Seguici su:

Attualità

Il sen. Lorefice: “Gli atti della nuova perimetrazione del Sin da un anno fermi a Palermo”

Pubblicato

il

Essere dichiarati Sin cioè sito di interesse nazionale invece che portare benefici crea ritardi su ritardi nelle azioni da intraprendere e nei progetti da realizzare.Gela ne sa qualcosa.Basti pensare all’iter infinito del progetto di dragaggio del porto. Negli ultimi anni si è deciso di riperimetrare l’area Sin. Ma anche qui il progetto va per le lunghe. È emerso durante l’ultima audizione della X commissione del Senato che sta cercando di capire il perché del flop dell’area di crisi di Gela. Ed è stato il direttore dell’ex Ministero dell’ambiente a parlare di Sin rispondendo alle domande del sen.Pietro Lorefice . “Il direttore Giuseppe Lo Presti, che si occupa del settore del risanamento ambientale – dice il senatore grillino – ha detto che la Regione, ad oggi, non ha ancora trasmesso gli atti della riperimetrazione del Sito di interesse nazionale. E’ veramente grave, perché nel Sin, per avere i fondi per le bonifiche, vanno inserite le aree dei pozzi e quelle delle pipeline, ma anche l’ex discarica Marabusca. Senza la trasmissione degli atti, però, il Ministero non può  agire”.Il Comune ha inviato  alla Regione la scorsa estate  le planimetrie aggiornate sull’area Sin.Ma quelle carte a Roma non sono mai arrivate. 

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Due minuti Due di Maria Concetta Goldini. Da ascoltare. In  cerca di soluzioni

Pubblicato

il

Continua a leggere

Attualità

Antiracket con il punto interrogativo

Pubblicato

il

Si svolgerà oggi alle 18 l’assemblea dei soci dell’associazione antiracket Gaetano Giordano per eleggere il direttivo da cui poi si sceglierà il presidente.

Tredici i candidati. Tre giorni fa il Prefetto di Caltanissetta ha cancellato l’associazione dall’albo prefettizio ma gran parte degli iscritti rimasti ritiene di dover andare avanti lo stesso procedendo con le elezioni per poi presentare ricorso contro il decreto. Pare inoltre che l’ex presidente Renzo Caponetti stia lavorando per fondare una nuova associazione.Una situazione in divenire con risvolti non prevedibili.

L’unico dato certo è che l’immagine di Gela ha subito un grave danno per gli errori e gli scivoloni di un’associazione considerata un modello italiano.

Continua a leggere

Attualità

Il ministro Salvini: ecco i fondi per la tangenziale di Gela

Pubblicato

il

395milioni di euro per il completamento della tangenziale di Gela.

“I fondi ci sono: la Corte dei conti ha registrato la delibera Cipess del 27 dicembre scorso, con la quale è stato approvato l’aggiornamento 2022 del Contratto di programma Anas del valore di 4,5 mld, rendendo così disponibili le risorse per emanare i bandi. Lo schema di progetto anche. I lavori interesseranno le statali n. 626 e n. 115, relativi ai lotti 7 e 8 di completamento della tangenziale gelese. Un’arteria strategica, che collegherà strade fondamentali per la viabilità locale, aprendo due varchi essenziali verso Catania e Caltanissetta ed il resto della Sicilia. Vogliamo far ripartire i cantieri e sbloccare opere. Non ci fermeremo”. Lo dice il vicepremier e ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Matteo Salvini.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852