Seguici su:

Flash news

Asp e sindaco sono inadeguati a tutelare la salute pubblica

Pubblicato

il

C’è una profonda verità che questo tempo ci ha svelato: Asp e Primo Cittadino, hanno trattato il tema dei contagi procrastinandone l’emergenza di volta in volta. Questo tempo ci spiega le inadeguatezze di Asp e Sindaco che, simbioticamente, ognuno per la loro inadeguatezza , sono lo specchio dell’altra.E spiace rilevare  come a pagarne il prezzo sia un’intera Città con contagi in aumento e un sistema Asp già compromesso , per natura, nella sua capacità organizzativa”: esordisce così Gabriele Pellegrino consigliere di Db sulla vicenda della zona rossa  con la scuola aperta .Spiace notare – aggiunge  come il Primo Cittadino, benché si pregi di essere ad ogni piè sospinto , il garante della salute dei cittadini , di fatto si comporti come un garante parziale non prendendo l’unica decisione che occorrerebbe prendere : disporre la chiusura delle scuole.
È nelle scuole , ora , che il virus circola senza controllo con più di 40 classi in quarantena e sono quelle stesse scuole che il Sindado, in modo sconsiderato , lascia che restino aperte  a tutto danno dellq salute che lui si pregia di tutelare . A ciò si aggiungano i controlli fantasma da lui sempre sbandierati ma mai visti in città se non per riempire sue sterili dichiarazioni nella quali mentiv nella fredda conta dei numeri dei contagiati che emana , dolosamente tace sulla pericolosità della decisione di lasciare le scuole aperte con ciò divenendo  , peraltro , complice di decisioni scellerate .Questo è il quadro crudo del momento che stiamo vivendo . Ricordo bene , ancora oggi, quando il Sindaco ebbe a prendersela con un’intera Città in una rete televisiva nazionale e i cittadini e quelle mamme hanno dovuto subìre anche quella umiliazione .Cosa dovrebbero dirle quelle madri  di Gela Sindaco, oggi che non tutela i loro figli ?Cosa dovrebbero dirle , oggi , i commercianti gelesi per l’ennesima volta vessati da altre restrizioni nel più totale caos organizzativo , programmatico , gestionale , politico ?Cosa .6,5 che dire , oggi , quelle madri e quei commercianti ad Asp che tratta la pandemia e i contagi in aumento , accomodata sul proprio atollo dorato , sulla propria cabina di regia dalla quale ,mamme e commercianti , loro malgrado , vengono vesti piccolissimi ? Come cavie da usare sperando che non si consumi il dramma .Con quale coraggio , oggi , ASP e Sindaco, nella  interdipendenza della loro conclamata inadeguatezza , parlano di tutela della salute se nessuno di loro , mostra di tutelare qualcuno ?Questo, è il duro quadro generale con una cornice che pare pregiata e una tela ormai ingiallita .

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Aggiudicati i lavori del depuratore bis di Macchitella

Pubblicato

il

“Dopo anni di collaborazioni e interazioni con la struttura commissariale, alla quale va il mio plauso, stiamo arrivando al primo ambìto traguardo per l’impianto di depurazione di Macchitella, a Gela. Nelle scorse ore, infatti, la Centrale di committenza INVITALIA ha comunicato l’avvenuta efficacia dell’aggiudicazione della procedura di gara per l’affidamento dei lavori.
A breve, si presume entro la seconda decade di Agosto, se non verranno proposti ricorsi, si procederà alla stipula del contratto a cui seguirà l’avvio dei lavori”. A darne notizia è il senatore del Movimento 5 Stelle Pietro Lorefice.

“Il costo complessivo dell’intervento – continua il parlamentare – è di 6.147.039,20 di euro, di cui 4.249.336,67 per lavori. Allo stato, per non sprecare altro tempo prezioso, è attualmente in corso il servizio di bonifica sistematica terrestre da residuati bellici nelle nuove aree previste nel progetto dell’intervento”.

“Parlo di primo traguardo perché abbiamo tanto altro da fare per migliorare la qualità dei servizi di depurazione, salvaguardia della risorsa acqua e di altri presidi a tutela dell’ambiente.
Vorrei ricordare che il mare antistante il litorale gelese ha presentato tal volta valori di qualità delle acque sopra i riferimenti di legge. In particolare per quanto riguarda i parametri microbiologici. Con questo intervento la qualità delle acque di balneazione dovrebbero registrare un progressivo miglioramento. Miglioramenti dovrebbero conseguire anche per quanto riguarda le occasionali emissioni odorigene che periodicamente investono il centro abitato in prossimità dell’impianto.
Non si può dire lo stesso per il progetto di ampliamento della sezione civile del depuratore consortile della Regione Siciliana situato dentro il perimetro della raffineria di Gela. Su quel fronte tutto tace, i lavori sono fermi da mesi e il Dipartimento regionale Acque e rifiuti continua a non fornire nessuna informazione, nonostante mie reiterate richieste. Da quell’impianto posso presumere che si continui a sversare in mare senza depurazione il refluo in eccesso non depurato.
Come in altre numerose occasioni, ogni qual volta è coinvolta l’amministrazione della Regione Siciliana, le procedure diventano lente e difficili da seguire.
Ma non sarà l’inefficiente macchina burocratica regionale a scoraggiarmi.
Continuerò quindi a seguire i temi importanti per il nostro territorio e vigilare su essi per giungere a soluzione” conclude Lorefice.

Continua a leggere

Flash news

Chinnici: “svolgerò ruolo di cucitura tra le forze politiche”

Pubblicato

il

“In qualità di candidata alla presidenza della regione, ho la responsabilità di rappresentare l’intera coalizione e lavorerò affinché le proposte avanzate dai partiti possano, prima possibile, essere ricondotte a sintesi in un programma di governo sul quale affrontare la campagna elettorale”. Così la candidata della coalizione progressista, Caterina Chinnici, al termine del confronto che si è tenuto questo pomeriggio con i rappresentanti delle liste a sostegno della sua candidatura. 

All’incontro con Caterina Chinnici erano presenti il segretario regionale del Pd Sicilia, Anthony Barbagallo, Nuccio Di Paola, rappresentante regionale del M5S e Claudio Fava, in collegamento da remoto, per il Movimento Centopassi. 

“Durante l’incontro – aggiunge – il Movimento 5Stelle ha manifestato intransigenza su una propria lista di nove punti programmatici. In virtù del mio ruolo, cercherò di svolgere un lavoro di cucitura tra le forze politiche in questa fase difficile. L’interlocuzione proseguirà nei prossimi giorni”.

“Ho inoltre chiesto – conclude Caterina Chinnici – che durante la composizione delle liste si ponga massima accuratezza nel verificare che i candidati non abbiano alcuna pendenza con la giustizia, un prerequisito sul quale ho trovato sintonia, e ho auspicato che le liste abbiano una consistente presenza di candidati espressi dal mondo giovanile, che rappresenta tanto il presente quanto il futuro della Sicilia”.

Continua a leggere

Attualità

Il gruppo di Buona idea denuncia il collasso dell’ospedale e lo strano silenzio del presidente della Commissione sanità

Pubblicato

il

I consiglieri di Una buona idea Davide Sincero e Rosario Faraci prendono posizione sulle gravi carenze dell’ospedale, annunciano un’ispezione e contestano lo strano silenzio del presidente della commissione sanita, il forzista Saro Trainito. Ecco il testo che hanno diffuso:

” In questi giorni purtroppo arrivano molte notizie preoccupanti circa le condizioni in cui versa il nostro Ospedale. Abbiamo già stigmatizzato i ritardi o meglio la situazione paradossale delle autoambulanze, subito dopo apprendiamo dai giornali del problema della piccola paziente che ha delle difficoltà per l’accesso venoso, per poi scoprire che il centro trasfusionale è privo di strumentazioni adeguate ad agevolare e alleviare le difficoltà dei pazienti costretti a sottoporsi a trasfusioni/terapie. Questa è la dimostrazione plastica di un inesorabile declino del nostro SSN che nella nostra città non sembra essere prioritario e che costringe a far vivere i cittadini in uno stato di profondo disagio . Le scuse pubbliche del manager sono ben accette, ancorché doverose , ma certamente non sufficiente a risolvere i tanti problemi divenuti oggi inaccettabile . E poiché Il nostro nosocomio continua ad essere crocevia di varie situazioni poco chiare, ci piacerebbe conoscere e parlare di un piano serio, che realmente riesca ad impattare e migliorare la situazione. Infatti, non escludiamo nei prossimi giorni di recarci personalmente a constatare la situazione attuale , poiché bisogna mettere sempre i bisogni della città davanti a tutto. Infine vorremmo capire la posizione della commissione sanità e del suo Presidente, ci stupiamo di questo silenzio imbarazzante e ci faremo promotori di una discussione in seno al consiglio comunale volta a valutare sull’opportunità di certe presidenze di alcune Commissioni”

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852