Seguici su:

Flash news

L’on. Arancio presenta interrogazione su Timpazzo

Pubblicato

il

Mentre il direttivo locale del Pd si è riunito alle 20 per trattare le iniziative da intraprendere a tutela della discarica di Timpazzo, l’on. Giusepoe Arancio ha presentato un’interrogazione al Presidente Musumeci. Questo il testo integrale :

Interrogazione

Iniziative urgenti al fine di garantire i regimi di tutela previsti allo scopo di salvaguardare l’area di Contrada Timpazzo a Gela (CL).

Al Presidente della Regione, All’Assessore per l’energia e i servizi di pubblica utilità e All’Assessore per il territorio e ambiente.

Premesso che:

la piattaforma polifunzionale di C.DA TIMPAZZO A GELA (CL) è all’Interno del SITO di Natura 2000 ZPS ITA 050012;

vi sono in atto progetti che prevedono nell’area sopraindicata: UN IMPIANTO DI TRATTAMENTO E RECUPERO DELLA FRAZIONE UMIDA DA RACCOLTA DIFFERENZIATA e un PROGETTO PER L’AUMENTO DELLA CAPACITA’ DI TRATTAMENTO GIORNALIERO DELL’IMPIANTO DI DISCARICA che si traduce nell’ampliamento della vasca E;

risulterebbe inoltre un ipotesi progettuale che prevederebbe un ampliamento complessivo della capacità di conferimento dell’intera discarica.

Considerato che:

Il Piano Regionale per la Gestione dei Rifiuti Urbani in Sicilia, approvato con DP del 12 Marzo 2021 n° 8 e Pubblicato sulla GURS S.O. del 9 Aprile 2021 prevede al Paragrafo 6.6 del Rapporto Ambientale, che nelle aree SIC, ZSC e ZPS delle Rete Natura 2000 non sia possibile Realizzare Nuovi Impianti o Modifiche Sostanziali a quelli esistenti, compresa la fascia di 500 metri da Aree SIC/ZPS/ZSC (pagine 273/274/275 del Rapporto Ambientale).

Ritenuto che:

sulla base delle succitate disposizioni non appare compatibile l’esperibilità della progettazione sopracitata e dunque specificamente non risulta possibile realizzare nel sito il nuovo impianto di compostaggio e l’ampliamento della discarica;

unitamente alle ragioni in precedenza esposte occorre altresì valutare valutare se risulta possibile aumentare il quantitativo dei rifiuti in entrata giornaliero, in quanto un maggior numero di mezzi in transito, potrebbe per l’Ecosistema Protetto dalla ZPS ITA 050012 essere di impatto “Sostanziale” e quindi rientrare anche questo tra le Modifiche Sostanziali.

Rilevato che:

l’intero comprensorio gelese com’è noto si caratterizza per la presenza del sito industriale e anche in ragione di ciò le aree di pregio naturalistico esistenti e nelle quali ricadono dei vincoli non possono in alcun modo essere oggetto di modificazioni che rischierebbero di aggravare ulteriormente la condizione assai fragile di equilibrio ambientale.

Per sapere:

se non ritenga necessario e urgente riferire circa lo stato di saturazione della discarica di Contrada Timpazzo a Gela e quali siano le iniziative che si intende intraprendere avuto riguardo che le idonee soluzioni da adottare, anche con carttere di urgenza, siano comunque nel pieno rispetto delle normative di salvaguardia delle aree di pregio naturalistico.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Droga non pagata, spacciatori minacciano: arrestati due fratelli niscemesi

Pubblicato

il

Due fratelli pregiudicati di Niscemi, sono stati arrestati dai Carabinieri del Reparto Territoriale di Gela, in esecuzione ad un ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Gela, su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Si tratta di un ventiquattrenne e di un ventiduenne, indagati per detenzione illecita di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, tentata estorsione – minacce e violenze – uccisione di animali – rapina, nei confronti di un 22enne del luogo. Nel corso delle indagini, svolte dalla Stazione Carabinieri di Niscemi, sono stati raccolti sufficienti elementi indiziari a carico dei soggetti arrestati, ed in particolare sembrerebbe che gli indagati al fine di ottenere il pagamento di una dose di sostanza stupefacente, in più occasioni – da fine del 2021 ad oggi – minacciavano un giovane con continui messaggi telefonici e in un caso dopo averlo percosso, rapinato del telefono.

L’episodio ancora più grave avveniva nel marzo del 2023 quando i due arrestati, con l’intento di intimorire ancor di più il ragazzo, uccidevano il suo cane mediante impiccagione al ramo di un albero. Gli arrestati sono stati condotti presso il proprio domicilio a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Continua a leggere

Cronaca

Scontro tra due auto, muore donna di Acate

Pubblicato

il

Tragico incidente stradale la notte scorsa sulla provinciale 17, Vittoria -Scoglitti. Una donna è morta a seguito di uno scontro tra due Fiat Panda.

La vittima è Lisa Rosso, 47 anni, di Acate. Ferita anche una quarantacinquenne, prontamente trasferita in ospedale.

foto Franco Assenza

Continua a leggere

Cronaca

Condotte antisociali, emessi 12 provvedimenti di prevenzione

Pubblicato

il

Dodici provvedimenti applicativi di misure di prevenzione, sono stati emessi dal Questore di Caltanissetta, Pinuccia Albertina Agnello, previa istruttoria della locale Divisione Polizia Anticrimine, nei confronti di persone che si sono rese responsabili di gravi condotte antisociali.

Sette provvedimenti riguardano l’avviso orale che ha colpito due minorenni, arrestati dal Commissariato di Polizia di Gela per tentata rapina; un 44enne, arrestato sempre dalla Polizia di Gela per tentato furto in attività commerciale; un 20enne e un 44enne, arrestati dai Carabinieri di Gela per detenzione ai fini di spaccio di cannabinoidi e cocaina; un 24enne, denunciato dal Commissariato di Polizia di Niscemi per aver appiccato il fuoco a un’autovettura in orario notturno e un 22enne, arrestato dalla Squadra Mobile e dal Commissariato di Niscemi per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Due provvedimenti sono stati emessi nei confronti di pregiudicati, non residenti nella provincia di Caltanissetta, gravati da pregiudizi di Polizia, i quali sono stati rimpatriati con foglio di via obbligatorio con divieto di fare ritorno a Caltanissetta per un periodo di due anni. Gli stessi, nel corso di un controllo, sono stati trovati in possesso di chiavi alterate e grimaldelli dai poliziotti della sezione Volanti e denunciati all’Autorità Giudiziaria.

Tre provvedimenti di ammonimento per violenza domestica sono stati emessi nei confronti di un 44enne e un 38enne, entrambi resisi autori di lesioni personali nei confronti delle ex compagne, e nei confronti di una donna 50enne, residente in provincia, resasi responsabile di continue molestie e minacce reiterate nei confronti dell’ex compagno.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852