Seguici su:

Ipse Dixit

Il prete cacciatore di maniaci in rete, “ogni bambino deve essere liberato!”

Pubblicato

il

Sono quasi 25 anni che assieme alla Polizia Postale ha iniziato una costante attività di contrasto allo sfruttamento sessuale minorile e alla diffusione di materiale pedopornografico su Internet. Tutela dell’infanzia in Italia e nel Mondo, nel 1996 ha fondato l’associazione “Meter”. Una vera e propria battaglia quotidiana contro la pedofilia. Dalle sue denunce, agli inizi degli anni duemila, scattò la maxinchiesta della Procura di Torre Annunziata che portò alla luce una rete europea della pedofilia. “Personaggi altolocati e di spessore”, lo minacciarono affinché la stessa inchiesta venisse infangata. Ottennero l’effetto contrario. Don Fortunato Di Noto, 58 anni, sacerdote siracusano di Avola, non si è mai fermato dinanzi ad alcuna minaccia, anche quelle più pesanti perché – dice con forza – “ogni bambino deve essere liberato!”
“Subire minacce fa parte di chi fa il bene – rincara -. In tanti ricevono minacce. Fa parte della storia, fa parte del gioco”.
Avere paura è la conseguenza naturale per chi viene minacciato…
“La paura è soprattutto per coloro i quali mi stanno vicino, chi mi sta accanto, chi vive a stretto contatto con me. Ci sono stati momenti difficili, è vero, ma si ha paura quando si è soli, quando sei abbandonato. Sta proprio lì la paura più grande”.
Il suo impegno quotidiano contro i maniaci, ha permesso di scoprire orrori su orrori, squarciando il velo su un tema così delicato, quale appunto la pedofilia e la pedopornografia. Ma chi è il pedofilo?
“E’ un soggetto comune. E’ sbagliato pensare, nel nostro immaginario, che si tratti del classico tizio che sta nei boschetti o nei giardini dove giocano i bambini. Il pedofilo è una persona che presenta dei disturbi nella sfera della sua personalità, ha dei disturbi sicuramente psichici e soprattutto è un soggetto che ha una malattia lucida. Lui sa quello che vuole, sa quello che cerca, sa che può adescare i bambini, relazionarsi con loro, creare una stabile affettività che può sfociare automaticamente nel godimento sessuale proprio perché il bambino è un oggetto erotico per le sue perversioni. Purtroppo ci sono i pedofili quelli più pericolosi, che sono sadici e sono soggetti che oltre a svolgere tutta un’attività di adescamento, compiono abusi sessuali che possono arrivare anche alla morte, il cosiddetto pedofilo sadico necrofilo, che utilizza i cadaveri dei bambini. Il dato più inquietante è che il pedofilo può essere sia maschio che femmina. In linea generale la donna dovrebbe avere una propensione protettiva materna ma a volte, più delle volte, capita che anche le donne possano essere delle pedofile e quindi che utilizzano i bambini a scopo sessuale. Poi nel campo di internet abbiamo il “cyberpedofilo”: è un individuo che trova nella rete, la possibilità di soddisfare le sue fantasie sessuali, senza contravvenire alle regole morali, che la società in cui vive gli impone. Riesce a soddisfare in maniera virtuale i propri impulsi e tutto ciò non produce altro che una maggiore devianza ed un allontanamento dalla vita reale”
Esistono diverse tipologie di pedofili che utilizzano la rete?
“C’è il collezionista armadio che conserva gelosamente le sue collezioni pedopornografiche e non è mai coinvolto in prima persona su abusi sui minori; c’è poi il collezionista isolato, che raggruppa pedopornografia, sceglie una categoria particolare ed è coinvolto direttamente nell’abuso del minore; ci sono anche i maniaci che condividono collezioni, quindi l’attività sessuale con altri e – siamo certi – non ne trae profitto. Infine c’è il collezionista commerciale che è coinvolto nello sfruttamento sessuale dei minori: produce, copia, abusa dei minori stessi e vende materiale pedopornografico con un profitto di business economico a volte strabiliante. Esistono delle vere e proprie organizzazioni pedocriminali che individuano le vittime. Finora – però – sono state pochissime le persone identificate nella pedo criminalità”.

Tra le scoperte eseguite da Don Fortunato Di Noto ci sono quelle di alcuni video che riprendono decine di bambine legate e stuprate dentro stanze di hotel da soggetti adulti e quelle di neonati torturati e di bambini nudi messi in gabbia con la bocca tappata. Ma chi si nasconde dietro a questi soggetti?
“Possono essere persone singole con un’accentuata perversione sessuale e preferenza dei bambini ma possono anche essere dei gruppi che si organizzano non soltanto per adescare i bambini ma anche per scambiare informazioni sui bambini stessi, magari incontrandoli realmente dopo un adescamento on line. Ci sono anche soggetti (a livello internazionale) che rapiscono i bambini, li sfruttano sessualmente e poi non sappiamo mai che fine fanno le vittime”.
Quanto conta la condizione familiare nella deviazione di un pedofilo?
“La risposta alla domanda richiederebbe un approfondimento di un seminario che dovrebbe durare una settimana…Noi non sappiamo quali sono le condizioni che hanno favorito una preferenza sessuale dei minori. Qualcuno dice perché sono stati abusati e quindi abusano; qualcun altro dice che è una perversione proprio sessuale determinata da traumi, non soltanto infantili ma anche di un relativismo nei rapporti con i bambini. Un relativismo storico in cui si evince che – in fondo in fondo – i bambini possono vivere relazioni sessuali perché per loro è un benessere. Non sappiamo quanto la condizione familiare incida. Probabilmente può essere la sindrome dell’assenza del padre, può anche essere che qualcuno da bambino, da minore, abbia subito traumi per la fruizione di pornografia (anche minorile) e quindi tutto questo abbia condizionato il percorso a diventare pedofilo. E’ una domanda – ripeto – così tanto vasta che certamente richiede una maggiore attenzione..”
Quali sono i segnali?
“Se li sapessimo potremmo sicuramente contrastare maggiormente l’azione del pedofilo. Il pedofilo in fondo in fondo è una persona elaborata, capace; una persona che va a fondo della questione. Un profilo forse svierebbe tanto la complessità del soggetto pedofilo, del soggetto pedopornografo. Certamente possono essere scoperti nella misura in cui il minore, la vittima, inizia a parlare, a denunciare, a raccontare. Noi non possiamo pensare che per strada individuiamo i pedofili soltanto perché magari avvicinano un bambino. Stiamo attenti a non cadere in queste esagerazioni e credo invece che questo stia contribuendo a formare una categoria criminale dei pedofili proprio perché le strategie li elaborano in maniera più efficace. Non c’è un profilo definito. Ci sono delle situazioni che sono state verificate ed approfondite quando i maniaci sono stati individuati dopo le denunce presentate”.
E cosa deve fare il bimbo vittime di “certe attenzioni”?
“Bisogna capire l’età. Qui stiamo parlando della pedofilia. Il pedofilo desidera i bambini prepuberi, al di sotto dei 13 anni. Spesso sono età così piccole che i bambini non sanno reagire, non hanno ragione di quello che sta accadendo, non hanno la contezza di quello che stanno subendo. Immaginiamo per un attimo ai neonati: come potrebbero rispondere, reagire o scappare di casa ad un abuso? I segnali possono essere interpretati ma con grande prudenza, con grande determinazione da parte di coloro i quali sono tutori. Mi riferisco ai maestri, ai docenti, al catechista, al sacerdote, ad una religiosa. Si tratta di figure che stanno a contatto con i bambini. L’aspetto più sano è che nessuno – e ribadisco nessuno – deve assurgere il ruolo di giudice. Dobbiamo essere noi stessi a fare parlare i bambini in un determinato contesto, senza suggestione alcuna. Inoltre dobbiamo stare attenti a cosa noi vogliamo fare dire, perché molte volte quel fare dire non corrisponde alla verità”.
Si può superare il trauma, dopo avere scoperto il dramma?
“Si, certo! Si può offrire un sostegno. Si tratta di un percorso lungo e delicato. Il centro di ascolto Meter ci permette di accogliere le vittime e soprattutto, pur sapendo che non è mai facile, raccogliere la vicenda dell’abuso subito. Sottolineo – dice – che non è facile per gli adulti raccontare quanto subito, figuriamoci per i bambini. E’ importante creare il contesto adatto alla loro età e costruire una relazione di fiducia, una vera e propria alleanza. A volte il gioco, è la tecnica più adatta per entrare in contatto con i bambini e con il loro mondo. L’adulto non deve avere fretta di sapere o di ricevere risposte. Bisogna rispettare i tempi dei bimbi. Qualsiasi forzatura potrebbe ulteriormente essere dannosa. Il problema è delicato. Quando i piccoli riescono a liberarsi del loro segreto, vivono questo passaggio come una liberazione. Meter ha accompagnato in questi anni tantissimi bambini, centinaia e centinaia di minori, anche persone vulnerabili e fragili. Certamente i bambini hanno bisogno di rivedere nell’adulto una figura di riferimento e non l’orco che gli ha rubato l’infanzia. Lo sforzo più grande che un educatore deve fare, è proprio quello di riconquistare la fiducia dei bambini e dimostrarsi come adulti che si prendono cura di loro e che possano aiutarli a non subire più abusi da parte di nessuno”.
Quanto influisce l’utilizzo senza sosta dei social?
“Non dobbiamo demonizzare i social, anzi dobbiamo favorirne l’utilizzo. Evidentemente i social fanno parte ormai del mondo del minore che può creare dipendenza così come può creare l’esposizione digitalizzata del corpo senza sapere dove questa digitalizzazione (foto e video) possa arrivare. Ci sono persone mai conosciute che chiedono di tutto e – dati alla mano – i bimbi entrano in un vortice di giochi erotici che a volte non permette più di uscirne, anche se possono subire ricatto. I social sono utilissimi ma bisogna avere l’idea di come utilizzarli. Bisogna utilizzarli bene, con rispetto di se e soprattutto sapere che il virtuale è sempre una vita reale e non un gioco”.
Come può e quando deve intervenire la famiglia?
“Deve intervenire sempre! La famiglia ha il dovere di proteggere i propri figli. La prevenzione, l’accudimento, la tutela, il sostegno, il dialogo, la lealtà, il percorso della sicurezza, l’uso corretto di internet e delle amicizie è un dovere dei genitori. Non si chiede la luna. I genitori hanno dei doveri e se non li esplicano e se non li applicano è un fatto grave. E’ per questo che poi ci ritroviamo tanti bambini orfani con genitori vivi..”
La scuola, che ruolo ha?
“La scuola è già così tanto appesantita, vive momenti anche difficili, ora a maggior ragione in tempo di Covid. La trasmissione dei valori, della cultura, delle nozioni per la vita già implica un cammino non secondario. Però è anche vero che la scuola può essere chiamata in causa nel momento in cui si attiveranno dei protocolli di collaborazione con i genitori e con le agenzie educative del territorio. La scuola può dare ancora degli elementi necessari, ad esempio un’educazione digitale oppure, in un patto con le famiglie, può offrire dei contributi per quanto riguarda una crescita sana, una crescita anche nel percorso della sicurezza, delle proprie relazioni affettive che devono essere gestite con prudenza e con intelligenza”.
Troppi ragazzini – raccontano le cronache – sono stati abusati da prelati…
“Capisco che è pruriginoso poter parlare solo dei prelati. Sono d’accordo che bisogna parlare, condannare. Tolleranza zero. Papa Francesco è stato molto chiaro però non dobbiamo cadere nella trappola sociale. L’abuso è abuso da qualsiasi parte provenga. Non è perché si è prelati e allora si ha più responsabilità. Perché il papà, la mamma, lo zio, non hanno una responsabilità? Un magistrato, un avvocato, un medico, un pediatra non hanno responsabilità? L’abuso è abuso e l’abuso quando accade è devastante”.
Le cifre del fenomeno pedofilia in Italia, purtroppo, sono sempre in aumento. Come si può porre un freno?
“Nella misura in cui si cercherà di dare percorsi informativi e formativi, punti di riferimento. Parlarne senza creare emulazione o eventuali situazioni di pericolo. Bisogna avere una conoscenza attenta, dando priorità a certe informazioni ritenute utili. Essendo fenomeni delicati che devastano la vita dei bambini, bisogna parlarne bene e non tutti lo possono fare”.
Segnali di allarme giungono da ogni parte del Mondo
“E bisogna fare sempre di più per sconfiggere il male. In ogni città, in ogni dove.
La società deve sapere rispondere, le istituzioni devono fare altrettanto, la chiesa può e deve fare la sua parte. Oramai esiste in ogni diocesi il servizio per la tutela dei minori. Esiste anche nella Diocesi di Piazza Armerina di cui la città di Gela fa parte. Noi come Meter siamo presenti con i nostri volontari. Cerchiamo di fornire informazioni e fare formazione. Rappresentiamo un punto di riferimento”
Si è sempre pensato, come pedofilo, ad una figura maschile. Ma esiste – come già sottolineato precedentemente – un lato femminile della pedofilia
“Il filone denunciato nel report 2020 di Meter racconta il pedomama. Si tratta delle mamme che abusano di neonati. Tenete conto che i neonati contati erano più di 2000.”
Domani si chiude la “Giornata bambini vittime della violenza, dello sfruttamento, dell’indifferenza contro la pedofilia” scattata lo scorso 25 aprile. Si tratta di un forte richiamo al fine di tutelare i minori da ogni forma di sopruso.
“E’ la dimostrazione che si può lavorare insieme, si può costruire un buon tempo, una buona cosa, una buona storia, una buona vita…”
Perché ogni bambino deve essere liberato!

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ipse Dixit

“La politica deve stare lontana dalla mafia. A Gela, esperienza di valore”

Pubblicato

il

Il prossimo 6 maggio, a Roma, assumerà il ruolo di Consigliere Ministeriale presso il Dipartimento di Pubblica Sicurezza. E’ stato nominato direttamente dal Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell’Interno Matteo Piantedosi: gli sono state ampiamente riconosciute elevate attitudini investigative, frutto di un percorso professionale contraddistinto dalla lotta alla mafia in territori difficili del Sud Italia e per essere riuscito a gestire eventi e fenomeni assai complessi e complicati sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica. Nato a Messina, sessantadue anni appena compiuti, il dottore Salvatore La Rosa, laureato in Giurisprudenza ed abilitato alla professione di avvocato, ha conseguito i titoli dell’Alta Formazione ed il Master di II livello in “Sicurezza, Coordinamento Interforze e Cooperazione Internazionale” e quello in “Scienze Criminologico Forensi” presso l’Università di Roma “La Sapienza” e, presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Catania, la Laurea specialistica in “Scienze delle Pubbliche Amministrazioni”. Dal 2019 e fino ai giorni nostri, ha diretto la Questura di Trapani e prima ancora quella di Ragusa. Tra gli altri incarichi, è stato anche vicario del Questore di Messina. Dal 2005 al 2007 è stato a capo del Commissariato di Gela. 

“E’ stato un biennio intenso e di grandi soddisfazioni professionali – ci tiene a precisare -. Ricordo che l’impatto fu davvero complicato: il primo giorno, subito un intervento per un omicidio a Mazzarino e, a seguire, la partecipazione al Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica in ragione della partita di calcio di Serie C Gela – Napoli, che si sarebbe tenuta la domenica seguente con la previsione dell’arrivo di 1000 tifosi partenopei. Ma ero già discretamente “strutturato”. Arrivavo a Gela dopo un triennio passato a Lamezia Terme, dove era in corso una guerra di mafia, ed in precedenza avevo lavorato in Sicilia, nel siracusano, per una dozzina d’anni tra la Squadra Mobile e i Commissariati distaccati. A Gela ho trovato un ufficio ben organizzato, composto da tante persone perbene che non si sono mai risparmiate. Il lavoro era tanto, sia nell’ambito della Polizia Giudiziaria che sotto il profilo del controllo del territorio, ma gli uomini erano disponibili e professionali. Peraltro, in quel periodo, il Commissariato di Gela era impegnato in parecchi servizi di scorta e tutela che assorbivano un gran numero di personale. Per me è stata un’esperienza molto positiva che mi ha ulteriormente rafforzato”.

In quel periodo di tempo a Gela, è stato fatto tutto oppure si poteva fare di più?

“Si può sempre fare di più e meglio ma, certamente, non possiamo rimproverarci nulla, almeno sotto il profilo dell’impegno. Grande è stata la collaborazione con la Squadra Mobile di Caltanissetta e con le Procure pur nella consapevolezza degli impegni sempre maggiori. Proprio in ragione della palpabile sofferenza dovuta al grande carico di lavoro, l’Amministrazione, nel periodo in cui io ho diretto l’Ufficio, ha spostato al Commissariato di Gela quasi 50 uomini che già prestavano servizio in quel territorio ma nell’ambito delle specialità della Polizia di Stato e che, verosimilmente, erano sottoimpiegate. La soppressione degli Uffici di Polizia di Frontiera Marittima e del Posto di Polizia Ferroviaria, con conseguente trasferimento del personale al Commissariato di Ps. fu di grande aiuto non solo sul piano pratico ma anche su quello psicologico, soprattutto per gli uomini che già prestavano il loro servizio al Commissariato di via Calogero Zucchetto”

A Gela convivono due se non tre consorterie mafiose: Cosa Nostra, Stidda e gruppo Alferi. Andando specificatamente nel dettaglio, come sono organizzate – secondo la sua esperienza sul campo – e come riescono (nonostante i numerosi arresti) ad infiltrarsi nel tessuto locale?

“La domanda dovrebbe essere rivolta a chi ha oggi il polso della situazione. Io sono andato via da Gela nel 2007 e a distanza di 17 dalla chiusura della mia esperienza nel territorio sarei, a dir poco, presuntuoso a cimentarmi in un’analisi di questo tipo. Posso solo dire che, nel periodo della mia permanenza, tra “Cosa Nostra” e “Stidda” vi era un patto di “sospettosa” non belligeranza, condito da una equa spartizione dei profitti. La situazione era, a mio modo di vedere, determinata dalla necessità delle consorterie mafiose di mantenere una posizione più defilata in ragione del gran numero di carcerazioni e condanne subite, che le avevano fortemente indebolite ed, ancora, dall’esigenza di evitare di innalzare troppo il livello dell’attenzione da parte delle Forze di Polizia in ragione della presenza nell’area di importanti latitanti. Con riferimento al cosiddetto gruppo “Alfieri” posso dire che “u Ierru”, (Giuseppe Alfieri, ndr) capo dell’organizzazione, già all’epoca era attivo e riusciva a convivere con le consorterie mafiose più strutturate sul territorio per le identiche ragioni che ho esposto e anche perché si occupava di segmenti del malaffare cui non erano direttamente interessate “Cosa Nostra” e “Stidda”.

C’è voglia di cambiamento, di ribellione all’oppressione mafiosa in Sicilia. Almeno così sembra.  La gente, però, scende in piazza solo a seguito di fatti emergenziali. Come mai secondo lei?

“Si, è vero. I grandi movimenti di massa contro la mafia, in Sicilia come altrove, si percepiscono solo quando succede qualcosa di veramente eclatante e questa è la risultante di una percezione attenuata, se non addirittura assente, del fenomeno. Dalla stagione delle stragi son passati 30 anni e più e le giovani generazioni non hanno vissuto quei momenti tragici. Il ricordo è labile o del tutto mancante. La necessità di fare memoria dei fatti accaduti e dei martiri della mafia nonchè di spiegare il fenomeno ai giovani è oggi ancor più importante che in passato. Noi della Polizia di Stato siamo, purtroppo, “azionisti di maggioranza” nella triste graduatoria di operatori uccisi dalla ferocia mafiosa e ci impegniamo in ogni parte del territorio nazionale a dare il nostro contributo a quest’opera di sensibilizzazione delle coscienze nella lotta al crimine organizzato. Purtroppo non tutte le agenzie e le formazioni sociali che, a vario titolo, si occupano dell’educazione dei nostri giovani si stanno dimostrando all’altezza del compito. Molto di più si potrebbe fare sia nell’ambito scolastico, dove sarebbe opportuno dare più spazio allo studio della nostra storia recente e ai valori che ispirano la Carta Costituzionale, che in quello familiare, dove spesso si educano i figli non ai valori su cui si fonda la nostra società ma, piuttosto, all’utilizzo di espedienti e prepotenze per ottenere guadagni e successo. Per formare una “cultura antimafia” occorre intervenire sui giovani, anzi sui giovanissimi, con un’attività di formazione ed informazione che deve, affondando le radici nella storia, spesso misconosciuta, della mafia e dell’antimafia, servire ad educare ai valori della giustizia, della solidarietà, dei diritti e dei doveri che sono il distillato della nostra Costituzione. Lo dico da padre di tre figli, tutti nati dopo le stagioni delle stragi e che hanno un posto di osservazione privilegiato derivante proprio dall’essere figli di un operatore impegnato “per mestiere” nella lotta alla mafia, ma mi raccontano della assoluta assenza di conoscenza del fenomeno da parte di molti dei loro amici e compagni. In una parola: occorre una rivoluzione copernicana per fornire ai giovani gli strumenti culturali per costruire una società libera da condizionamenti”.       

Le cronache raccontano di un intreccio tra mafia e politica. E’ la mafia ad avere bisogno della politica o l’esatto contrario?

“La politica vera è esclusivamente “servizio” ed ha quindi bisogno solo di valori positivi da mettere in campo nel quotidiano a favore dei cittadini. Dato ciò e considerato che la mafia è solo disvalore, sono convinto che è la politica che debba stare lontano. La criminalità, di contro, diventa mafiosa proprio perché si infiltra nel tessuto sociale contaminandone le strutture, in primis quelle politico/amministrative. La mafia non sarebbe mafia senza infiltrarsi nella politica condizionandone l’operato. Se questa contaminazione non ci fosse saremmo di fronte ad organizzazioni criminali ma non alla mafia. Fatto questo breve quadro di riferimento, non posso che affermare che la politica che ha bisogno della mafia per affermarsi non è più politica ma essa stessa è mafia. Quindi, ad esempio, pensare che di fronte a 10 o 10000 voti che puzzano di mafia non prenderli equivarrebbe a farli prendere ad altri non significa ragionare pragmaticamente ma pensare da mafioso”.

Con quali mezzi potrà essere limitato se non completamente sradicato, questo subdolo legame che persiste nel Sud Italia e soprattutto in Sicilia?

“Come ho già detto, è solo una questione culturale. Occorre informare e formare le nuove generazioni fornendo loro gli strumenti culturali. La normativa di settore credo sia più che adeguata nonchè tra le più avanzate nel mondo. L’attività della Magistratura e delle Forze di Polizia è forte e determinata ma pensare che con la sola repressione si possa debellare il fenomeno è pia illusione”.   

Quando il 16 gennaio del 2023, ha saputo che il boss dei boss Matteo Messina Denaro era stato arrestato, cosa ha provato?

“E’ stato un importante momento di riscatto e di liberazione per la nostra terra di Sicilia e, credo, per tutta l’Italia. Si trattava del latitante in cima alla lista dei maggiori ricercati d’Europa e nella top five mondiale. Un successo strepitoso per lo Stato, anche se avvenuto dopo 30 anni di ricerche. Per quanto mi riguarda mi è dispiaciuto che non sia stato rintracciato dalla Polizia di Stato ma la cosa che ho subito pensato è che la sua cattura avrebbe determinato una profonda rivisitazione degli equilibri all’interno dell’organizzazione mafiosa “Cosa Nostra”, non solo trapanese ma nel suo complesso, e che occorreva tracciare, senza ritardo ed in perfetta sinergia con la Magistratura inquirente e con la altre Forze di Polizia, una nuova strategia per individuare, per tempo, i percorsi che l’organizzazione mafiosa avrebbe potuto seguire dopo l’arresto”.

Anche voi eravate sulle tracce del padrino?

“Lo sforzo della Polizia di Stato per individuare il latitante è stato grande e ininterrotto. Il risultato, purtroppo, non ci ha premiato ma non abbiamo nulla da rimproverarci. Onore al merito, oltre che alla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo che ha coordinato le attività di ricerca, ai colleghi che hanno materialmente proceduto alla cattura. Mi preme sottolineare che, comunque, questa è la risultante dello sforzo, prolungato e determinato, che tutti gli Enti che si occupano di Polizia Giudiziaria sul territorio hanno prodotto. L’attività dispiegata negli anni nei confronti della famiglia del latitante e dei suoi sodali è sotto gli occhi di tutti. Una pletora di arresti e fermi, con le conseguenti condanne, nonchè di sequestri di beni di ingente valore, che sono stati sottratti alla famiglia e ai suoi fiancheggiatori, danno la dimensione dello sforzo prodotto dalla Magistratura e dalle Forze di Polizia, nessuna esclusa, e della determinazione con cui è stata indebolita la rete di protezione che era posizionata attorno al ricercato”.

Ha sperato che, dopo il suo arresto, Matteo Messina Denaro cominciasse a collaborare?

“Certamente. Tutti coloro che stanno dalla parte della verità e della giustizia lo hanno auspicato”.

Quanto sono importanti le rivelazioni dei pentiti?

“L’apporto fornito alle indagini dai collaboratori di giustizia è stato ed è determinante per penetrare fino in fondo nei gangli delle famiglie mafiose e nelle poliedriche interessenze criminali che le riguardano. Si tratta di uno strumento irrinunciabile per combattere le mafie”.

Delle tante tappe lavorative, qual è stata l’esperienza che l’ha formata e fortificata e perché?

“Non saprei dare una risposta secca. Ho affrontato l’avventura professionale con umiltà e tanta voglia di imparare, anche dagli inevitabili errori fatti. Dal punto di vista della mia formazione si è trattato di una sorta di “working in progress” e, quindi, posso affermare che tutto è stato importante. Tuttavia, il periodo che, dal punto di vista operativo, mi ha più di altri formato è stato quello trascorso, nella prima metà degli anni ’90, alla Squadra Mobile di Siracusa. Eravamo nel bel mezzo della guerra di mafia e l’attività di investigazione e di repressione era febbrile ed appassionante. I risultati investigativi furono eccellenti. Si dormiva poco o nulla ma bisognava restare lucidi e soprattutto umani. Il rischio più rilevante era, infatti, quello di perdere, di fronte ai tanti orrori che si presentavano frequentemente davanti agli occhi, la sensibilità che, invece, deve essere la caratteristica principale per un poliziotto che, per mestiere, è chiamato ad intervenire lì dove c’è il dolore. Dal punto di vista organizzativo, invece, ho ricevuto tanto dall’esperienza fatta, subito dopo il periodo trascorso a Gela, quale Capo di Gabinetto della Questura di Siracusa (dall’agosto 2007 all’ottobre 2012). Sono stati 5 anni intensi durante i quali abbiamo affrontato tante situazioni emergenziali come ad esempio, e senza la pretesa di essere esaustivi, i tanti sbarchi di immigrati, i frequenti scioperi che coinvolgevano il Polo Petrolchimico, i confronti, talvolta anche serrati ma sempre costruttivi, con le Organizzazioni Sindacali. Ma, soprattutto, nel 2009 abbiamo organizzato in modo inappuntabile, e lo dico con un pizzico di immodestia, il G8 dei Ministri dell’Ambiente. La pianificazione e la gestione dei complessi servizi di ordine e sicurezza pubblica correlati a quell’importante evento hanno segnato senz’altro il mio percorso e mi hanno completato professionalmente, atteso che sino ad allora mi ero misurato con uffici più prettamente “operativi”, segnatamente i Commissariati distaccati e la Squadra Mobile”.

Qual è il suggerimento che dà sempre ai suoi uomini?

“A chi mi collabora dico sempre che nel nostro lavoro non ci sono battitori liberi ma, al contrario, è necessario essere e sentirsi parte di una squadra. Solo lavorando in team si possono ottenere risultati all’altezza delle attese di coloro che serviamo, cioè i cittadini affidati alle nostre cure. Nessuno deve restare indietro o essere messo da parte poiché tutti, anche coloro che hanno maggiori difficoltà, possono e devono essere messi in condizione di fornire il proprio apporto. Per ottenere il risultato che vogliamo dobbiamo confidare nella forza del gruppo e nella lealtà reciproca e, soprattutto, mai dobbiamo pensare che andrà tutto bene, confidando nella buona sorte. Al contrario, dico ai miei uomini, responsabilizzandoli, che tutto andrà come noi faremo in modo che vada”.

E quello che dà ai ragazzi che vengono attratti dai soldi facili?

“Mi permetto di ricordare ai giovani che la strada pianeggiante o, addirittura, in discesa non porta da nessuna parte anzi conduce spesso a successi illusori. Il crimine con le sue chimere, le sue ricchezze, i suoi modelli è fortemente attrattivo ma di norma conduce al carcere o addirittura alla morte. Basta guardarsi attorno: i criminali si uccidono tra loro, finiscono in carcere per tanti anni o, ben che gli vada, vivono nascondendosi come topi. Per far funzionare il cosiddetto “ascensore sociale” occorre rifuggire da questi modelli effimeri e con impegno e fatica seguire la strada più irta, rimboccandosi le maniche. D’altronde più si percorre il sentiero che inerpica, più si arriva in alto ed alla fine della dura salita il panorama sarà bellissimo. Ai giovani, quindi, dico: non abbandonate mai i vostri sogni, studiate e lavorate con impegno ed onestà, battetevi per una società più giusta e non mollate mai, neanche quando tutto potrebbe apparire perduto. Ricordate che c’è sempre un’altra via, mantenete la barra dritta, acquisite con passione gli strumenti culturali che vi necessitano ed i risultati verranno. Ricordate sempre che qualunque sia la posizione da cui partite sarete sempre e soltanto voi gli artefici del vostro futuro”.

Ci leggono anche dal Commissariato di Gela. Cosa vuole dire a chi l’ha conosciuta? 

“Ho un ottimo ricordo degli uomini che mi hanno collaborato a Gela. Non so, in considerazione degli anni che sono trascorsi, quanti di loro siano ancora in attività e quanti invece siano andati in pensione. Com’è normale che sia, di molti di loro ho ricordi nitidi, di altri un po’ più sfocati ma li saluto tutti affettuosamente e dico loro che sono convinto che, insieme, abbiamo fatto un buon lavoro per la città, i cittadini onesti e per la Polizia di Stato. Li ringrazio singolarmente per quello che hanno saputo dare ed auguro a tutti ogni bene per il futuro”.

Nel corso di questi anni, il dottor La Rosa ha ricevuto la nomina di cavaliere e quella di Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. La sua bacheca è ricca di encomi solenni e lodi per attività di servizio conferiti dal Dipartimento della Polizia. 

Perché ha scelto di fare il poliziotto? 

“Le ragioni che mi hanno indotto a fare questa scelta, non solo lavorativa ma anche di vita, sono molteplici. Fin da ragazzo, ho sempre sentito forte la necessità di dare il mio contributo per costruire una società più giusta, di combattere le prevaricazioni e la disonestà. Accarezzavo, quindi, l’idea di entrare a far parte della Polizia o della Magistratura inquirente per dare il mio contributo. Gli eventi della seconda metà degli anni ’70, con riferimento al terrorismo, e degli anni ’80, con riferimento alla criminalità organizzata, hanno ulteriormente consolidato la mia determinazione. Per questo motivo scelsi di iscrivermi alla Facoltà di Giurisprudenza per poi tentare quest’avventura. Fu poi la lettura del libro: “Mafia – l’atto di accusa dei giudici di Palermo”, a cura di Corrado Stajano, ad essere stata determinante per le mie scelte future. Si tratta, in buona sostanza, di uno stralcio della sentenza-ordinanza prodotta dall’Ufficio Istruzione di Palermo che condusse poi al maxi processo a “Cosa Nostra”. Fu una lettura appassionante e travolgente che ha definitivamente rafforzato la passione per questo mio lavoro. Da lì al concorso per Vice Commissario di Polizia il passo fu breve”.    

Se non fosse riuscito nell’intento di entrare a far parte della Polizia, cosa avrebbe fatto?

“Oggi come oggi, non riesco a vedermi in un altro ruolo. Tuttavia, se il progetto non si fosse realizzato, avendone la possibilità, avrei scelto un lavoro che potesse soddisfare, almeno in parte, la mia necessità di fornire un contributo per costruire una società migliore. Forse avrei scelto di fare il docente per cercare di indirizzare i giovani su una strada positiva”. 

Sicuramente contento per il Trapani che ha stravinto il campionato di serie D

“Sono arrivato a Trapani quando la squadra di calcio della città disputava la Serie B ed aveva, qualche anno prima, sfiorato la promozione nella massima serie. Purtroppo le cose non andarono bene negli anni a seguire con fallimenti e cancellazioni che avevano fatto sparire la città di Trapani dal calcio che conta. In quest’ultima stagione sportiva, con l’avvento di una nuova proprietà, la squadra e la città stanno vivendo un periodo straordinario. Lo stadio è tornato un grande luogo di ritrovo e divertimento, la squadra ha stravinto meritatamente il campionato di Serie D ed il prossimo anno si cimenterà tra i professionisti. Sotto il profilo dell’ordine pubblico è stato un impegno notevole ma, in onestà, devo dire che il tifo trapanese è sano e non può certo annoverarsi tra le piaghe che affliggono la città. Purtroppo non è mancato qualche idiota ma è stato subito isolato dalla società, che ha preso immediatamente le distanze, e dai veri tifosi, che vanno allo stadio solo per divertirsi e sostenere la propria squadra. Il resto lo hanno fatto i miei uomini che, individuando gli stupidi e i violenti, mi hanno consentito di emettere parecchi Daspo così da mettere in sicurezza lo stadio, i veri tifosi e lo spettacolo. Mi piace aggiungere che la città di Trapani sta vivendo quest’anno un’altra grande avventura sportiva nella pallacanestro. La squadra dei “Trapani Shark”, che disputa la Serie A2, è stata attrezzata per il salto nella massima serie e nelle gare casalinghe, spesso, si registra il sold-out con oltre 3500 spettatori che gremiscono il palasport. A breve inizieranno i play-off e questo sarà, senz’altro, un rinnovato impegno per la Questura di Trapani ma anche, e soprattutto, uno spettacolo sportivo di alto livello a disposizione degli appassionati di basket trapanesi. Per rispondere alla sua domanda dico, senz’altro, che sono sempre molto contento quando lo sport diventa protagonista della nostra società poiché attraverso la passione per lo sport si innesca un circolo virtuoso. Di norma, in questi casi, i giovani sono stimolati ad avvicinarsi all’ambiente sportivo che li induce ad intraprendere percorsi positivi, sani e formativi. Se riflettiamo, infatti, i ragazzi che fanno sport difficilmente li vediamo bivaccare per strade o bar. La mattina vanno a scuola, il pomeriggio lo dividono tra lo studio e l’allenamento. Lo sport aiuta a rispettare le regole, fa comprendere cosa sia la disciplina, il duro lavoro, la fatica ed il sacrificio per raggiungere un risultato agognato. Dire che “lo sport è scuola di vita” può sembrare una frase fatta ma non lo è affatto”.

Continua a leggere

Ipse Dixit

Giuliana Fraglica, l’estro e la fantasia per i giovani

Pubblicato

il

“Noi adulti abbiamo bisogno di parlare ai giovani, di offrire modelli positivi e alternativi a quelli che loro seguono sui social per farli crescere consapevolmente. Dobbiamo ispirare i giovani con le nostre vittorie o attraverso il come siamo riusciti a superare momenti bui e difficili! Invece pretendiamo e basta senza ascoltare ciò di cui loro hanno bisogno. È inutile paragonare la nostra generazione a quella di oggi. Che senso ha paragonare? Bisogna avere soluzioni per affrontare il cambiamento, non esiste una generazione superiore ad un’ altra, esiste l’umanità che cambia e noi dobbiamo stare al passo, offrendo ai giovani un contributo, una mano, fiducia e amore!”

A primo impatto, potrebbe essere l’incipit di una narrazione dei tanti libri di sociologia che invadono gli scaffali impolverati dei negozi; niente di tutto questo. E’ invece il pensiero composto, dettagliato e preciso di Giuliana Fraglica. Favolista, intrattenitrice, cantante. Iperattiva, sempre sorridente. E’ riuscita a trasformare la sua passione per la scrittura, in una vera vocazione.

“Ho sempre scritto, sin da bambina, già alle elementari. Nonostante la dislessia e le difficoltà che da essa derivano, leggere e scrivere sono sempre state attività meravigliose che mi hanno regalato sempre tanta gioia!”

E’ più difficile scrivere testi musicali o quelli teatrali?

“Non è una questione di difficoltà ma di tempi di realizzazione che per quanto riguarda il teatro sono sicuramente più lunghi”.

I tuoi lavori (mi riferisco ai ibri) sono delle proprie narrative scolastiche ritenute altamente educative. Da cosa prendi spunto per scriverli?

“Mi piace guardarmi attorno, ascoltare tanto le persone soprattutto i bambini e i ragazzi, leggo molto e poi ogni cosa diventa un pretesto per raccontarla attraverso la lente delle mia fantasia”.

Quotidianamente sei a stretto contatto con i bambini. Quali sono le loro fragilità, le loro problematiche?

“Molti bambini sentono il peso delle aspettative degli adulti. Ho scritto due serie di  “Tu sei una meraviglia” proprio per puntare un faro su questi argomenti”. 

Secondo te, i bambini vengono ascoltati dagli adulti oppure si tratta di casi rari quando ciò accade?

“Non posso generalizzare, però è sempre la qualità dell’ascolto che fa la differenza. Avere un dialogo di qualità con un reale livello d’ascolto, che tu sia bambino, adulto o ragazzo, oggi è difficile”. 

Quando un bambino sale sul palco, cosa prova?

“I bambini sul palco si divertono. Sono un esempio costante per me”.

E tu cosa provi?

“Quando guardo loro sul palco, sono felice e mi emoziono. Sono eccezionali! Così come anche gli adolescenti, perché non lavoro solo coi bambini. I ragazzi sono una potenza incredibile. Io credo nelle future generazioni! Cosa provo io quando sto sul palco? Mi diverto molto da sempre!”

Cosa ricordi della tua prima apparizione datata 1994 dinnanzi al pubblico, in occasione dei concerti live?

“Sono passati 30 anni…. Di quella sera sul palco del Royal mi ricordo che ero felice perché stavo facendo la cosa che mi piaceva di più ovvero cantare e poi tutta la gente in piedi ad applaudire. All’ inizio non mi sono resa conto poi è stata una emozione incredibile. Da lì è nato tutto”.

Un altro anno importante è il 2002 quando prendi parte al progetto Flanders del concittadino Vincenzo Callea. Come è nata la collaborazione con il dj e producer di fama internazionale?

“Vincenzo seguiva il nostro progetto da lontano conoscendo già me e gli altri componenti della band da molto tempo, poi quando ha sentito alcune nostre produzioni che lo hanno convinto ha deciso di collaborare con noi. È stata una collaborazione meravigliosa anche da un punto di vista umano!”

Più facile scrivere testi musicali in italiano o in inglese? 

“Per me è più facile scrivere testi musicali in inglese perché ascolto musica americana da sempre e parlo fluentemente l’inglese. La lingua inglese è stata anch’essa una passione che ho coltivato studiando da sola con l’ausilio di libri, audiocassette e soprattutto ascoltando musica”.

Che sensazione hai provato quando nel 2008 il singolo Behind è balzato al primo posto della classifica americana Billboard Airplay?

“Ero incredula ma molto felice soprattutto quando sono andata negli Stati Uniti e le persone cantavano la mia canzone. Ho vissuto tutto con grande serenità, cantare, scrivere, recitare sono attività come qualsiasi altra, bisogna sempre stare coi piedi per terra”.

Chi è stato per te Antonio Caruso?

“Il mio maestro di recitazione e mentore nella scrittura teatrale. Il mio primo esempio”.

Tutti i lavori che hai fatto, sono figli del forte attaccamento e dedizione alla tua professione e come i figli sono tutti belli. Sei d’accordo?

“Assolutamente si. Mi chiedono sempre quale delle mie attività mi piaccia fare di più, capisco che la risposta può suonare banale ma mi piacciono tutte. Spesso mi manca il tempo però e vorrei averne di più”.

Qual è il miglior complimento che hai ricevuto?

“Me lo ha fatto una bambina in un tema che ha scritto per la scuola e che la maestra mi ha condiviso. Scrisse così: “ vorrei essere Giuliana Fraglíca che fa tante cose: è un’attrice, canta, gioca coi bambini, ha scritto quattro libri ed è sempre felice e ama quello che fa”. Penso che nessuno mi abbia mai descritto così efficacemente”.

Solo complimenti o anche critiche?

“Mi hanno dato tanti consigli nella vita e di questi consigli ho sempre preso quello che mi serviva ed è stato importante”

Perché a Gela è così difficile emergere, soprattutto in ambito teatrale e musicale? 

“Perché non abbiamo una tradizione culturale in tal senso”.

Quando con i tuoi amici parli di Gela, cosa dici?

“Io parlo di Gela sempre con grandissimo amore. Cerco di rendere onore e omaggio a questa città cercando sempre di fare del mio meglio. Le difficoltà ci stanno dappertutto, soprattutto al meridione. Penso che singolarmente ognuno possa fare la differenza”.

Il tuo ultimo libro letto?

“Ninfee nere di Michel Bussi”

Progetti per il futuro?

“Per adesso voglio solo portare in scena i miei allievi del laboratorio di teatro educativo Opláb. Il mio futuro è sempre il presente. Ho la fortuna di lavorare coi ragazzi e sento che loro sono in cerca sempre di nuovi stimoli per superare i loro limiti. Hanno delle bellissime idee, visione, progetti e sanno ancora sognare grandi cose. Bisogna amare i giovani!! Dovremmo dare più fiducia ai giovani e criticarli meno e noi adulti dovremmo essere sempre più un esempio e invece stiamo perdendo questa incredibile opportunità. Perché, come diceva il grande Sandro Pertini,  “I giovani non hanno bisogno di sermoni, i giovani hanno bisogno di esempi di onestà, di coerenza e di altruismo.”

Chiudiamo con una tua poesia?

“Miei cari giovani. Fate emergere

Il coraggio nelle sfide quotidiane:

Gli eroi dimorano nei vostri cuori!

Realizzate una vittoria dopo l’altra

e piantate semi di pace!”

Continua a leggere

Ipse Dixit

“Bisogna continuare a lavorare nelle scuole per veicolare e diffondere la cultura della legalità”

Pubblicato

il

Desidero sapere, come premessa iniziale, se cortesemente preferisce essere chiamata Questore o Questora?

“Pur essendo una forte sostenitrice del rispetto dei generi, tuttavia, ci sono degli incarichi che non hanno bisogno di essere declinati al femminile, anche per un fatto di orecchiabilità. Signora Questore mi piace di più”.

Pinuccia Albertina Agnello, il prossimo 15 maggio, compirà un anno alla guida della Questura di Caltanissetta. Nata a Scordia, graziosa cittadina in provincia di Catania, circondata da agrumeti e uliveti, il Dirigente Superiore della Polizia di Stato si è laureata con lode in Scienze Politiche nel 1986 e in Scienze delle Pubbliche Amministrazioni nel 2007 presso l’Università degli Studi di Catania. Ha sempre avuto una vocazione per la legalità e per la giustizia. 

Quale bilancio traccia a quasi un anno dal suo insediamento alla Questura nissena?

“Un bilancio positivo in termini di rimodulazione del controllo del territorio a cura delle pattuglie preposte sia nel Capoluogo che nei territori di competenza dei Commissariati distaccati di Gela e Niscemi col costante supporto delle pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine di Palermo o di Catania, messe a disposizione dal Servizio Controllo del Territorio di Roma; progetti di realizzazione di adeguati spazi per uffici deputati alla ricezione pubblico; istituzione di presidi di polizia presso i Pronto Soccorso di Caltanissetta, Gela e Niscemi; organizzazione di seminari formativi per tutto il personale della Polizia di Stato, allargati alle altre forze di polizia, su temi importanti quali il Codice rosso, il disagio psico sociale ed altro ancora.  Nel bilancio positivo ci tengo a inserire il consolidato ottimale rapporto interistituzionale che intercorre con la locale Prefettura, con i comandi delle altre forze di polizia e con altri importanti enti istituzionali operanti sul territorio della provincia”.

La pianta organica della Polizia nel Nisseno è sufficiente o bisognerebbe incrementarla?

“Dopo il lungo blocco del cosiddetto turn over a causa della legge di stabilità che aveva anche impedito di indire concorsi per l’assunzione di giovani leve per i ruoli degli agenti e degli ispettori, da qualche anno la ripresa dei concorsi pubblici ha cominciato a dare linfa vitale agli uffici di polizia. Non abbiamo ancora del tutto coperto le previste piante organiche ma siamo a buon punto. Peraltro, ogni 6 mesi, in coincidenza con la fine dei corsi di formazione per agenti della polizia di stato e all’incirca ogni 12/18 mesi, in coincidenza con la fine dei corsi di formazione per vice ispettori, il Dipartimento della pubblica sicurezza prevede il potenziamento costante di personale anche per la Questura di Caltanissetta”.

Quali sono i reati più diffusi in provincia e dove e come bisogna intervenire?

“Quella di Caltanissetta è una provincia vasta con una concentrazione urbanistica variegata e per niente   uniforme rispetto al territorio complessivo. Anche i fenomeni criminosi hanno questo aspetto disgregato, concentrandosi di più in alcune zone rispetto ad altre. L’attenzione degli uffici investigativi è dedicata alle zone dove ancora insistono storiche famiglie mafiose (sia quelle vicine alla Stidda che quelle facenti capo a Cosa Nostra) che purtroppo sono dedite al traffico di sostanze stupefacenti. Tuttavia, si dedica molta attenzione agli aspetti di prevenzione dei reati attraverso il pedissequo controllo del territorio, sia con i servizi ordinari che con la predisposizione di servizi straordinari, alcune volte interforze sulla base di intese raggiunte in sede di Riunioni tecniche di coordinamento presiedute dal Prefetto”.

Più volte è stato rimarcato che bisogna segnalare ogni fatto delinquenziale di cui si è vittima. Il vostro appello è stato recepito dal cittadino?

“Bisogna continuare a lavorare nelle scuole o attraverso i mass media per veicolare e diffondere la cultura della legalità, intesa anche nei termini di una sicurezza partecipata che passa anche attraverso le segnalazioni del cittadino. In questo ambito, buoni risultati si stanno ottenendo attraverso la conoscenza dell’utilizzo dell’App YouPol, sulla quale l’utente gratuitamente anche in forma anonima può denunciare dei fatti di cui è venuto a conoscenza ovvero chiedere aiuto”.

In provincia di Caltanissetta, sono presenti quattro mandamenti mafiosi. Tanti sono stati negli anni gli arresti e le successive condanne.  Si sbaglia quando si pensa che le “famiglie” e i loro intrecci siano stati definitivamente debellati?

“Tantissimo è stato fatto dalla Polizia di Stato e dalle altre forze di polizia preposte alle attività di polizia giudiziaria già a partire dai primi anni ’90 nel territorio della provincia avverso le organizzazioni mafiose ma non bisogna demordere o allentare le attenzioni investigative. La mafia sa come adeguarsi alle nuove economie ovvero al tessuto socio-economico del territorio su cui punta i propri illeciti interessi; pertanto, è importante che si continui a studiare l’evoluzione del fenomeno e affrontarlo di conseguenza”.

Per decenni, all’ingresso della città, abbiamo letto il cartello “Gela città videosorvegliata”. Nei fatti non è stato mai così.  Poche settimane addietro, in Commissariato, avete presentato l’impianto di videosorveglianza, immediatamente attivo. Cosa prevede il nuovo (e finora unico) occhio del grande fratello?

“Il Prefetto, proprio in occasione della presentazione del nuovo sistema di videosorveglianza cittadina non ha avuto alcuna remora a sottolineare quel paradosso ma ha anche rimarcato l’importanza di guardare oltre e andare avanti per il bene della società pulita della città di Gela. Come autorità di pubblica sicurezza tecnico operativa della provincia, posso aggiungere che si tratta di un sistema di videosorveglianza di alti livelli che consentirà alle forze di polizia e alla magistratura di perfezionare la ricerca e quindi la raccolta di prove oggettive di reati da perseguire”.

Ci sono le condizioni per riavere a Gela un’associazione antiracket dopo la cancellazione di quella precedente?

“Perché no? Siamo pronti a collaborare il Prefetto, nell’ambito della sua specifica competenza, a valutare l’attendibilità delle richieste e l’aderenza ai criteri previsti dalla normativa vigente”.

Inchieste hanno permesso di sgominare a Gela numerosi soggetti dediti alla detenzione e allo spaccio di sostanze stupefacenti. Nonostante tutto, il flusso della droga è in continuo aumento. Come mai?

“Tutto dipende purtroppo dalla elevata domanda e, come una qualsiasi legge di mercato, l’offerta va di pari passo alla domanda…Ecco perché è importante lavorare a 360 gradi in rete tutti gli attori istituzionali, ognuno per la parte di specifica competenza, al fine di consentire alle giovani generazioni di crescere in un ambiente sano, non degradato, culturalmente alto, con buone occasioni di impiego facendo di tutto per non indurli a entrare nella macchina infernale della dipendenza”.

Perché tanti ragazzini, soprattutto nelle piccole realtà della provincia, abbandonano gli studi?

“In certo qual modo, la risposta che le ho dato prima fornisce una chiave di lettura adeguata a quello che mi sta chiedendo. La povertà culturale di una società si ripercuote soprattutto sui giovani. Le istituzioni preposte ai controlli della frequenza scolastica non possono mollare la presa perché la dispersione scolastica è già la punta di un iceberg che non lascia intravedere nulla di buono”.

Lasciando la scuola e non trovando lavoro, non sono facilmente appetibili dalla malavita?

“Sono sicuramente più a rischio, anche perché la malavita attira con la falsa illusione del facile guadagno che darebbe la possibilità di ostentare una qualità della vita basata soltanto sulle cose materiali, prive di valori e fondamenti etici e morali”.

Troppi femminicidi in Italia, le cronache sono all’ordine del giorno. Nonostante le giornate di sensibilizzazione e di approfondimento sul tema della violenza di genere, si continua ad uccidere. Perché tanta violenza?

“Da qualche tempo, mi sembra di leggere un bollettino di guerra che dovrebbe sconvolgere tutti e che dovrebbe indurre la società sana a reagire con un “no…basta”. Tanto si sta facendo nelle scuole, così come all’interno dei nostri ranghi per una formazione quanto più adeguata ad affrontare situazioni che lasciano intravedere il pericolo della violenza di genere. Tuttavia, bisogna puntare sulla informazione/formazione dei giovani, sin dalle scuole primarie, degli insegnanti e dei genitori. Infatti, tra gli incontri calendarizzati dalla Questura con l’Ufficio provinciale scolastico ne sono previsti alcuni specifici con gli insegnanti e con i genitori. Quello che diciamo sempre ai ragazzi è di non nascondere il disagio e di confidarsi con un genitore, con un/a amico/a, con un insegnante per farsi aiutare ad uscire allo scoperto davanti a qualificate figure professionali (psicologi, avvocati dei centri antiviolenza, poliziotti) per affrontare la delicata situazione in tempo utile”.  

Il Questore Agnello, è entrata nel ruolo dei Commissari della Polizia di Stato nel 1987 dopo aver vinto il concorso per Vice Commissari.  Dall’agosto del 1988 al gennaio del 1990 ha rivestito l’incarico di funzionario addetto presso la Squadra Mobile della Questura di Agrigento, coordinando le Squadre Volanti, mentre da marzo a luglio dello stesso anno, è stata reggente del Commissariato di Palma di Montechiaro, ricoprendo la carica di dirigente dall’agosto del 1990 al luglio del 1992.

Lei ha rivestito diversi ruoli che hanno impreziosito il suo bagaglio personale per le parecchie esperienze professionali in diverse comunità in cui ha operato. Quale città le ha lasciato un ricordo indelebile e perché?

“La città che mi ha lasciato più ricordi indelebili sia da un punto di vista professionale che personale è stata senz’altro Palma di Montechiaro. Da giovanissima Commissario Capo, ho diretto il Commissariato in un periodo terribile per la guerra apertasi tra Cosa Nostra e Stidda che mieteva ogni anno decine di vittime. Avevo un gruppo di poliziotti giovani come me con i quali facemmo squadra, compatti, uniti, forti della responsabilità che avevamo di perseguire i criminali ma allo stesso tempo di restituire alla cittadinanza sana una adeguata percezione della sicurezza. Sono stati due anni e mezzo di sacrifici, sotto tanti punti di vista ma alla fine, collaborando anche la Squadra Mobile di Agrigento, arrivammo a concludere una operazione di polizia (denominata Gattopardo) che è rimasta tra gli annali della polizia giudiziaria di quella provincia e non solo, ma, soprattutto, avevamo riportato la gente di Palma ad avere fiducia nelle istituzioni e a riprendersi spazi cittadini, come il centro storico e le piazze, che per anni avevano visto il coprifuoco a partire dalle prime ore del pomeriggio. Personalmente, mi ha arricchito il rapporto che instaurammo con i ragazzi del locale liceo, con un coraggioso Comitato spontaneo di cittadini che chiedevano sicurezza dicendo basta alla mafia e soprattutto il riconoscimento della gente comune che ci fermava anche per strada per chiederci qualunque tipo di informazioni. Ricordo che davanti alle perplessità dei miei agenti a tale ultimo proposito, dicevo che mai avrebbero dovuto rispondere di non esserne competenti ma di attivarsi comunque per indirizzare chiunque ne avesse avuto bisogno”.

Nel luglio del 1992, mese terribile per la strage di via D’Amelio a Palermo, è entrata a far parte della Direzione Investigativa Antimafia di Roma dove ha ricoperto l’incarico di funzionario addetto del Reparto Relazioni Internazionali, con compiti di coordinamento di unità organiche anche all’estero.

Come giudica quell’esperienza che l’ha portata a lavorare anche fuori dall’Italia?

“Straordinaria. Avevo partecipato a quel concorso interno forte dell’esperienza maturata tra Squadra Mobile di Agrigento prima e Commissariato di Polizia di Palma Montechiaro dopo e perché determinata a contribuire alla causa, secondo i criteri condivisi dal Dipartimento della Ps con il giudice Giovanni Falcone. Fui chiamata a Roma subito dopo le stragi del 1992 e ancora di più capii che quella era la mia strada, almeno per qualche anno. Rifarei tutto, anche se per parecchi anni mi allontanai dalla mia famiglia (che ha sempre condiviso e rispettato le mie scelte) e dai sentimenti; tuttavia, ero troppo entusiasta di condividere quel nuovo modo di fare investigazioni, a fianco di qualificati funzionari e ufficiali provenienti da tutti i reparti del territorio nazionale”.

Nel suo vasto curriculum, la dottoressa Agnello ha diretto la Sezione Operativa della Dia di Agrigento. Portano la sua firma, svariate e delicate operazioni di Polizia Giudiziaria eseguite sia sul territorio agrigentino che all’estero. Ha lasciato la sua impronta anche alla Questura di Catania e in quella di Ragusa. E non solo.

 “Sono stata la vice Dirigente del Compartimento della Polizia Ferroviaria per la Calabria tra il 2006 e parte del 2010. Erano anni in cui col Servizio Polizia Ferroviaria di Roma si studiavano nuovi moduli operativi, sia per evitare la devastazione dei treni che puntualmente avveniva durante le trasferte dei tifosi ultras delle squadre di calcio sia per garantire più sicurezza nelle stazioni ferroviari e sui treni. L’impegno è stato notevole ma anche la soddisfazione di riuscire ad applicare nuovi metodi di approccio con i tifosi e con l’utenza non è stata da meno. Quello è stato un periodo in cui mi sono confrontata spesso con la gestione dell’ordine pubblico in concorso con la Questura di Reggio Calabria ed è stata un’esperienza di certo concreta e utile per il prosieguo del mio percorso di carriera, specialmente quando ho ricoperto l’incarico di Vicario del Questore di Siracusa”.

Cosa porta dentro di sé della permanenza in Sardegna dove ha diretto il Compartimento della Polizia Stradale?

“La Sardegna è una terra magica che ti ammalia e quando la lasci senti che ti manca. E’ stato un periodo intenso di lavoro e di conoscenze su tutto il territorio dell’isola; la competente Direzione Centrale mi aveva affidato il compito di intensificare la presenza della Polizia Stradale su quel territorio, curando anche i rapporti con le Questure e con le Prefetture. Ho trovato dei validissimi collaboratori che mi hanno sostenuta e consentito di raggiungere gli obiettivi prefissati”.

Divaghiamo un attimo: quando ha la possibilità, che musica ascolta?

“Sono un’appassionata di musica lirica (adoro Tosca e la Cavalleria Rusticana) ma ascolto molto volentieri la musica leggera e pop. Continuo ad ascoltare alcuni tra i più grandi cantautori italiani, quali Pino Daniele, Lucio Dalla e Fabrizio De Andrè”.

Qual è il complimento più bello che ha ricevuto in ambito lavorativo?

“Più che di un complimento vero e proprio, si è trattato di un grazie particolarmente sentito da parte di una madre per aver trattato con professionalità e trasporto umano il delicato caso di una figlia vessata dal convivente”.

Cosa vuole dire al personale della polizia che opera in provincia di Caltanissetta?

“Direi loro un grazie senza fine per il lavoro costante e spesso sacrificante che svolgono al servizio dei cittadini, qualche volte in condizioni non del tutto favorevoli. E chiederei loro di ringraziare le proprie famiglie per il sostegno morale e materiale che garantiscono e che consente loro di lavorare più serenamente per portare avanti la nostra importante mission: servire il cittadino e farlo sentire al sicuro”.

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852