Seguici su:

Flash news

La Uil spiega le motivazioni dello sciopero del 16

Pubblicato

il

“Insieme per nuove politiche industriali, necessarie nella transizione ecologica. Insieme per dare soluzioni alle crisi industriali. Sono due dei temi-chiave dello sciopero generale che la Uil con la Cgil ha proclamato per giovedì 16. Quei temi, come gli altri, interessano fortemente la Sicilia e particolarmente l’Area Vasta con il polo agricolo di Ragusa, che vuole e deve essere protagonista nella svolta green forte anche delle sue produzioni di eccellenza, e con i petrolchimici di Priolo e Gela, da cui dipende molto del presente e del futuro nei destini occupazionali e sociali della nostra terra. Per questo, faccio appello alla mobilitazione. Non possiamo permetterci di pagare ancora scelte sbagliate della politica, nessuno può chiederci di restare in silenzio”.
Lo ha detto stamattina Luisella Lionti, solo da pochi giorni segretaria generale della Uil Sicilia, intervenendo in videoconferenza all’Esecutivo dell’Area Vasta Uil Palermo-Siracusa-Ragusa-Gela. L’esponente sindacale ha ricordato come la Sicilia e Palermo siano state scelte per una delle cinque, grandi, manifestazioni nazionali in programma il 16: “Scendiamo in piazza per contestare una manovra di bilancio che non risponde alle esigenze di sviluppo vero, lavoro dignitoso e dignità sociale che noi rivendichiamo. Assieme alla Cgil sollecitiamo cambiamenti concreti per lavoratrici e lavoratori, pensionate e pensionati”.
“Dalla nostra Isola – ha aggiunto Luisella Lionti – partirà un messaggio forte e chiaro perché il Mezzogiorno è stanco di opportunità negate. Ed è affamato di interventi per la coesione sociale, perché nessuno resti indietro e resti solo”. La segretaria generale della Uil Sicilia sottolinea, infine, un’altra delle ragioni alla base della proclamazione di sciopero: “Noi chiediamo ormai da troppo tempo l’approvazione della legge sulla non autosufficienza e l’aumento delle risorse a sostegno delle tantissime famiglie, molte anche a Siracusa e Ragusa come a Gela, che vivono ogni giorno la disabilità con dignità, con amore, ma sono costrette a rivendicare rispetto e diritti. Le risorse adesso ci sono e devono essere destinate a chi ha più bisogno. È inspiegabile che ciò non accada”.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

È deceduta la quindicenne operata dalle equipe di Taormina e Messina

Pubblicato

il

Era balzato agli onori della cronaca come un caso di buona sanità cioè di lavoro in rete nella gestione delle emergenze pediatriche. Ma alla fine la quindicenne gelese Ginevra Amato non ce l’ha fatta a vincere la sua battaglia contro una severa infezione da H1N1 e mercoledì amici e parenti le daranno l’ultimo saluto alla chiesa di San Sebastiano.

La giovane è deceduta al Policlinico di Messina. Qualche settimana fa era stata sottoposta ad un intervento di ossigenazione extracorporea a membrana realizzato congiuntamente dell’equipe di Cardiochirurgia pediatrica dell’ospedale di Taormina e di Terapia intensiva Pediatrica di quello di Messina. Dopo il rientro a Messina da Taormina il decesso inaspettato. Ora i genitori Salvatore Amato e Nuccia Consiglio hanno incaricato un legale , l’avv.Rosita Giardina per vederci chiaro sulle cause di un decesso avvenuto quando tutto sembrava essersi risolto.

La malattia della quindicenne era iniziata con un’infezione alle vie respiratorie poi aggravatasi.

Continua a leggere

Cronaca

Scoperto autore del furto alla scuola di Mussomeli

Pubblicato

il

I Carabinieri di Mussomeli, al termine di una meticolosa attività d’indagine, hanno deferito all’Autorità Giudiziaria del capoluogo Nisseno un trentenne palermitano, pregiudicato per reati specifici, ritenuto il presunto autore del furto di 25 computer portatili e di un comunicatore dinamico, ausilio didattico per alunni con disabilità, perpetrato nel febbraio del 2023 presso la Scuola Media “Leonardo da Vinci” di Mussomeli, in via Concetto Marchesi.

La scuola era rimasta chiusa alcuni giorni (tra l’8 e il 13 febbraio), a causa delle condizioni meteo avverse e, proprio durante questo periodo di chiusura, veniva commesso il furto che lasciava sgomenti insegnanti, alunni e genitori. Venivano danneggiati anche gli armadietti della sala docenti e i distributori automatici di snack e bevande, dai quali erano asportate tutte le monete.

Il danno complessivo subito dall’Istituto ammontava a circa 12mila Euro, non assicurato.

I Carabinieri si sono messi subito sulle tracce degli ignoti malfattori e, con il supporto di personale del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Caltanissetta, riuscivano a repertare tracce dermiche e biologiche lasciate dagli ignoti autori del reato all’interno della scuola.

I militari di Mussomeli hanno proseguito le indagini analizzando i dati relativi a diversi analoghi furti commessi nello stesso periodo e con lo stesso modus operandi in altre scuole in un’area geografica compresa tra le province di Palermo, Caltanissetta ed Agrigento, individuando un presunto autore che solo in questi giorni, grazie all’esito positivo degli accertamenti del RIS, è stato definitivamente indentificato. Allo stesso, attualmente sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico presso una comunità terapeutica, è stato notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari.

Continua a leggere

Flash news

Italia viva sostiene Piero Lo Nigro e si guarda attorno

Pubblicato

il

Italia Viva sostiene la candidatura a sindaco del socialista Piero Lo Nigro. I renziani durante una riunione di dirigenti e sostenitori hanno dato mandato al coordinatore provinciale Giuseppe Ventura e al coordinatore cittadino Rochelio Pizzardi di “continuare le trattative con le coalizioni”.

Una decisione che ha un chiaro significato: Italia viva ha proposto insieme ad altri moderati la candidatura di Lo Nigro all’agorà politica e si guarda intorno non escludendo altre alleanze.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852