Seguici su:

L'occhio del bello

L’impegno nello studio e l’importanza della memoria, nel ricordo di Emanuele Riela

Pubblicato

il

È nella mente e nei cuori di chi resta che si eterna il ricordo di chi non c’è più. Ed è lì, proprio lì, che si vive la dimensione più profonda dell’amore, rendendola eterna e insuperabile, in grado di dare forma e sostanza anche a chi è stato strappato alla vita da un destino tragico. Torniamo indietro di oltre tre anni, ai primi di giugno del 2018. Per i postumi di un gravissimo incidente stradale, si spegneva Emanuele Riela. Un ragazzo di 19 anni dal viso dolce, gentile. Un giovane brillante, come tanti, con tante passioni sane come quella per l’informatica e quella per la musica. Altro suo grande “amore” il disegno, si firmava con il tag “Mush”, quello stesso tag riprodotto dai suoi amici con una splendida pittura murale a Piano Notaro.

In questi anni sono state tantissime le manifestazioni in ricordo di Emanuele, partendo dal diploma d’istruzione secondaria alla memoria che gli ha dedicato la sua scuola, l’istituto “Luigi Sturzo”, nel febbraio 2019. E ieri mattina, sempre nella scuola diretta da Rita Cardamone, la consegna di quattro borse di studio che la famiglia di Riela ha deciso di assegnare ad altrettanti studenti meritevoli, che lo scorso anno scolastico hanno superato l’esame di Stato con il massimo dei voti: Sophia Grazia Catalano, Giovanni Esposito Ferrara, Angelica Di Stefano e Aurora Granvillano. Frequentavano il corso Sia, lo stesso di Emanuele, e hanno ricevuto l’assegno simbolico dai genitori del giovane, Concetta Italiano e Vincenzo Riela.

Un modo per sottolineare come lo studio sia uno strumento di straordinaria importanza per essere cittadini attivi e consapevoli, senza tralasciare un accorato appello – lanciato dalla dirigente Cardamone, con la voce spezzata dall’emozione – rivolto a tutti e in particolar modo ai più giovani: prudenza, attenzione e responsabilità sempre, soprattutto quando ci si mette sulla strada. Un momento di forte commozione quello vissuto ieri mattina nella sala riunioni dello “Sturzo”, tra lacrime e sorrisi, per ricordare Emanuele. Anche questo è amore, anche questa è bellezza. Anche questa è scuola.

clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

L'occhio del bello

L’Ascot international “Campione dell’export”, modello virtuoso a livello globale  

Pubblicato

il

Anche a Gela è possibile creare realtà aziendali di successo, capaci di affermarsi ben oltre il territorio ma anche – e soprattutto – in campo internazionale. Lo conferma la storia dell’Ascot international, che ha raggiunto un traguardo prestigioso: il primo posto nella classifica di “Campioni dell’export” stilata da “Il Sole 24 Ore” e dalla società di ricerca interna “Statista”.

L’Ascot, fondata e diretta dalla famiglia Greca, produce generatori e sistemi energetici e si distingue nel proprio comparto industriale di riferimento per l’attività  condotta a livello mondiale. Un’impresa gelese porta così il brand del “made in Italy” in grandi progetti di comunicazione e infrastrutture tanto negli Stati Uniti quanto nei Paesi arabi, puntando su qualità e innovazione sempre ai massimi livelli. Un giro d’affari di circa venti milioni di euro – attesta la ricerca del “Sole” e di “Statista” – generata al 99% dai ricavi provenienti dall’estero: un dato che ha portato l’Ascot in testa alla classifica (che prende come riferimento il 2020), primeggiando su un totale di 200 aziende italiane ritenute “campionesse” dell’export.

Una bella storia che racconta il virtuosismo aziendale che può esserci anche nel nostro territorio, guardando oltre con una cultura d’impresa vincente e aprendosi ai mercati globali con una visione ampia, capace di esportare anche la migliore e più intraprendente immagine della nostra città. 

Continua a leggere

L'occhio del bello

La scuola che torna a splendere, la bellezza che non può mancare

Pubblicato

il

Che anni siano stati gli ultimi due per la scuola italiana lo sappiamo. O forse no, non lo sapremo mai fino in fondo. Gli effetti di questa sciagura, la pandemia, non si esauriranno a breve e hanno comunque già imposto una rivoluzione alla scuola stantia e immobile che ancora si opponeva all’avanzare dei tempi e al fluire delle nuove necessità educative, sociali e culturali. Ma la primavera 2022 ha visto nel nostro Paese il ritorno attesissimo a (quasi) pieno ritmo di una scuola dinamica, vulcanica, promotrice e catalizzatrice di eventi, iniziative, opportunità non soltanto per gli studenti ma anche per tutte le comunità territoriali d’appartenenza.

L’abbiamo visto nell’organizzazione di incontri, nel ritorno dei viaggi d’istruzione anche all’estero, nella pianificazione strutturata di progetti e momenti di confronto con la realtà esterna. L’aggregazione e la socialità sono dunque tornate al centro della scuola e l’augurio è che tutto ciò nel tempo non solo non si perda di nuovo ma si consolidi maggiormente.

In questi ultimi giorni tante foto hanno invaso la piazza virtuale dei social, dalle cene di fine anno con studenti e proff alle conclusioni dell’anno di prova per i docenti che finalmente hanno “conquistato” l’immissione in ruolo. E adesso arriveranno gli Esami di Stato 2022, molto diversi dai due precedenti e per questo particolarmente temuti dagli studenti. Ma anche questo è un bellissimo segnale di (nuova) normalità. La scuola è tornata, anche se non si era mai fermata.

Continua a leggere

L'occhio del bello

Il piacere di tornare a giocare insieme per vincere contro l’indifferenza 

Pubblicato

il

Per due anni abbiamo parlato degli Smart games, raccontandone il valore intrinseco: mantenere una parvenza di quotidianità “normale” in cui l’attività sportiva fosse sempre presente seppur dentro il confinamento delle mura domestiche. Un’impresa quasi titanica. E poi le attività sportive all’aperto, finalmente, ma condotte in maniera individuale, fino a raggiungere la luna (“To the moon and back”) pur di rimettersi in moto. E poi, ancora, la ripartenza. Quella vera.

Quella legata all’incontro e al contatto, al viaggio e alle esperienze lontano da casa. Che per gli atleti di Special olympics hanno un sapore speciale, diverso, più profondo: sono esperienze non soltanto sportive ma di autonomie, di indipendenza, di conquiste di spazi e di tempi perfetti. In appena un mese, tra maggio e giugno, l’associazione sportiva Orizzonte presieduta da Natale Saluci ha prima partecipato agli Invitational games di Malta – rappresentando tutta Italia su mandato di Special olympics nazionale – e poi nei giorni scorsi ha vissuto la splendida esperienza dei Giochi estivi di Torino, il più grande evento sportivo mai organizzato in Italia per gli atleti con disabilità intellettiva.

Ma loro, gli atleti speciali, hanno vinto ancora una volta, mostrando che una società in grado di favorire la vera inclusione permette la rottura degli steccati ancora esistenti, contribuendo a quella rivoluzione culturale che a livello internazionale il movimento fa ormai da mezzo secolo e più. C’è tanto ancora da fare, certo. Soprattutto dalle nostre parti. Ma riscoprire il piacere di tornare a giocare insieme, dopo due anni di sofferenza, ci conduce verso la vittoria nella partita più importante: quella contro l’indifferenza di chi si volta dall’altra parte e non fa nulla per costruire la società di cui abbiamo bisogno, quella della piena, vera, totale parità e uguaglianza di diritti. Per tutti. 

Continua a leggere

Più letti

Direttore Responsabile: Giuseppe D'Onchia
Testata giornalistica: G. R. EXPRESS - Tribunale di Gela n° 188 / 2018 R.G.V.G.
Publiedit di Mangione & C. Sas - P.iva: 01492930852