpevolissimo stato di abbandono e mai considerate, nonostante cospicui finanziamenti già esistenti. Indirizzeremo verso lui quella rete di amici e valori che abbiamo costruito soprattutto nei quartieri di periferia, abbandonati totalmente dalla politica che oggi cerca di vendersi come vergine.

Continueremo col nostro spirito, di gente del popolo a dialogare con chiunque sappia mostrarci un sincero bisogno di stare vicino alla gente e non vicino alle poltrone. Sosteniamo il sindaco Artigiano, figlio del suo lavoro, che ha dignitosamente ereditato dal padre l’arte di creare, modellare, non a chiacchiere, ma sporcandosi le mani,   con sapienza, forza e sudore esibendo calli e ferite con orgoglio visualizzando sempre grandi traguardi. Quello che serve alla politica di oggi.

Sosteniamo il sindaco del Popolo: Filippo Fanzone”.

Continua a leggere

Rubriche

Debutto dello spettacolo gli ‘Uomini non sono alberi’

Pubblicato

il

 “Uomini non sono alberi”, viaggio in 24 canzoni per narrare vita e opere del compositore dell’“Opera da tre soldi”, debutterà il 9 marzo nel Teatro Garibaldi. Prodotto da One Sky Academy in collaborazione con il Comune di Piazza e diretto da Frank Alva Buecheler, coinvolge artisti provenienti da Germania, Svizzera, Regno Unito, Italia e Palestina.  Lo spettacolo, recitato e cantato in tedesco, inglese, italiano e arabo, narra le peripezie di Weill, che, ebreo, durante il nazismo e la guerra visse da cosmopolita tra Berlino, Parigi e New York. Ieri la prima prova in Sicilia.

 “Uomini non sono alberi” si intitola il musical in scena sabato 9 e domenica 10 marzo in anteprima assoluta nel Teatro Garibaldi di Piazza Armerina e che prende il titolo dal saggio “Exile and Creativity” (1984) del filosofo ceco Vilém Flusser, in cui si afferma che le persone non hanno radici e quindi possono muoversi liberamente.

L’essere umano sperimenta sé stesso nel movimento e nel movimento trova energia e identità.
Frank Alva Buecheler – regista, autore e performer tedesco – ha deciso di portare questo
messaggio di felicità e libertà dal nord Europa alla Sicilia, cuore del Mediterraneo e simbolo della
comunicazione tra continenti e popoli. Per questo ha scelto Piazza Armerina, nel centro dell’Isola, città famosa per il suo patrimonio archeologico e artistico, che negli ultimi anni è diventata protagonista di una crescita culturale e demografica senza precedenti.

Qui, Buecheler ha fondato la One Sky Academy, istituzione tesa alla cooperazione internazionale e alla diffusione dell’idea di una società aperta, fondata sull’Arte, la Pace e il Progresso sostenibile. Un luogo in cui cittadini, artisti e intellettuali possono incontrarsi per esplorare e sviluppare una comprensione profonda in un mondo sempre più confuso.

“Uomini non sono alberi” è la prima produzione teatrale nata da questo progetto. Kurt Weill – esiliato due volte nella sua vita a causa delle persecuzioni razziali contro gli ebrei – è stato uno degli artisti più popolari del XX secolo. Attraverso le sue più famose canzoni – da Mackie Messer a September Song, diventata una hit di Frank Sinatra – lo spettacolo racconta la sua avventurosa biografia trasformandola in un’allegoria della potenza vitale che l’essere umano può esprimere, superando ogni ostacolo per conquistare la felicità e la libertà.

Nato nel 1900 in una piccola città industriale tedesca, Weill ha composto la colonna sonora della leggendaria Berlino dei selvaggi, dorati e disperati anni Venti. La sua Opera da tre soldi – su testo di Bertolt Brecht ed Elisabeth Hauptmann – è lo spettacolo musicale di maggior successo del XX secolo. Mack The Knife fu il singolo più venduto degli anni Venti. E la moglie Lotte Lenya divenne la cantante più acclamata del suo tempo, conquistando il pubblico con la sua appassionata Jenny dei pirati. Ma quando Adolf Hitler prese definitivamente il potere in Germania nel 1933, Kurt Weill fu costretto a lasciare tutto a Berlino – casa, automobile e cane – per fuggire a Parigi. Qui non si perse d’animo e si tuffò nel lavoro scrivendo chanson indimenticabili. Dopo due anni il vento cambiò anche in Francia e Kurt si imbarcò per New York con la moglie. E negli States riuscì ad affermarsi in pochissimo tempo: debuttò trionfalmente a Broadway con alcuni musical profondamente innovativi, spesso in collaborazione con il premio Pulitzer James Maxwell Anderson, e scrisse bellissime colonne sonore per il cinema di Hollywood, da You and Me di Fritz Lang (1937-38) a Salute to France di Jean Renoir (1944).

Lotte e Kurt, divenuti cittadini americani, festeggiarono la vittoria degli Alleati che pose fine alla Seconda Guerra Mondiale e al terrore nazista. Ma Kurt non volle più tornare in Germania e sarebbe morto nell’aprile del 1950 a soli 50 anni.

Ci restano la sua musica e la testimonianza di un artista sempre fedele a sé stesso, che ha rifiutato il ruolo della vittima e trasformato ogni situazione avversa in un’opportunità.

“Uomini non sono alberi” – dopo quelle a Berlino, le prove proseguono da ieri a Piazza Armerina dove domani arriveranno i costumi – è recitato e cantato in tedesco, inglese, italiano e arabo.  Sulla scena, protagonisti del musical sono, oltre allo stesso regista e autore Frank Alva Buecheler, Christine Buffle, Maryam El-Ghussein e Kenneth Berkel, che è anche il direttore musicale. Scenografia e costumi portano la firma di Danila Mancuso, video e suoni sono di Cesare Minacapilli e assistenti alla regia sono Pietro Roccaforte e Cai Morgan.

Dalle 16 di martedì 6 marzo nel convento di Sant’Anna a Piazza Armerina, sede della One Sky Academy, avrà luogo una conferenza stampa con i protagonisti di questa grande operazione culturale.

Tre giorni dopo, nella cornice storica del Teatro Garibaldi, costruito tra il Sette e l’Ottocento e da poco restituito ai cittadini, il pubblico avrà la possibilità di partecipare per la prima volta a un grande evento internazionale.

Per il debutto del 9 marzo alle 19.30, il biglietto costerà 15 euro, mentre giovani fino a 18 anni ne pagheranno solo 10. Nella pomeridiana del giorno successivo, alle 17.30, il biglietto intero costerà 10 euro e quello ridotto per i giovani soltanto 6. Per lunedì 11, infine, si sta lavorando a un matinée. Per informazioni e vendite  si può contattare la One Sky Academy (https://onesky.academy/it/).

Gli organizzatori consigliano di affrettarsi a prenotare, considerato l’alto numero di richieste per questo spettacolo che, con la bellezza della sua musica, la vivacità delle sue scene e dei suoi colori, si fa portatore di un messaggio carico di emozioni e positività. E interpreta in chiave globale lo spirito di rinascita e di rivalsa che ora anima tutta la Sicilia e la città Piazza Armerina.

Continua a leggere

Lo Scrivo a Il Gazzettino di Gela

Gran Sicilia: “sull’inquinamento del fiume Gela non si sa nulla”

Pubblicato

il

Il movimento politico Gran Sicilia non si ferma e continua a chiedere interventi e chiarimenti sui ripetuti fenomeni di inquinamento del fiume Gela, e di conseguenza, del mare che riceve le acque del fiume. Ecco l’ ennesima denuncia del rappresentante Paolo Scicolone.


“A distanza di più di 5 mesi dalla denuncia e più di 4 mesi dalla richiesta dei verbali di campionamento e dei riscontri analitici richiesti alla capitaneria di Porto locale e da questi inoltrata all’Arpa, non si è saputo nulla.


Origine e tipologia di inquinamento rimangono ignoti. Quello strato nero catrame che ricopre le acque del fiume Gela non ha ancora una spiegazione. O, almeno, non si è voluta rendere pubblica, non fornendo notizie nemmeno a chi ha sporto denuncia.

Si è chiesto quindi, con l’ennesimo esposto,  l’intervento del NOE per denunciare non solo il reato ambientale ma anche le omissioni degli enti pubblici preposti. Ad oggi, quel che si sa è che non esiste un censimento degli scarichi sul fiume, così si legge dall’unica risposta ricevuta dagli uffici della Capitaneria di Porto.

Questo fa pensare che i suddetti scarichi non siano mai stati monitorati.
La politica locale, in tutte le componenti che vi partecipano, non sembrano minimamente interessati ai reati ambientali, e pur essendo informati dei fatti, anche tramite stampa locale, non si sono mossi in nessun modo. Ambiente, Legalità, Salute, argomenti tanto sventolati nelle campagne elettorali, non sembrano nei fatti far parte dell’agenda politica di nessun partito, di nessun politico.

Questo dato è ancor più preoccupante dal momento che si tratta di tematiche centrali nella amministrazione di un territorio e nella tutela degli abitanti.

Come già fatto in passato, nel caso, per esempio, della famosa puzza di pesce che ha arrecato molestie ai cittadini Gelesi per settimane, chiederemo con prossimi esposti, di indagare anche sulle omissioni e sulle responsabilità dell’amministrazione.

Ancora una volta abbiamo avuto la prova che quando c’è bisogno i cittadini devono arrangiarsi e non possono fare affidamento su chi ha il dovere di tutelarli.
Noi, che attorno a Territorio, ambiente e Salute abbiamo costruito il nostro manifesto politico, non sentiamo affatto l’esigenza di fermarci, ma continuiamo ancora a sperare in una sponda istituzionale che non arriva mai. E che non si dica che ci muoviamo solo in campagna elettorale. La nostra azione, costante e silenziosa, è presente da anni. Sono altri che si riempiono la bocca di certi argomenti solo in campagna elettorale”.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852