Seguici su:

Attualità

Dal 1 ottobre sarà azzerato il costo dei conferimenti per i comuni soci della SRR

Pubblicato

il

Conferimenti per fronteggiare l’emergenza e abbattimento della Tari: questa è la linea portata avanti dall’amministratore unico della discarica Giovanna Picone e dal presidente della Srr Balbo, contro cui il sindaco sta portando avanti una lotta impari.

“Che l’emergenza regionale è una triste realtà e, che i rifiuti di Catania viaggino verso Bellolampo , una piattaforma fortemente in crisi e con grosse difficoltà a trattare e smaltire i rifiuti di Palermo, dimostra che la sussidiarietà e la disponibilità a risolvere l’emergenza, prevale anche da logiche locali.

 Quello che sta accadendo a Timpazzo non è quindi una scelta politica regionale per penalizzare un territorio e salvaguardarne altri, ma una necessità, se pur non condivisibile per scongiurare un disastro  igienico sanitario.

Bisogna però fare di necessità virtù massimizzando la resa per l’impegno e la disponibilità mostrata! Ed è per questo che l’ampliamento della Vasca E risulta indispensabile per proteggere la vita utile della piattaforma e garantire il futuro occupazionale di tutte le famiglie che vi lavorano , oltre che le tariffe di conferimento per i comuni soci.

In quest’ottica ,l’emergenza rifiuti nell’isola , non dovrebbe comunque pesare sulle tasche dei cittadini , unici soggetti non responsabili della mancanza di pianificazione impiantistica regionale,  e nel caso di Timpazzo, per i comuni dell’ambito territoriale CL sud, anzi , se ne dovrebbe  alleggerire il peso sgravandoli fino anche all’annullamento dei costi per i conferimenti dei rifiuti.

Questo è stato chiesto dal Presidente della SRR, dott. Filippo Balbo, all’amministratore della Impianti, Ing. Giovanna Picone, che ha condiviso il percorso e, dopo essersi confrontati col CDA della società, hanno sposato e  pianificato tutti gli adempimenti necessari per adottarne l’annullamento, anche se entrambi tengono a ricordare  che già le tariffe adottate hanno subito per ben due volte in passato notevoli abbattimenti.

Pertanto a decorrere dal 1 ottobre prossimo e per tutto il periodo della emergenza , che imporrà alla discarica di Timpazzo A a Gela , di accogliere il quantitativo di rifiuti stabilito dal DAR provenienti dalla discarica di Lentini, per i prossimi sessanta giorni, sarà azzerato il costo dei conferimenti per i comuni soci della SRR CLSUD, con la sola condizione che i comuni debbano essere in regola con i pagamenti delle fatture arretrate o, per i comuni che sono ancora debitori, di presentare entro il 30 settembre un piano di rientro da  rispettare rigorosamente, pena l’annullamento del beneficio.

Questo percorso, che abbatterà i costi per i comuni soci e di conseguenza alleggerirà le tasse per i cittadini, pur non rappresentando la risoluzione della problematica dell’emergenza che i sindaci andranno a discutere col governo regionale per capire quale programma e pianificazione ha nei confronti del territorio e difenderlo dalle criticità e preoccupazioni sollevate da tutte le istituzioni interessate, rappresenta la sensibilità e l’attenzione che la governance della SRR e della Impianti manifestano nei confronti di chi è chiamato ad espletare il difficile compito di amministrare i territori e le comunità ,avendo sempre a cuore l’interesse dei cittadini, a volte costretti a subire scelte imposte.

Ci si auspica quindi che l’annullamento dei costi di conferimento , si traduca in un reale abbattimento della TARI.

Non vi è dubbio che tutte le afferenze, mozioni, suggerimenti che arriveranno dai Consigli Comunali, e dagli amministratori tutti , dai comitati, dai cittadini, saranno valutati e presentati al tavolo del governo regionale perché  nulla  verrà tralasciato per la difesa del territorio e della comunità, e continueremo a gestire tutto il percorso in un clima di grande condivisione, senza prevaricazione, senza processi inutili, con grande senso di responsabilità come dimostrato già .

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

“Una fetta di felicità”, evento solidale del Lions club Butera e Terre federiciane

Pubblicato

il

Evento solidale dedicato ai bambini dell’istituto Suore francescane di Butera: “Una fetta di felicità”, così è stata intitolata l’iniziativa del Lions club Butera e Terre federiciane presieduto da Angela Testa. Hanno preso parte all’appuntamento anche le socie del club lionistico.

I bimbi sono stati portati in pizzeria per una serata di divertimento e spensieratezza, ospiti del club che continua ad essere molto presente nel territorio buterese con diversi appuntamenti di solidarietà e promozione della socialità. 

Continua a leggere

Attualità

Oggi l’ultimo saluto ad Antonio Occhipinti

Pubblicato

il

Grande partecipazione di amici e amanti dell’arte alle esequie del pittore Antonio Occhipinti presso la parrocchia San Giovanni Evangelista del quartiere Macchitella. Alla cerimonia funebre hanno partecipato il parroco don Giuseppe Siracusa, il vicario don Michelin e don Lillo Di Dio rettore della Casa della Misericordia di Gela. Erano presenti tanti pittori e amanti dell’arte della città.

L’elogio funebre l’ha fatto Emanuele Zuppardo, amico e biografo di Antonio Occhipinti.

Questo il testo dell’elogio.

“Ciao Antonio,

te ne sei andato in punta di piedi, silenzioso, senza dar fastidio, così come sei vissuto. Te ne sei andato lasciando nel dolore quanti ti hanno amato, voluto bene.

Anche tu ci volevi bene e nella tua vita ci hai circondato di bellezza e di stupore. Hai amato tanto la tua famiglia, la tua carissima moglie, i figli e i nipoti.

E noi che ti abbiamo voluto bene ti siamo tanto debitori, Antonio, assieme ai tuoi allievi della scuola di pittura del Dopolavoro Eni, ai tuoi amici, alla tua città alla quale hai immortalato diversi scorci pieni di luce e poesia.

Hai illustrato la storia di Gela dalla sua fondazione greca ai nostri giorni, in 24 tavole che ora sono esposte nella Pinacoteca comunale e che quanto prima si chiamerà “Pinacoteca Comunale Antonio Occhipinti”.

La tua maturità, il tuo amore per l’arte, la tua umanità e la tua umiltà ti hanno sempre contraddistinto. Eri meno di parola e non giudicavi mai gli altri.

Anche nella maggiore età sei stato come un bambino desideroso di conoscere, di scoprire nuove emozioni tanto da diventare poeta della luce e del colore.

Nei tuoi componimenti sei stato un lirico e nelle tue opere si avverte subito la mediterraneità della tua terra e coi tuoi colori, ora tenui e delicati, sempre rinati alla solarità di una luce profonda e spirituale, ci hai fatto sognare e godere di fronte a paesaggi ed opere senza tempo.

Sei stato, carissimo Antonio, un geniale costruttore di bellezza, un raffinato ricercatore di nuove epifanie. Per te dipingere ha significato partecipare all’immenso disegno della creatività; sei stato come un continuatore dell’opera creativa di Dio, consapevole di osservare con occhi pieni di contemplazione, stupore e ammirazione, la grandezza e la bellezza del mondo che ti ha circondato.

Fino alla fine sei stato consapevole che la bellezza è l’espressione visibile del bene, così come il bene è la condizione metafisica della bellezza. E questo lo avevano capito anche i Greci e Platone che al riguardo scrive: “La potenza del Bene si è rifugiata nella natura del Bello”.

Hai fatto i ritratti a ben quattro papi della nostra chiesa e, personalmente hai consegnato il tuo elaborato nelle loro mani. Quanta emozione c’era in te, così come a Cracovia dove il primate di quel Paese ti ha allestito una mostra con tue opere dedicate a San Giovanni Paolo II.

Sei stato un amico della nostra associazione, il Centro di Cultura “Salvatore Zuppardo”, e le illustrazioni delle nostre antologie poetiche, le copertine dei nostri libri e i ritratti di Salvatore, sono tutte opera del tuo ingegno e amore. Ti siamo tanto debitori!

In ogni chiesa e parrocchia della nostra città sono presenti opere di incommensurabile bellezza, ritratti di madonne stupende, piene di grazia, di amore filiale, di santi che invitano alla preghiera.

Anche in questa chiesa, nella cantoria, è presente una rivisitazione dell’Ultima Cena dove hai illustrato l’ora della glorificazione di Cristo che passa da questo mondo al Padre, per prepararci un posto. E in quel posto ci sei anche tu, Antonio, che ora vedi con occhi diversi Colui che ci trascende, la sua grande madre e i suoi santi. E li vedi cosi come veramente sono, nella loro gloria e bellezza. E magari dipingerai il Paradiso coi suoi angeli e i suoi santi, con nuovi colori ricchi di sfumature e di luce.

Grazie Antonio, innumerevoli volte grazie per il bene che ci hai voluto, che il Signore ti accolga a braccia aperte e al tuo arrivo farà festa con un grande banchetto con gli angeli, la Madre santa e i nostri cari che ci hanno preceduti.

Ciao Antonio!”

Continua a leggere

Attualità

Movida, ordinanza sindacale per la vendita di alcolici e diffusione musicale

Pubblicato

il

Il Sindaco Terenziano Di Stefano ha firmato una ordinanza sulla vendita di alcol e superalcolici durante la stagione estiva.

Facendo seguito alla direttiva emanata dal Prefetto di Caltanissetta. dopo la riunione del Comitato provinciale per la sicurezza e l’ordine pubblico sul controllo della movida notturna, il Sindaco ha stabilito che in tutto il territorio comunale, fino al 30 settembre :

dalle 23,00 di ogni giorno fino alle ore 6,00 successive, è vietata la vendita e la somministrazione, sia in forma fissa che itinerante, nonché la detenzione ed il consumo in luogo pubblico di bevande alcoliche e superalcoliche, in contenitori in vetro, anche se dispensate da distributori automatici. Il divieto non si applica all’interno dei locali e degli spazi pubblici legittimamente occupati dagli esercizi autorizzati di pubblica somministrazione.

Gli esercenti ai quali si estende il divieto di vendita di bevande alcoliche e superalcoliche, oggetto del presente atto, sono i seguenti:

A) attività di somministrazione di alimenti e bevande, anche in forma temporanea;

B) circoli privati;

C) attività artigianali;

D) attività di commercio;

E) distributori automatici;

    2) vietata la somministrazione e/o vendita di superalcolici nella fascia oraria dalle ore 2.00 alle ore 6.00 di ogni giorno su tutto il territorio comunale;

    Regolamentata anche la diffusione musicale e musica dal vivo

    Fatto salvo il rispetto dei limiti di rumorosità, sia assoluti che differenziali, previsti dalle norme vigenti a carattere nazionale e locale, la diffusione di musica all’interno degli esercizi pubblici per la somministrazione di alimenti e bevande di tipologia,  sia dal vivo che riprodotta, è sottoposta ai seguenti limiti orari:

     – Dal Lunedì al Giovedì fino alle ore 1,00 del giorno successivo, comunque nel rispetto dei valori limite assoluti e differenziali previsti per legge, esclusi i lidi balneari per i quali il limite orario è le ore 2,00 del giorno successivo;

    – Il Venerdì, Sabato e prefestivi, fino alle ore 02,00 del giorno successivo, comunque nel rispetto dei valori limite assoluti e differenziali previsti per legge esclusi i lidi balneari fino alle ore 3,00;

     – La Domenica ed i festivi infrasettimanali, seguiti da giornate lavorative, fino alle ore 01,00 del giorno successivo esclusi i lidi balneari balneari per i quali il limite orario è le ore 2,00 del giorno successivo;

    – Fa eccezione il periodo che va dal 9 al 22 Agosto durante il quale potrà osservarsi l’orario fino alle ore 03,00 del giorno successivo.

    L’attività musicale all’aperto (concerti musicali, intrattenimenti musicali e diffusione di musica mediante appositi impianti, etc.) sia dal vivo che riprodotta, negli spazi sia pubblici che privati, è sottoposta al limite orario delle ore 2,00 del giorno successivo.

    Resta vietato ogni tipo di diffusione musicale all’aperto, con qualsiasi mezzo, in ogni giorno della settimana nella fascia oraria compresa tra le 14,00 e le 17,00 esclusi i lidi balneari.

    – Alla prima violazione accertata conseguirà l’inibizione dell’attività musicale, sia all’interno che all’esterno del locale, per giorni 5 decorrenti dalla data di contestazione o notifica della relativa sanzione.

    – Alla seconda violazione accertata conseguirà l’inibizione dell’attività musicale, sia all’interno che all’esterno del locale, per giorni 20 decorrenti dalla data di contestazione o notifica della relativa sanzione.

    Continua a leggere

    Più letti

    Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
    Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
    Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852