Seguici su:

La parola della domenica

“Dio, ti ringrazio perché non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri, e neppure come questo pubblicano…”

Pubblicato

il

Rubrica ad ispirazione cattolica a cura di Totò Sauna

DOMENICA 23 OTTOBRE 2022
In quel tempo, Gesù disse ancora questa parabola per alcuni che avevano l’intima presunzione di essere giusti e disprezzavano gli altri:
«Due uomini salirono al tempio a pregare: uno era fariseo e laltro pubblicano.
Il fariseo, stando in piedi, pregava così tra sé: O Dio, ti ringrazio perché non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri, e neppure come questo pubblicano. Digiuno due volte alla settimana e pago le decime di tutto quello che possiedo.
Il pubblicano invece, fermatosi a distanza, non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto dicendo: O Dio, abbi pietà di me peccatore.
Io vi dico: questi, a differenza dell’altro, tornò a casa sua giustificato, perché chiunque si esalta sarà umiliato, chi invece si umilia sarà esaltato». Lc 18,9-14
 
 
Il Vangelo di questa domenica ritorna a parlarci di Preghiera . Lo fa presentandoci due persone diverse . Il Fariseo e il Pubblicano. Perché vanno a pregare? Perché lo fanno in maniera molto diversa luno dallaltro? Uno pieno di sé,  l’altro completamente vuoto. Uno rispettosissimo delle regole prescritte, ma senza cuore, l’altro non rispettava le regole ma aveva un cuore pronto a far entrare Gesù. Qua sta il segreto di tutto. Il nostro cuore è pronto a far entrare la Parola? Non lo so. La verità è che  pensiamo di essere bravi a fare tutto da soli. Non abbiamo bisogno di niente e di nessuno. Ci sentiamo forti invincibili. Ma nella vita prima o poi facciamo lesperienza del fallimento, della delusione. Avevamo programmato tutto, ma alla fine ci succede qualcosa, piccola o grande che sia, che ci fa saltare tutto in aria. Faccio un esempio sei pronto per appuntamento atteso da giorni e zacchete ti arriva uninfluenza. Vi racconto un fatto personale. L’anno scorso avevo tutto pronto per andare a vedere il Derby Roma Lazio. Io sono un tifosissimo romanista. Biglietto aereo pronto, biglietto stadio fatto, hotel prenotato. Tre giorni prima un piccolo colpo di tosse: Covid. E’ saltato tutto. Di fronte a queste cose, diventiamo nervosi, irascibili, non parliamo con nessuno, ci piangiamo addosso. Non troviamo una soluzione. Cerchiamo le cause. Ma non ci sono. La vita di ogni giorno non la decidiamo ne io né tu. Due giorni fa è morto un signore in Via Venezia, schiacciato dalle ruote di un camion. Di fronte a queste cose, ci rifugiamo nel nulla, in realtà capiamo che cè qualcosa  che noi non possiamo governare a nostro piacimento.  Continuiamo la nostra vita magari  chiacchierando davanti alla macchinetta del caffè, senza forza . Ma dentro non siamo tranquilli. Cè qualcosa che ci rende inquieti, nervosi. Sapere, che tu e io, non siamo padroni della nostra vita. Questa è una certezza. Allora,  non riusciamo a ripartire e siamo come unautomobile che rimane senza carburante, pare che parte e poi si ferma subito. Ognuno cerca il carburante giusto. Ma, tutti sono un fallimento. Tranne uno. Tutti rincorrono ad antidepressivi o tranquillanti o peggio a qualcosaltro. Perché la società ti vuole allegro, pimpante, gioviale, forte, muscoloso, in perfetta forma. Non lo sei? Sei fuori dai giochi. Ma  abbiamo provato a pregare?  Ad abbandonarci completamente a Lui? Ad aprire in maniera totale il nostro cuore?  A fare silenzio dentro e nel silenzio incontrarLo? Lo so che è difficile. Siamo pieni di falsi idoli, step da raggiungere, rumori, problemi. Passiamo allazione sfrenata, ma non risolviamo nulla. Il problema, quello serio, rimane lì, davanti a noi.  Ci prende la disperazione, diventiamo scoordinati ,inconcludenti , non troviamo via duscita. Ma questa cè ed è la preghiera.  Ci pare tempo perso, come facciamo a fermarci per pregare, ma siamo impazziti?  Quello proprio non possiamo perderlo. Dobbiamo fare questo, dobbiamo fare quello, no no, magari se rimane tempo, e se alla televisione non fanno qualcosa di carino, dai un Padre Nostro lo faccio. Questa società del consumo ci ha abituato così. Tutti. Ma Gesù non la pensa proprio come noi. Ci invita alla preghiera, ci invita ad essere perseveranti, ad  avere lo spazio giusto per incontrare il Signore dove dialoghiamo con Lui, dove possiamo piangere in serenità ,dove possiamo guardarci dentro, senza  la paura di essere giudicati, dove permettiamo a Gesù di cambiare il nostro cuore, dove con calma e con amore ci darà serenità ,ci consiglia, ci indica la strada. Almeno lui è sempre pronto ad ascoltarci. Ma noi non sempre siamo pronti ad incontralo. Non possiamo fermarci, abbiamo fretta parte lautobus. Cosi va la nostra vita e noi non ce ne accorgiamo. Basta poco  Se non riesco a ritagliare nella mia giornata un quarto dora di assoluto relax, di vuoto mentale, magari dopo una bella corsetta, o una passeggiata nel parco, se non faccio silenzio intorno (spengo la tivù, stacco il cellulare), se non prevedo, almeno dogni tanto, una pausa di una giornata non passata, al solito, in coda in via Venezia per andare a riposare farò fatica a trovare un luogo in cui Dio sta.. Non abbiamo spazio per linteriorità, questo è il problema. Il Vangelo di oggi ci ammonisce a lasciare un po di spazio al Signore, a non presumere, a non pretendere, a non passare il tempo a elencare le nostre virtù. Siamo tutti nudi di fronte a Dio, tutti mendicanti, tutti peccatori. Ancora una volta, il Signore chiede a ciascuno di noi lautenticità, la capacità di presentarci di fronte a lui senza ruoli, senza maschere, senza paranoie. Dio non ha bisogno di bravi ragazzi che si presentano da lui per avere una pacca consolatoria sulle spalle, ma di figli che amano stare col padre, nellassoluta e (a volte) drammatica autenticità. Questa è la condizione per ottenere, come il pubblicano, la conversione del cuore. Coraggio Dio ci aspetta.
Buona Domenica
Totò Sauna

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La parola della domenica

La trasfigurazione è il segno della bellezza di Cristo

Pubblicato

il

Rubrica ad ispirazione cattolica

Dal Vangelo secondo Marco (Mt 9, 2-10)

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli.
Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!». E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro.
Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.

Come ogni anno, la 2^domenica di quaresima,dopo la meditazione sulle tentazioni di Gesù nel deserto, viene riportata la pagina della trasfigurazione di Nostro Signore Gesù Cristo.
Perché questo evento è importante?
Dio è come se volesse offrire un segno visibile di ciò che sarà il dono, il premio a chi avrà perseverato fino alla fine.
Riprendiamo la 2^ lettura:”Chi condannerà? Cristo Gesù è morto, anzi è risorto, sta alla destra di Dio e intercede per noi!”
Questa parola “Cristo è risorto” è la centralità della nostra fede.
Come vi ripeto spesso: “La fede è il passaggio dal credere in Gesù al Cristo”.
Non basta vivere la fede solo credendo che Gesù sia esistito. Bisogna viverlo come il senso centrale della vita.
La trasfigurazione è il segno della bellezza di Cristo.
La parola del vangelo:”Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!».
Il termine “ascoltare” che già abbiamo sentito domenica del Battesimo di Gesù, significa:”Non solo udire ma mettere in pratica ciò che Lui dice”.
L’uomo è chiamato ad un cammino e mi piace riportare i versetti del vangelo:” Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia».
L’eucarestia che celebriamo è il segno della bellezza di Cristo, poi bisogna comunicarla.
Don Tonino Bello scriveva: “Se l’eucarestia non porta una forza prorompente che cambia il mondo, che dà la voglia dell’inedito, allora sono eucarestia che non dicono niente”.
La trasfigurazione ci stimola a cercare.
Domenica scorsa ai piccoli ricordavo la favola di Biancaneve. Oggi, invece, vi ricordo quella di Pollicino e le sue famose briciole per non perdersi nel bosco.
Dio ci lascia dei segni per seguirlo.
Ai più grandi invece ricordo un pensiero di Paul Heyse:”Non basta credere (che Dio esiste) per essere buoni, il diavolo di sicuro non è ateo”.
Non confondete il venire a Messa quando ci sono funerali o trigesimi, dicendo che lo fate per fede. Venite per l’uomo e non Dio, anzi venite per farvi vedere dall’uomo.

Continua a leggere

Attualità

Domani allerta gialla a Gela

Pubblicato

il

Allerta gialla sul territorio di Gela. Dopo una lunga parentesi di sole, in Sicilia come a Gela, è di nuovo allerta meteo.

Per domani sono previste piogge sul settore occidentale e, in parte, su quello centrale.

La Protezione civile regionale ha diramato un’allerta meteo gialla proprio sulle zone più a rischio.

Continua a leggere

La parola della domenica

Gesù, tentato da satana, è servito dagli angeli

Pubblicato

il

Rubrica di ispirazione cattolica

Dal Vangelo secondo Marco
Mc 1,12-15

In quel tempo, lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana. Stava con le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano.
Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo»


Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e vi rimase quaranta giorni, tentato da Satana. La tentazione? Una scelta tra due amori, scegliere la stella polare. Le tentazioni non si evitano, si attraversano.
Gesù inizia dal deserto: dalla sete, dalla solitudine, dal silenzio delle interminabili notti. “Que sueno el de la vita: sobre aquel abiso petreo!” Che sogno quello della vita e sopra quale abisso di pietre (Miguel de Unamuno).
In questo luogo simbolico Gesù gioca la partita decisiva, quale vita sognare e vivere. Che Messia sarà? Venuto per prendere, salire, comandare, oppure per scendere, avvicinarsi, donare? Quale volto di Dio annuncerà?
La prima lettura racconta di un Dio che inventa l’arcobaleno, questo abbraccio lucente tra cielo e terra; che fa alleanza – mai revocata e irrevocabile- con ogni essere che vive in ogni carne. Questo Dio non ti lascerà mai. Tu lo puoi lasciare, ma lui no, non ti lascerà mai.
L’arcobaleno, lanciato tra cielo e terra, dopo quaranta giorni di navigazione nel diluvio, prende nuove radici nel deserto, nei quaranta giorni di Gesù. Ne intravvedo i colori nelle parole: stava con le fiere e gli angeli lo servivano. Gesù lavora, nel deserto, all’armonia perduta e anche l’infinito si allinea. E nulla che faccia più paura.
Quelle fiere selvatiche che Gesù incontra, sono anche il simbolo delle nostre parti oscure, gli spazi d’ombra che ci abitano, ciò che non mi permette di essere completamente libero o felice, che mi rallenta, che mi spaventa, che non fiorisce: quelle bestie che un giorno ci hanno graffiato, sbranato, artigliato.
Gesù stava con loro… Impariamo con lui a stare lì, a guardarle in faccia, a nominarle, a far pace con loro. Non le devi né ignorare né temere, non le devi neppure uccidere, ma dar loro un nome, che è come conoscerle, e poi dare loro una direzione: sono la tua parte di caos, ma chi ti sospinge a incontrarle è lo Spirito Santo.
Dio mi raggiunge attraverso la mia debolezza, entra nei miei punti deboli e non i miei punti forti, e la mia parte malata diventa il punto di incontro con il guaritore.
Forse mai i miei problemi saranno del tutto guariti, ma in realtà sono io che devo essere guarito, e sarò maturo quando saprò avviare percorsi, iniziare processi, incalzato dal vento dello Spirito. “L’uomo non è ne angelo né bestia, ma una corda tesa tra i due. E quando vuole essere angelo diventa bestia” (Pascal). Anche il viaggio più lungo comincia dal primo passo.
Dopo che Giovanni fu arrestato Gesù andò nella Galilea proclamando il vangelo di Dio. E diceva: il Regno di Dio è vicino. Proclama Dio come una “bella notizia”. Non era ovvio per niente. Non tutta la bibbia è vangelo; alle volte è minaccia e ingiunzione. Ma la caratteristica originale del rabbi di Nazaret è annunciare vangelo, che equivale a confortare la vita: Dio si è fatto vicino, è un alleato amabile, un abbraccio, un arcobaleno. Questo è l’annuncio che corre lungo le rive del lago di Galilea: Dio è vicino a
te con amore. Padre Ermes Ronchi

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852