Seguici su:

Politica

Battesimo “azzurro ” per il dott. Enzo Pepe

Pubblicato

il

Gela. L’on.Michele Mancuso ha impiegato un bel pò di tempo – due anni e mezzo- per dare al partito gelese un coordinatore a tempo pieno e un direttivo.È vero che alla guida del gruppo come commissario c’è stata Nadia Gnoffo ma è anche facile comprendere che svolgere i due ruoli di  commissario  ed anche di  assessore è scomodo e non assicura di per sè un lineare svolgimento della vita di partito.Fino ad oggi è stato Mancuso a svolgere il ruolo di deus ex macchina di Forza Italia con riunioni mirate a fare proselitismo tenute fuori città  più che nella sua segreteria di piazza Roma. Ora le prime file dell’esercito azzurro a Gela  sono pronte a schierarsi.Il deputato ha recuperato “vecchie glorie di fede berlusconiana” e nuove forze e le affida ad un generale di provata esperienza in politica come il dott.Enzo Pepe. Che, a sua volta, porta in dote il cognato Enzo Cirignotta con il suo gruppo.Stavolta i due cognati della politica non scenderanno in campo da avversari.Oggi il battesimo di Enzo Pepe a coordinatore cittadino è anche il campanello di preparazione di Mancuso alla campagna elettorale per le Regionali.Due anni di tempo per irrobustire l’esercito  per una competizione che si preannuncia dura.Crescerà il gruppo consiliare con le  probabili adesioni di Totò Sammito e Saro Trainito e cresceranno  i tesseratiA Enzo Pepe il compito di dimostrare che Forza Italia gelese esiste anche oltre le “necessità elettorali  ” dell’on .Mancuso, che è un partito che vuole sviluppare idee e partecipazione. Arduo compito   considerato come sono andate le cose dagli anni Novanta ad oggi.Forza Italia potrebbe fare il bis in Giunta se il posto vuoto il sindaco lo assegnerà al partito come ha reclamato invano Mancuso.un anno fa. Lo stesso deputato appare più morbido oggi rispetto ad un possibile rientro del PD in Giunta” Chi è andato via non ha motivo di rientrare ma se il sindaco ritiene che ciò possa avvenire ne prendiamo atto.È una decisione che spetta a lui”, ha detto Mancuso ormai proiettato verso altri obiettivi. Alla vivacità e all’esperienza di Enzo.Pepe ha affidato il partito, il compito di amalgamare vecchi e nuovi e di condurre le prove tecniche della campagna elettoraleSe ci sarà e si farà altro, lo dirà il tempo.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Politica

Siccita’. Catania (FdI) propone la stimolazione artificiale delle piogge anche per Gela

Pubblicato

il

Palermo – Tra le misure previste per contrastare la siccità in Sicilia sia utilizzata anche la stimolazione artificiale delle piogge, tramite la tecnica del “cloud seeding”: è la richiesta al governo regionale contenuta in una mozione di Giuseppe Catania, deputato all’Ars di Fratelli d’Italia e vicepresidente della Commissione Attività Produttive, il quale sottolinea: «Sarebbe opportuno un progetto sperimentale su un’area ben delimitata della Sicilia, in aggiunta alle altre iniziative previste della Protezione Civile Regionale per mitigare la crisi idrica: la riduzione dei consumi delle utenze idropotabili, l’adeguamento degli invasi, campagne di informazione e sensibilizzazione per il risparmio, il reperimento di risorse alternative, l’acquisto di autobotti e silos, la messa in opera e sistema di pozzi e sorgenti, la riparazione delle reti idriche, l’ammodernamento degli impianti di dissalazione nei siti dismessi di Porto Empedocle, Paceco-Trapani ed eventualmente anche Gela».

Il “cloud seeding” (inseminazione delle nuvole) è basato sulla diffusione di getti di ioduro d’argento o di ghiaccio secco (anidride carbonica allo stato solido) all’interno di determinate nuvole, attraverso l’uso di aerei appositi o tramite cannoni da terra. «Grazie alle nuove tecnologie è possibile usare anche palloni aerostatici o droni che garantiscono maggiore efficacia e costi operativi più contenuti- sottolinea Catania- Ad aziende che offrono servizi di questo tipo ricorre da tempo il governo degli Emirati Arabi Uniti, un paese molto poco piovoso. La richiesta è aumentata anche negli Stati Uniti occidentali e in Messico. Recenti e autorevoli studi scientifici e applicazioni pratiche hanno dimostrato che il “cloud seeding” può aumentare le precipitazioni fino al 10-30% in condizioni ottimali».

Da qui la mozione, che impegna il governo regionale a predisporre e avviare- in collaborazione con istituti di ricerca e aziende specializzate- un progetto pilota di “cloud seeding”. Previsto pure un comitato tecnico-scientifico per monitorare e valutare i risultati. Inoltre Catania auspica «la collaborazione con le comunità locali, le associazioni di agricoltori e gli enti di gestione delle risorse idriche per garantire il successo e la sostenibilità del progetto.

Continua a leggere

Flash news

Nel fine settimana Di Stefano e Donegani presentano i loro progetti di governo

Pubblicato

il

Fine settimana monopolizzato da iniziative politiche di due dei cinque candidati a sindaco. Sabato sera al cine teatro Antidoto Terenziano Di Stefano presenta le sue sette liste e il progetto politico. Non è stata comunicata la presenza di big politici.

Miguel Donegani lo farà domenica mattina al teatro Eschilo. A tenere a battesimo il progetto del laboratorio politico PeR sarà Leoluca Orlando. Una sola lista, nessun collegamento con partiti e movimenti, nessun legame con l’amministrazione Greco: così Donegani si presenta agli elettori per governare e domenica presenterà la squadra di assessori un cui figura il maestro Giovanni Iudice e i 24 candidati al consiglio.

Continua a leggere

Flash news

La Dc accusa Raffaele Lombardo di “avere le idee confuse”

Pubblicato

il

Attorno alla campagna elettorale l’ombra dei rifiuti. E’ botta e risposta tra la coalizione di centrodestra guidata da Grazia Cosentino e il leader degli autonomisti Raffaele Lombardo che sostiene alle Amministrative il candidato del centrosinistra che ha sollevato il caso. A lui replica il coordinatore cittadino della Dc Giuseppe Licata, uno dei sostenitori della prima ora della candidatura di Grazia Cosentino che non accetta la strategia del dubbio e delle ombre. Secondo Licata il leader degli autonomisti ha le idee confuse.

 “Comprendiamo il suo imbarazzo, ma la realtà è questa. Noi siamo una coalizione chiara e ben definita e cementata dalla presenza del presidente della Regione. Lombardo invece, a Palermo è nel governo regionale, alle europee è con Forza Italia e in città appoggia il candidato scelto dal Movimento cinquestelle. Mi sembra in totale confusione e contraddizione perché appoggia il candidato scelto dal Movimento cinquestelle dopo aver proposto al centrodestra Caci o Greco. Anche altri esponenti di spicco del suo movimento non hanno capito le sue scelte e hanno preso strade differenti. E poi è strano che la sua campagna elettorale sia incentrata contro il centrodestra, con il quale governa a Palermo, trascurando altre fazioni politiche pur conoscendone bene i leader”

 Licata invita Lombardo <a  non personalizzare, da due mesi ripete le stesse cose gettando ombre che solo lui conosce – conclude Licata – così  offede tutta una classe politica e tutte quelle donne e quei giovani che hanno aderito al progetto Grazia Cosentino sindaco>

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852