Seguici su:

Spettacolo

Tornano gli spettacoli al Teatro Eschilo: stasera la prima

Pubblicato

il

Tornano gli spettacoli al Teatro Comunale ‘Eschilo’ . Stasera la ‘prima’. Una conferenza stampa è stata indetta dalla direzione della struttura alla presenza del sindaco Greco, dell’assessore allo spettacolo Cristian Malluzzo e del direttore artistico Franco Longo. “Passato il picco del coronavirus siamo lieti di annunciare che l’attività culturale del teatro torna – dice il sindaco – la città ha bisogno di cultura ed anche di tornare alla normalità ed il teatro è uno dei momenti di alta cultura deputati a questo scopo”. ” L’ultima volta che ho visto il teatro attivo è stato durante la manifestazione Tedex – ha detto Malluzzo – poi siamo stati travolti ancora una volta dalla pandemia. Ora ci auguriamo di vivere un’altra stagione di serenità e normalità”. “Con una certa emozione torniamo ad aprire le porte alle compagnia – dice il direttore Longo – certo una parte della stagione è già compromessa, ma abbiamo ancora tempo per potere ospitare una nuova performace della coppia che si proeitta nel mondo dello spettacolo, Sansoni che il pubblico gelese già conosce; Enrico Guarneri con ‘L’ispettore generale’: In una sperduta cittadina di una più vasta e progredita Nazione, arriva la notizia dell’arrivo, dalla Capitale, di un Ispettore Generale. Che sia venuto ad indagare, pare la cosa più ovvia. Ma indagare chi? E perché? Che qualcuno abbia avuto il coraggio di denunciare le molte magagne, le innumerevoli ingiustizie, l’infinita corruttela che regna in paese? Oppure, uno di loro stessi, invidioso del successo e del potere degli altri, ha denunciato tutti? Ma, soprattutto, chi sarà mai questo potentissimo Ispettore? Nella casa del Sindaco si discute da ore: la catastrofe sembra imminente. Anche perché, nell’unica, infima locanda del paese, è appena arrivato…
Dietro la trama si dipana la più feroce, dissacrante, corrosiva satira del potere che un autore di Teatro abbia mai concepito. Ed è dal 1836, anno del debutto pietroburghese, che la commedia non smette di divertire il pubblico con il suo acre umorismo, intriso di veleno. Oggi, la versione che s’incentra sull’enorme talento comico di Enrico Guarneri, accentua ancor di più la parte esilarante; sbalzandone, in un luogo “non-luogo” ed in un tempo “non tempo”, che potrebbero persino essere (entrambi) i nostri, le figure sordidamente irresistibili dell’estabilishment locale, in formato bonsai: il piccolo sopruso, il minuscolo profitto di cui si nutre il misero potere della burocrazia.

Tuccio Musumeci con ‘Per Fortuna è una notte di luna’ e Marco Bocci con ‘Lo zingaro’ che narra la storia di un pilota di auto sconosciuto il cui destino è però indissolubilmente legato a un mito della Formula 1: Ayrton Senna. Lo Zingaro cerca se stesso attraverso un legame quasi ossessivo con il grande campione brasiliano, morto ad Imola il 1° maggio del 1994.

. In più c’è un cartellone dedicato ai bambini con prezzi popolari: il 24 aprile Anastasia, l’8 maggio Il Mago di Oz; il 22 maggio Peter Pan e il 29 maggio Cappuccetto Rosso.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Rubriche

I ‘Parenti costretti’ in cerca di eredità ma gabbati

Pubblicato

il

Gli intrighi della commedia dell’arte; le battute esilaranti del teatro siciliano; il dialetto come risorsa e sullo sfondo il miraggio del denaro ‘che move il mondo e l’alte stelle’. Su queste direttici si muovono i quattro ‘Parenti costretti’ in scena ieri sera al Teatro Eschilo. Tre figli dominati da una mamma dal cervello fine che ha mosso le fila della loro vita. E se qualcosa non è andata come voleva lei, ha pronto il ricatto, una sorta di ‘pena del contrappasso’ dantesca, per riportarli nella linea che lei ha deciso. Per accedere all’eredità quindi la mamma pretende che Filippo viva in castità, proprio lui che ha la fama di sciupafemmine e che invece nasconde gusti alternativi; pretende che Elena si apra alla vita allegra, proprio lei che ha scelto la castità e che il filosofo Jacopo scenda dal piedistallo della cultura. E i figli stanno al gioco pur di mettere le mani sull’eredità. Alla fine la madre che si è presentata come malata terminale parte per il brasile per godere della vita e lasciarli con un palmo di naso e senza eredità… con la travolgente interpretazione di Daniela Pupella, Leonardo Campanella, Lavinia Pupella e Daniela Vespertino.

.

Continua a leggere

Rubriche

Verga entra nella scuole con il teatro Eschilo

Pubblicato

il

Il teatro entra nelle scuole: una lezione di letteratura in palcoscenico.
In occasione del centenario della morte di Giovanni Verga, maestro del Verismo, la Over The Rainbow Production ha portato in scena al teatro Eschilo “Frammenti rurali – Novelle di Giovanni Verga”. Si tratta di un viaggio nella campagna siciliana di fine Ottocento che fa da sfondo alle novelle raccolte in Vita dei campi e Novelle rusticane. Tra le bellissime pagine dell’autore, gli spettatori hanno assistito alla messa in scena delle più rappresentative: La lupa, Cavalleria rusticana, Rosso Malpelo e La roba solo per citarne alcune.

Come il titolo suggerisce si tratta di frammenti di novelle adattate alla scena, raccontate dalla voce del popolo da cui l’autore le ha raccolte, e in cui ciascuno degli spettatori ha avuto la possibilità di riconoscere i tratti e le tematiche che hanno caratterizzato la poetica verghiana.
Tra le note dei canti della tradizione siciliana dell’epoca, si sono avvicendati in scena nei vari ruoli gli attori Maria Carla Aldisio, Giuseppe Brancato e Felice Di Stefano. L’adattamento e la regia sono a cura di Maria Carla Aldisio e Roberta Furnò.

Continua a leggere

Flash news

Arriva “Tic toc”, il nuovo freestyle della cantante Apnea

Pubblicato

il

Un nuovo freestyle uscito oggi sulle piattaforme digitali: arriva la nuova creazione artistica della cantante gelese Apnea. Si chiama “Tic toc” e dalla mezzanotte di oggi è online, un freestyle scritto d’istinto dall’autrice lasciando una conclusione “sospesa” verso nuovi sviluppi futuri, da portare avanti con altri progetti la prossima estate.

La produzione è di Edmind, producer romano, mentre il videoclip è già stato pubblicato su YouTube ed è stato girato nello studio di registrazione di Spin music a Catania con l’ingegnere del suono Davide Laudani, che ha anche partecipato alle riprese realizzate da Dan Dannato. «In questo brano – spiega Apnea – rappresento quel concetto di decadenza che caratterizza le mie canzoni e la mia stessa identità artistica».

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852
Informazioni Pubblicitarie