Seguici su:

La parola della domenica

“… tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo”

Pubblicato

il

Rubrica ad ispirazione cattolica a cura di Toton Sauna

DOMENICA 27 Novembre 2022


In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Come furono i giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e travolse tutti: così sarà anche la venuta del Figlio dell’uomo. Allora due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l’altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l’altra lasciata.
Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. Perciò anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo». Mt 24,37-44


Vegliare senza stancarci. Per farci  trovare pronti al Suo arrivo. Alla sua Chiamata. La Chiesa apre il periodo di Avvento, ci invita a meditare, ad aspettare il  Natale. Ci invita a stare svegli. Un periodo ricco per i cristiani. Ma, anche, per tutti coloro che hanno una speranza nel cuore. Che stanno male e vorrebbero una parola di conforto, che sono disperati, ammalati terminali che lottano ogni giorno con la sofferenza, con il dolore. Gesù ci invita a vegliare, ad aspettare. Sta arrivando Natale, sta arrivando il Salvatore. Colui che concretizza le nostre speranze. È che Dio arriva quando meno te lo aspetti. Magari lo cerchiamo tutta la vita, o crediamo di cercarlo, o siamo convinti di averlo trovato e quindi dormi sugli allori e, intanto, la vita ti passa addosso. Sono quattro le settimane che ci preparano al Natale. Un mese per preparare una culla per Dio. Ma ora chiede di nascere in noi. Perché possiamo celebrare cento natali, senza che mai una volta Dio nasca nei nostri cuori. Per farlo dobbiamo iniziare a imparare a vegliare. Vegliare è aspettare che qualcosa succeda; Vegliare è svuotare noi stessi e aprire il nostro cuore. Come fa ad entrare se il nostro cuore è pieno di preoccupazioni, idoli, miti, cianfrusaglie varie. Vegliare è conoscersi e guadarsi dentro e capire chi siamo; come fai ad aprire una porta se questa non è aperta da dentro? Vegliare è capire se sei forte o sei debole. Se sei capace o no Vegliare è scegliere. Ci sono momenti che i tuoi occhi vorrebbero chiudersi e addormentarsi, andare a letto sotto le coperte, al calduccio, ed invece ecco arriva in quell’attimo. Natale sta arrivando, Gesù sta arrivando e non dobbiamo farci trovare altrove a pensare a chissà cosa o non avere tempo perché impegnati alle assemblee condominiali . Vegliare non è distrarsi, è rimanere concentrati, attenti, sta arrivando un momento per te e per me, che potrebbe cambiarci la vita, stravolgerci la vita. Vegliare è buttare fuori dal nostro armadio le cose vecchie e riempirlo di quelli nuovi. Gli abiti vecchi  che non indossiamo più e fare entrare quelli nuovi che profumano di fresco e allietano l’aria che ci danno gioia e voglia di vivere. Vegliare è sperare. Vegliare è dare un senso a questa vita che un senso non ce l’ha, come diceva Vasco Rossi.  Allora , fratelli, su coraggio. Siamo tristi, delusi, confusi. Coraggio, Dio arriva e con Lui arriva la Luce, che rischiara le nostre  notti, dove il peccato e il male ci hanno cacciato. Dove non riusciamo ad uscirne fuori. Perché facciamo affidamento alle nostre povere forze. Coraggio, prepariamoci alla sua venuta aprendo il nostro cuore, iniziando a vegliare e non andando a prenotare quei cenoni super calorici che l’industria ci ha spinto a fare o quella gran corsa ai regali che ci costringono a fare. Natale arriva se noi iniziamo a vegliare.

Buona Domenica

Totò Sauna

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

La parola della domenica

“Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio”

Pubblicato

il

Rubrica ad ispirazione cattolica a cura di Toto’ Sauna

Domenica 29 Gennaio 2023

“In quel tempo, vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. Si mise a parlare e insegnava loro dicendo:
«Beati i poveri in spirito,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati quelli che sono nel pianto,
perché saranno consolati.
Beati i miti,
perché avranno in eredità la terra.
Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia,
perché saranno saziati.
Beati i misericordiosi,
perché troveranno misericordia.
Beati i puri di cuore,
perché vedranno Dio.
Beati gli operatori di pace,
perché saranno chiamati figli di Dio.
Beati i perseguitati per la giustizia,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli».
Mt 5,1-12°

Il passo del vangelo di Matteo sulle Beatitudini mi fa stare male. Puoi curare rubriche religiose. Puoi osservare, testimoniare, evangelizzare, puoi fare tutto quello che vuoi ma di fronte a questo passo ti senti sempre in difficoltà. Ti senti come se mancasse qualcosa. Non so voi. Ma io mi sento cosi. Mancante di qualcosa. Non a posto. Capisco quanto sono lontano ancora dall’essere un cristiano. Chissà se mi basterà questa mia vita terrena per esserlo. Ci proviamo. Sapendo che cosa ? Che questa è la vita della felicità. Non ci sono altre vie o scorciatoie, che ci vengono proposte, in maniera copiosa, dalle Barbare televisive. Non ci sono altre scelte che quella delle beatitudini. Qualcuno parlando di questo passo, mi dice di stare in guardia,  guai a sentirsi a posto . Guai. Allora mi consolo un po’. Ma poco. Il Cammino che indica il Signore è chiaro. Noi cerchiamo sempre di addolcirlo. Di metterci un po’ di zucchero, di cercare di appianare qualcosina. Si, vero, ma forse Gesù voleva dire questo o quest’altro. Forse questi discorsi erano perfetti per i suoi tempi. Ora le cose sono cambiate. Insomma, tutte le scuse sono buone. Le beatitudini sono là. Scritte da Matteo in maniera chiara. Senza ombra alcuna. Vogliamo essere cristiani? Vogliamo essere felici? Vogliamo conquistarci un posto nella città celeste? Ecco le Beatitudini. Ci lanciano un messaggio chiaro. Dobbiamo tenere una vita tutta al contrario di quello che facciamo. Dobbiamo girare lo sguardo. Convertirci. Il nostro mondo ci fa credere che ottenere la felicità è cosa da poco: basta possedere, apparire, esagerare. Chi davvero crede a questa menzogna si ritrova con un pugno di mosche in mano, inebriato e fuori di sé. È possibile essere felici? Gesù definisce beati, cioè felici, coloro che sono poveri, che piangono, che sono perseguitati, che stanno male, che hanno un tumore.Possibile essere felici? Per il mondo, no. Ma scherziamo? Chi vive nella povertà o nel pianto, chi è perseguitato non è felice. È nella tristezza più cupa. E il rischio, decisamente diffuso, è che, leggendola, molti pensino che il cristianesimo esalti il dolore, ci inviti alla sofferenza, alla sopportazione. Come se Gesù ci chiedesse di piegare la testa, di andare avanti, sopportando ogni nefandezza, quasi che la rassegnazione piacesse a Dio. Non è così. Dio non ama il dolore, né ci invita alla rassegnazione. E quando Gesù parla di felicità, usa il verbo futuro. Perché è verso il futuro che dobbiamo guardare per essere felici. Non ci aspetta una ricompensa per avere sopportato il dolore. Ma vivere in una certa logica, anche se costa dolore, è la direzione giusta per entrare nella felicità di Dio. Per conquistare un posto nel cielo. Questa è la nostra vita. Allora, non ci dice qua sulla terra avremo felicità, ricchezze. Ripeto con questo non voglio dire che uno deve cercare di andare avanti nella vita di lavorare di essere felice. Ma la nostra ricompensa è in cielo. Un posto per l’eternità vicino a Gesù. Una felicità infinita. Gesù è morto perché ha vissuto fino all’ultimo queste beatitudini. E ora tocca a noi, se vogliamo. Giorno per giorno, un pezzo di beatitudine alla volta, per cambiare il nostro cuore, per convertire noi stessi e il mondo. La sfida è lanciata. O Gesù è un folle senza speranza, o ha ragione. Allora vale la pena di rischiare. E di seguirlo.

Buona Domenica

Totò Sauna

Continua a leggere

La parola della domenica

“Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino”

Pubblicato

il

Rubrica ad ispirazione cattolica a cura di Toto’ Sauna

Domenica 22 Gennaio 23


“Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa:
«Terra di Zàbulon e terra di Nèftali, sulla via del mare, oltre il Giordano, Galilea delle genti!
Il popolo che abitava nelle tenebre vide una grande luce, per quelli che abitavano in regione e ombra di morte una luce è sorta». Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino». Mentre camminava lungo il mare di Galilea, vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini». Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono. Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedeo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono. Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo. Matteo 4,12-17


Lo sguardo. Girare lo sguardo. Questo è quello che ci chiede Gesù. Non è una cosa facile. Ci viene difficile. Quasi impossibile. Girare lo sguardo. Gesù si è accorto che gli uomini guardiamo ad altro. Siamo distratti. Siamo attratti dalle stesse sirene di Ulisse. Abbiamo perso la rotta della nostra vita e andiamo dietro a chi grida più forte.  Quello che guardiamo non è bello. Non è affascinante. Immagini tristi. Immagini di una vita piena di delusioni, di tristezza. Immagini di una vita che non sentiamo nostra. Non sappiamo come uscirne. Come trovare la soluzione. Il gioco, l’adulterio, il rubare, il tradire, il drogarsi, il bere in maniera forsennata. Le tentiamo tutte. Ma siamo sempre al punto da capo. Se non peggio. Arriviamo fino ad uccidere l’altro.. A toglierci la vita. Ecco , arriva nel vangelo di oggi, l’invito di Gesù” Convertitetivi”. Letteralmente girare lo sguardo. Cambiare rotta. Cambiare vita. Non è facile. Ci vogliono alcune cose fondamentali. La consapevolezza di essere finiti. Di non essere eterni, di non essere al centro del mondo e lo stesso non gira attorno a noi. Di potere cambiare le grandi sorti della nostra vita. Per quanto ci impegniamo tutta la vita non possiamo evitare la grande malattia, la grande sofferenza. La morte. Mi sovviene in mente, in questo periodo, le morti di tanti  giovani nella nostra città negli incidenti stradali. Per tumore. Allora, davanti a questa situazioni ci poniamo, fratello e sorella mia, una domanda. Che senso ha la vita? E tutto gira attorno alla risposta che noi diamo a questa semplice domanda. Facile. Non sempre. Possiamo anche non dare risposta  e vivere cosi, come si dice, alla giornata. In balia dei venti ,delle chiacchiere delle mode, dei fanatismi. Oppure si inizia un grosso lavoro. Dentro di noi. Per farlo ci vuole volontà. Guardarsi dentro. Ma, soprattutto guardare Cristo. Negli occhi. Di fronte. Senza paura, ma con grande umiltà ed onestà. Senza nascondersi. Senza fuggire. E parlarci, dialogarci. “ Signore non so quale è la rotta della mia vita. Tu la conosci. Lo so che non è facile percorrerla. Lo so che non ci sono scorciatoie. Lo so che non ci sono solo discese ma anche tante salite. Lo so le strade non sempre sono asfaltate. Lo so è piena di cadute di scoraggiamenti. Ma so e conosco la meta. Signore sei Tu” e vedrai che la vita non è più la stessa.  Lo so, a parole è facile. Ma, credetemi, questa è la mia esperienza.  Questo è il mio consiglio. Non ce ne sono altri. Convertirsi. Girare lo sguardo.“Convertitevi perché il Regno si è fatto vicino”. Sì, così scrive Matteo: è il Regno ad essersi avvicinato, è lui, Dio, che prende l’iniziativa, è suo il primo passo. A noi chiede di accorgerci, di girare lo sguardo. Dio non esordisce con qualche reprimenda morale, con qualche sensato discorso teso a suscitare pentimento e cambiamento di condotta. Lui, lui per primo si offre, si dona, rischia. Dice: “Io ti sono vicino, non te ne accorgi?”. Accorgersi significa davvero mollare tutto, lasciar andare i molti affari, le molte cose, per recuperare l’essenziale, come Pietro, come Andrea, che diventano pescatori di uomini. Il Regno è la consapevolezza della presenza entusiasmante e sorridente di Dio. Il Regno è là dove Dio regna, dove lui è al centro. Non abbiamo nessun merito perché ciò accada: è iniziativa libera di Dio, noi, allarghiamo il cuore. Non dobbiamo salvare il mondo, è già salvo! È che non lo sa di essere salvo. E vive nella disperazione. A noi di renderlo presente, questo Regno, a noi di vivere da salvati.

Buona Domenica

Totò Sauna

Continua a leggere

La parola della domenica

Dio sa stupirci, se lo lasciamo fare

Pubblicato

il

Rubrica ad ispirazione cattolica a cura di Toto’ Sauna

Domenica 15 Gennaio 23
In quel tempo, Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! Egli è colui del quale ho detto: “Dopo di me viene un uomo che è avanti a me, perché era prima di me”. Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell’acqua, perché egli fosse manifestato a Israele».
Giovanni testimoniò dicendo: «Ho contemplato lo Spirito discendere come una colomba dal cielo e rimanere su di lui. Io non lo conoscevo, ma proprio colui che mi ha inviato a battezzare nell’acqua mi disse: “Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo”. E io ho visto e ho testimoniato questi è il Figlio di che Dio». Gv 1,29-34


Non so se anche voi vi ponete una domanda: Ma che sta succedendo? Basta guardare i telegiornali o leggere un quotidiano e ci si pone la domanda. Guerre,  figli che uccidono o meglio fanno uccidere i genitori. Fidanzati che bruciano le fidanzate. Mariti che uccidono le mogli. Ogni giorno  ne succede una nuova e tutti a chiederci ma che sta succedendo. Non sta succedendo nulla di nuovo. Fatti e cose che sono sempre esistiti. La differenza e che oggi sappiamo e conosciamo tutto grazie ai mezzi di comunicazione. Ma non esiste alcuna differenza tra prima e dopo. Ve lo dico e sono strasicuro di questo. Manca Dio. Manca Dio nei nostri cuori. Quando succedono queste cose perché manca il Signore. Nella famiglia, nei posti di lavoro  dovunque. Crediamo che possiamo farne a meno. Vi invito , invece, a leggere con calma e in maniera approfondita il vangelo di oggi ,soprattutto la parte finale.” E io ho visto e ho testimoniato, questi è il Figlio di  Dio “ Quante volte avrei voluto ripetere questa frase. Ho testimoniato. Ero disperso. Confuso. Vagavo nei giorni della vita. Non sapevo quale era la direzione giusta. Pensavo che tutto era lecito, tutto giusto. Poi, ho incontrato Cristo. E Tutto è cambiato. E ho testimoniato che questi è il Figlio di  Dio, dice Giovanni. Ma prima, sempre nel Vangelo di oggi, Giovanni dice Io non lo conoscevo, ripete per due volte un assurdo. Lo stupore di domenica scorsa (Tu vieni da me?) gli ha spalancato un mondo, un orizzonte, una comprensione del mistero di Dio totalmente inattesa.

Credeva di sapere, credeva di credere, credeva di conoscere. Tutta la sua vita si era consumata intorno a quell’attesa, a quella preparazione, a quell’incontro. Tutta la nostra vita è protesa a questo incontro. Che ci cambia. Ci trasforma. Credetemi con tutto il cuore, non sono parole. Ma vita concreta, vera. Tutti come Giovanni diciamo”Io non lo conoscevo”. Così è la nostra vita di ricerca. Così inizia questo tempo donato da Dio. Senza sapere. Senza sederci sulle certezze acquisite, sulle cose donate e imparate, senza voler apparire arrivati o sapienti. Dio sa stupirci, se lo lasciamo fare. Continua Giovanni “Ho visto”.

La conoscenza di Dio nasce sempre da un’esperienza. il vedere non è solo un distratto guardare, curioso, superficiale. È l’atteggiamento di chi si pone davanti alla vita con mille domande. Ho visto, dice Giovanni. Ha visto Gesù venire verso di lui, dopo il Battesimo. Ha visto un Dio che gli si fa incontro, presente, prossimo, vicino. Come abbiamo visto noi, in questi brevi ed intensi giorni di Natale.

Abbiamo visto un Dio che diventa bambino, che ribalta le nostre prospettive. Abbiamo visto, se non ci siamo lasciati sopraffare dall’inutile buonismo che emoziona e non converte.

Se sappiamo alzare lo sguardo dalla disperazione, se lasciamo il cuore e l’anima andare oltre l’apparenza di una festa diventata mondana, anche noi vediamo il Signore venirci incontro.  È questo il cristianesimo: lo stupore di un Dio che prende l’iniziativa, che annulla le distanze, senza porre condizioni, senza chiedere nulla in contraccambio. 

Ho testimoniato. Ho visto e ho testimoniato…

Possiamo testimoniare solo se sperimentiamo, non per sentito dire. Possiamo testimoniare solo se ammettiamo di non conoscere e ci poniamo all’ascolto. Giovanni testimonia che ha scoperto in Gesù, il Figlio di Dio. Non il Messia vendicatore, non un grande uomo, non un profeta o un guru, non un autore spirituale. Il Figlio di Dio. Ho visto e ho testimoniato nella mia vita intensa, complessa, densa, misteriosa, che Gesù è il Figlio di Dio. Quante volte nella nostra vita, vorremmo dire questa frase. Dipende da noi.

Buona Domenica

 Totò Sauna

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852