Seguici su:

Flash news

Gli interventi dei deputati sull’impianto dei rifiuti

Pubblicato

il

Un intenso dibattito in aula sull’impianto di trattamento dei rifiuti .L’on.Giuseppe Arancio ha effettuato l’accesso agli atti della Regione e ha evidenziato che due terzi dell’impianto dovrebbe nascere a fianco di zone sottoposte a vincoli naturalistici.Ha poi letto il parere del direttore del Dipartimento rifiuti ing.Foti secondo cui Gela non è baricentro rispetto al territorio i cui rifiuti dovrà trattare. Tante altre criticità

L’ on Trizzino ha evidenziato che non si realizzerà l’economia circolare ed ha spiegato perché si corre il rischio che chi ospiterà questi impianti diventerà un hun dei rifiuti .

Un intervento politico quello dell’on Di Paola che ha evidenziato le defaillances del governo regionale sulla politica dei rifiuti: se questa è una tecnologia così valida perché la Regione non la propone ai territori e chiede chi vuole candidarsi ad ospitarlo?

Il senatore Pietro Lorefice ha anche lui accusato Musumeci di aver trascorso 5 anni a non programmare un bel nulla. Ha poi detto che nell’impianto entrerà pure il rifiuto indifferenziato. Dove andranno a stoccare i prodotti da inviare via mare? Nel progetto non si evince. L’impianto sarà troppo vicino alla città, in aree da smantellare e bonificare. Ci vorranno anni e ci vorranno tre anni per costruire l’impianto. Lorefice ha invitato consiglieri ed associazioni ad effettuare accesso agli atti ed avere informazioni più complete. Ha poi messo a disposizione i sui consulenti per ogni approfondimento. Ha poi parlato l’on. Ketty Damante che ha detto che la scelta di Gela come sito non l’ha fatto la Regione che non ha dato l’indirizzo politico. L’hanno fatto le aziende e la Regione non si è degnata a venire in consiglio a sostenere a Gela il suo progetto.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Rotaract club di Gela, presentato il nuovo direttivo 

Pubblicato

il

Passaggio di campana dei club Rotaract della zona Persefone. Per il Rotaract di Gela alla presidente uscente Roberta Rizzo subentra il neo presidente Davide Gerbino. Il nuovo direttivo è composto anche da Gianni Battista Cauchi (vicepresidente ed Rd incoming), Alessandro Giudice e Andrea Altamore (segretari), Aurora Cassarà (tesoriere), Natalia Fiocco (prefetto), Ruben Giardino e Letizia Cataldo (consiglieri).

Alla cerimonia erano presenti anche soci del Rotary club padrino, presieduto da Valentino Granvillano. I club che compongono la zona Persefone appartengono ai comuni di Caltagirone, Caltanissetta, Enna, Gela, Nicosia, Niscemi e Piazza Armerina. La cerimonia si è svolta al Park hotel Paradiso di Piazza Armerina.

Continua a leggere

Flash news

Due giorni cruciali per le scelte di candidati ed alleanze all Ars

Pubblicato

il

Sono 48 ore decisive per definire i candidati alla presidenza della Regione e le alleanze. I Cinquestelle raccolgono “follia e coraggio” e vanno a parlare con Caterina Chinnici per sottoporle nove punti programmatici.È la linea scelta dal gruppo Cancelleri – Di Paola che vorrebbero salvare l’alleanza con il Pd mentre una parte del movimento siciliano non è d’accordo.Ventiquattro ore di attesa per sapere chi sarà il candidato presidente del centrodestra.La decisione finale domani a Roma.Si sceglierà il partito che dovrà esprimere il candidato presidente.Si parte senza veti per nessuno, Musumeci compreso. Decisioni importanti che porteranno alla chiusura delle liste all’Ars e daranno una spinta anche per gli ultimi accordi per le Nazionali.

Continua a leggere

Attualità

Feriti sull’asfalto in attesa che l’ambulanza arrivi da Niscemi

Pubblicato

il

L’ ambulanza per soccorrere i feriti a Gela? Deve arrivare da Niscemi

Inconcepibile.Insopportabile. Ecco cosa ne pensa il direttivo di Una buona idea che si questa vicanda ha diramato una nota.

“Per alcuni temi – dice il direttivo del.movimento civico – ci vuole diplomazia  ma non per il tema della sanità, specie se l’episodio delle due persone vittime di un incidente accaduto oggi a Gela si sostanzia in una lunga attesa degli stessi sull’asfalto  perché l’unica ambulanza disponibile arrivava da Niscemi . In casi così , la diplomazia può ben essere sacrificata a vantaggio della verità delle cose e la verità cruda delle cose , sta nel fatto che la nostra Città non ha ambulanze a sufficienza per poter far fronte ad episodi di incidenti o per poter soccorrere qualcuno che, all’improvviso, accusa un malore .
La verità cruda sta tutta in questo, che , onestamente , lascia il tempo che trova a solo danno della collettività. Oggi è capitato alle due persone vittima dell’incidente , qualche tempo fa ad un’altra persona . A  quante altre persone dovrà capitare di rimanere inermi sull’asfalto , nell’attesa di un’ambulanza ?
Lo scenario è pressochè questo e pure questo va detto nella sua cruda verità :se qualcuno d’improvviso sta male e l’ambulanza che abbiamo a disposizione in Città è legittimamente impegnata in altra emergenza , chi è in attesa , resta in attesa perché non abbiamo altra ambulanza . La  domanda appare semplice  ed eccessivamente allarmista ma non è lontana dall’ordine naturale delle possibilità: e se chi sta male , non dovesse avere a disposizione il tempo necessario per attendere l’ambulanza , cosa succederebbe?
Questo è il tema , non ce ne sono altri e questo tema non può e non deve essere ingentilito , va trattato che è diverso e va risolto che è diverso. Ed è Asp che deve risolverlo .
E se questo è il tema , la domanda è in fondo una sola, la più antica: perché?
Perché Asp non prevede il potenziamento doveroso delle unità ambulanza , soprattutto in questo periodo estivo di maggiore flusso di gente ?
Perché Asp , sul punto, quando si verificano casi come quello citato tace come se non fosse materia di sua competenza , affar suo?
Ma soprattutto quando .
Quando  Asp prevederà la dotazione di nuove ambulanze per questa Città?
Non ci interessa usare la diplomazia con temi così delicati, preferiamo la verità.
Potrebbe capitare ad ognuno di noi di star male o fare un incidente , dovremmo concordare con Asp l’orario esatto  e il luogo nel quale ci è concesso di star male ?

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852