Seguici su:

Attualità

SS 640: mancano gli ultimi 7 km per completare la strada statale

Pubblicato

il





Oggi, il Sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili On. Giancarlo Cancelleri ha effettuato un sopralluogo sulla SS 640. L’obiettivo del Sottosegretario è monitorare costantemente lo stato di avanzamento dei lavori di questa infrastruttura strategica per la Sicilia ed è puntuale la sua presenza all’apertura al traffico di ogni tratto: “La SS 640 è destinata a collegare Agrigento alla autostrada Palermo-Catania e presto verranno fatti ulteriori passi avanti affinché anche l'ultimo tratto che riguarda l’ex scorrimento veloce 640 possa essere consegnato entro la fine del prossimo anno. Al completamento mancano solo 7 chilometri! Oggi abbiamo aperto ufficialmente un altro tratto della nuova strada, e cioè quello che consentirà agli automobilisti che arrivano dalla A 19 di avvicinarsi in pochi minuti alla città di Caltanissetta, e quindi raggiungere così la via Borremans senza più alcuna interruzione”. 
Negli occhi del Sottosegretario l’entusiasmo e l’orgoglio di vedere rinascere e lavorare i cantieri di una infrastruttura per troppo tempo rimasta ferma seppure indispensabile per la viabilità dei siciliani. Ad accompagnare il Sottosegretario nel sopralluogo, oltre ai tecnici Anas, l’ Assessore regionale alle infrastrutture Marco Falcone ed il neo nominato commissario straordinario Raffaele Celia, incaricato per dare una ulteriore accelerazione alla prosecuzione ed al completamento dell'intera opera. 
“Gli ultimi 7 chilometri ancora da completare - ha aggiunto il rappresentante del Governo - un anno e mezzo fa abbiamo trovato un cantiere fermo e abbandonato, nessuno ci avrebbe scommesso sulla ripresa dei lavori, per questo anche oggi sono qui per raccontare al territorio un riscatto che gli spettava e finché l’opera non verrà ultimata monitorerò i lavori e racconterò ai siciliani come l’impegno e la presenza sul territorio possano concretizzarsi in fatti”.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Turismo: la Regione punta alla Bit di Milano

Pubblicato

il

Grande impatto visivo ed emotivo, oltre mille metri quadrati, grandi ledwall e superfici a specchio, spazi per operatori del settore pubblici e privati. Lo stand (il render nella foto sopra) della Regione Siciliana alla prossima Borsa internazionale del turismo di Milano, dal 12 al 14 febbraio, interamente progettato dal personale interno all’assessorato regionale al Turismo, sarà il biglietto da visita dell’Isola in un settore che cresce. Secondo uno studio commissionato dall’università Cattolica di Milano, la Sicilia con il logo “See Sicily” è la prima regione italiana in termini di “ricordo” a seguito delle campagne di promozione audiovisive sui principali media. Per il governatore Schifani, che sarà presente alla tradizionale conferenza stampa in Fiera Milano, «la nostra terra è intrisa da millenni di storia, oggi fonte di ispirazione per nuove generazioni di creativi legati alla moda, al cinema, al teatro, alla letteratura, all’arte». Obiettivo consolidare offerta e flussi e promuovere la destagionalizzazione

Continua a leggere

Attualità

Due minuti Due di Maria Concetta Goldini. Da ascoltare. In  cerca di soluzioni

Pubblicato

il

Continua a leggere

Attualità

Antiracket con il punto interrogativo

Pubblicato

il

Si svolgerà oggi alle 18 l’assemblea dei soci dell’associazione antiracket Gaetano Giordano per eleggere il direttivo da cui poi si sceglierà il presidente.

Tredici i candidati. Tre giorni fa il Prefetto di Caltanissetta ha cancellato l’associazione dall’albo prefettizio ma gran parte degli iscritti rimasti ritiene di dover andare avanti lo stesso procedendo con le elezioni per poi presentare ricorso contro il decreto. Pare inoltre che l’ex presidente Renzo Caponetti stia lavorando per fondare una nuova associazione.Una situazione in divenire con risvolti non prevedibili.

L’unico dato certo è che l’immagine di Gela ha subito un grave danno per gli errori e gli scivoloni di un’associazione considerata un modello italiano.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852