Seguici su:

Flash news

Ugl proclama lo stato di agitazione del personale di pulizia degli ospedali

Pubblicato

il

La Segreteria Provinciale dell’Ugl ha proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori afferenti all’appalto di pulizie presso i presidi ospedalieri di Caltanissetta e Gela. Una decisione che nasce dal fatto che l’Amministrazione dell’ASP ha comunicato che l’intervento sostitutivo per il pagamento della mensilità di dicembre e tredicesima ha rilevato criticità nel corso dell’iter di approvazione del proprio provvedimento deliberativo.
Inoltre, la stessa ASP afferma che non potrà assumersi l’onere di corrispondere i pagamenti delle spettanze economiche ai lavoratori, se non acquisirà un intervento scritto da parte del Prefetto per motivi di ordine sociale ovvero, una sentenza del Giudice di pace, quali ingiunzione di pagamento urgente. Per di più, l’ASP non potrà pagare i dipendenti della ditta Nuova Idea, se non riceverà l’uno o l’altro dei
provvedimenti suelencati.
A parere della scrivente quedyo comportamento appare inverosimilmente pretestuoso e assurdo, anche perché ciò che l’ASP afferma e chiede, non è conforme a quanto stabilito dall’art. 30 –
comma 6 del Decreto Legislativo 18/04/2016 n. 50 e s.m.i. (Codice dei contratti pubblici) che dispone
l’obbligo per la stazione appaltante dell’intervento sostitutivo in caso di inadempienza retributiva dell’impresa affidataria.
Pertanto, la segnalazione di inadempienza retributiva della ditta affidataria è stata dall’Amministrazione ASP già appurata e documentata, indi è obbligo della Stazione appaltante a mezzo del RUP, disporre tutte le procedure utili al pagamento sostituivo delle spettanze ai lavoratori, giusta
accordo sindacale sottoscritto dalle parti con verbale del 29/11/2021.
Il sindacato non vuol pensare che un accordo sottoscritto in una sede autorevole dell’ASP con dei rispettabili dirigenti e funzionari, possa essere successivamente smentito da altre figure apicali di
superiore rango, poiché in tal caso l’Ugl potrà pensare che a nulla valgono gli
impegni ragionati e condivisi con le Autorità sanitarie diverse dalla Dirigenza superiore, tanto da pretendere nei prossimi incontri, la presenza al tavolo del Direttore Generale dell’Azienda sanitaria di che
trattasi, quale responsabile unico dell’Amministrazione. L’Ugl fa presente che , alla luce di tutte queste circostanze, nelle prossime ore si potrebbero verificare dei comportamenti adirati da parte dei lavoratori, tali da ledere i principi
fondamentali che regolamentano l’ordine pubblico, di ciò fin da adesso riterrà
totalmente responsabile l’Azienda Sanitaria Provinciale, quale attore irresponsabile e colpevole di una strategia direzionale, di cui si sconosce l’effettiva ragione. Ed ancora: l’Ugl confida nell’intervento del Prefetto, in modo che si possano evitare pericoli di ordine pubblico, che non sarebbe in grado di contenere con disagi per disservizi negli ospedali che sarebbero
devastanti in un momento di assoluta emergenza sanitaria dovuta alle conosciute problematiche pandemiche. Viene chiesto urgentemente un tavolo prefettizio con la presenza della Dirigenza Generale dell’ASP e di quanti altri Dirigenti e Funzionari aziendali per trovare una soluzione evitando proteste e scioperi.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash news

FdI: “in maggioranza si litiga e si perdono i fondi della manutenzione stradale”

Pubblicato

il

Dai consiglieri di Fratelli d’Itala Vincenzo Casciana e Pierpaolo Grisanti artica una critica sulla cattiva gestione della manutenzione stradale.

I due consiglieri fanno questa premessa: “Una buona ed efficiente Amministrazione – dicono- guarda alla rete viaria, considerandola come “la cartina di tornasole” per verificare anche il grado di crescita raggiunto dalla propria comunità.
Al giorno d’oggi, la qualità di vita all’interno di una città, si misura dal comfort e dai servizi a disposizione delle persone che vanno a passeggio per le vie del paeseUna cattiva gestione della manutenzione stradale, ha ripercussioni dirette sulla mobilità e sulla sicurezza dei cittadini, poiché strade prive della manutenzione ordinaria sono strade più lente e pericolose e spesso costituiscono un elemento determinante nella dinamica degli incidenti stradali”.


Poi citano il Decreto del Ministero dell’Interno del 14/01/2022 che ha assegnato ai Comuni 300 milioni per la manutenzione straordinaria delle strade comunali, dei marciapiedi e dell’arredo urbano, per gli anni 2022 e 2023. I commi 407-414 dell’art.
l relativo avviso era stato pubblicato  sulla Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana. Il provvedimento è previsto dall’articolo 1, comma 407, della legge 30 dicembre 2021, n. 234, “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2022 e bilancio pluriennale per il triennio 2022-2024”. Il contributo veniva assegnato ai comuni in base alla popolazione , nel caso specifico Gela rientrava tra quelli compresi tra i 50.000 e i 100.000 abitanti per l’ assegnazione di un finanziamento pari a 160.000 euro.Il contributo per l’anno 2023 è stato assegnato ai comuni in misura pari alla metà del contributo per l’anno 2022.
Lo stesso decreto prevedeva che  gli enti beneficiari erano  tenuti ad iniziare l’esecuzione dei lavori entro il 30 luglio 2022 per i contributi relativi all’anno 2022 ed entro il 30 luglio 2023 per quelli relativi all’anno 2023, a pena di decadenza, e che, nei casi di mancato rispetto degli stessi termini o di parziale utilizzo, verificati attraverso il sistema di monitoraggio delle opere pubbliche (MOP )”.


“Mentre in maggioranza litigano – continuano i due consiglieri- la citta’ continua a perdere finanziamenti .Alla data odierna non ci risulta nessun cantiere avviato relativo a quel decreto ,se l’ inizio dei lavori fosse posticipato , al termine di scadenza previsto ,  rischierebbe seriamente il definanziamento , creando l’ ennesimo danno all’ erario . Fondi persi grazie alla poca competenza tecnica  di chi amministra il Settore Lavori pubblici , il comune avrebbe beneficiato  di un contributo di 160.000 euro per l’anno 2022 e di 80.000 euro per l’ anno 2023 , quel finanziamento avrebbe permesso   uno o più interventi di manutenzione straordinaria delle strade comunali, dei marciapiedi e dell’arredo urbano . Ma a chi amministra la Citta’ non sembra interessare , continua a tradire Il legittimo desiderio e diritto dei cittadini di avere strade funzionali e decoro nelle zone urbane”.

Continua a leggere

Flash news

Ho lasciato Un’altra Gela perché è la succursale di Forza Italia

Pubblicato

il

Il consigliere Diego Iaglietti lascia ” Un’altra Gela” e il capogruppo Giuseppe Morselli non riesce a spiegarsi il perchè


“Forse ha dimenticato- risponde Iaglietti- che mi fu chiesto di entrare a far parte di questo gruppo per condividere le azioni di governo della Città, ma da quando sono entrato a far parte del gruppo consiliare non è mai stata convocata una riunione dello stesso, l’unica azione del gruppo sono stati gli articoli a nome del gruppo “un’altra Gela”, mai preceduti da una riunione e solo inviati via whatsapp nella versione definitiva”


“Pur non di meno, il vero motivo che mi ha portato a lasciare il gruppo- aggiunge Iaglietti- è legato alla scelta unilaterale, da parte del Capogruppo e del Sindaco, di appoggiare per le elezioni regionali la lista di Forza Italia. Infatti, uno dei componenti, si è anche candidato nella lista di Forza Italia e tutti i consiglieri di “un’altra Gela”, escluso me, votavano e facevano votare Forza Italia.La mia elezione è stata all’interno di un movimento civico e il gruppo “un’altra Gela” mi era stato proposto come civico, ma ad oggi si è trasformato nel secondo gruppo di Forza Italia. Io ed i miei amici, coerentemente, siamo stati eletti in una lista civica e mai tradiremo i nostri elettori, gli unici a cui dobbiamo rispetto per averci votato.
Dal mio modesto punto di vista io risulto l’unico coerente, faccia ammenda il capogruppo di “un’altra Gela”, che lui e solo lui ha deciso di abbandonare l’area civica, addirittura in articoli di stampa ci sono dichiarazioni, mai condivise, che l’area civica fosse finita.Il documento firmato l’altro ieri, da sei consiglieri di maggioranza, compreso me, su tredici che la compongono, tutti civici dimostra che non solo il civismo non è finito, ma che rappresenta la maggioranza dei consiglieri nell’assise civica.La rappresentazione dei fatti è un atto dovuto ai miei elettori, a loro e solo a loro.Auguro ai consiglieri Giuseppe Morselli e Marina Greco un buon lavoro”.

Continua a leggere

Flash news

Il sindaco avvia le consultazioni

Pubblicato

il

Settimana di consultazioni politiche per il sindaco Lucio Greco che convocherà ad uno ad uno i suoi alleati.

Al termine degli incontri bilaterali il primo cittadino convocherà la sua maggioranza.

“Li incontrerò singolarmente -ha detto il sindaco – ascolterò quanto hanno da dirmi e verificherò se ci sono le ragioni per proseguire nel rapporto politico”.

Tra i nodi da sciogliere il rapporto con il vicesindaco e i civici, il caso anomalo della nuova Dc , il rapporto con i firzisti.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852